imageSpunta un nuovo nome che radio mercato accosterebbe all’Empoli. Si guarda in questo caso al reparto offensivo, quello che al netto della decisione di Tavano vedrà comunque almeno un nuovo elemento.

In questo caso però c’è del mistero visto che si tratta di un giocatore non molto conosciuto in Italia, ovvero Jonathan Moya, costaricense che gioca in patria nel Deportivo Saprissa.

 

Ovviamente la notizia è tutta da verificare, anche se il giocatore fa parte della nazionale centroamericana che è cresciuta molto nell’ultimo periodo sfornando giovani davvero interessanti. Tra questi anche Moya, classe 1992, che avrebbe avuto alcuni ammiccamenti anche dalla Major League americana.

Nell’ultima stagione ha segnato 9 gol. Giocatore ovviamente tutto da scoprire, anche le informazioni che abbiamo provato a ricercare non sono molte ma se addosso ha avuto gli occhi dei nostri osservatori vuol dire che la sostanza c’è.

 

Vedremo se rimarrà un’esotica chiacchiera destinata a morire subito o se si potrebbe concretizzare (molto difficile secondo noi) l’arrivo del primo giocatore del Costarica in azzurro.

 

Alessio Cocchi

CONDIVIDI
Articolo precedenteFinisce l'epoca Royal
Articolo successivoCarli: "Abbiamo delle idee, ma niente fretta"
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

10 Commenti

  1. Dai con queste operazioni in Paesi ….. “esotici”! D’altronde hanno da entrare diversi soldi per le cesssioni….

  2. Nome sicuramente non roboante. Per la serie A sicuramente serve altro, però anche Eder era pressoché sconosciuto, quindi se lo stanno valutando significa che qualche potenzialità c’è. Stiamo a vedere.. 🙂

  3. Se l’hanno cercato in Major League americana allora glie bono e sicuramente ormai non da Empoli.
    L’unica cosa di positivo è che si continua imperterriti a sondare soltanto piste italiane.
    Un vanto che ci distingue dalle nane capaci di scendere in campo con solo stranieri.

  4. Effettivamente c’è il rischio, con tutti questi stranieri, di fare come la Fiorentina: Aquilan non gioca quasi mai, se per caso manca Pasqual è una squadra di stranieri. Ma gli italiani non giocano più al calcio bene? Mah!

  5. Certo che certa gente casca proprio a tutto: ma cosa commentate, non vi ricordate Radonjic e Sosa lo scorso anno? Sono operazioni fittizie…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here