Lo avevamo anticipato appena terminato il calcio giocato: il nome di Simone Verdi sarebbe stato il primo annunciato in entrata dalla nostra società.

E cosi sembra essere.

 

Nella giornata di ieri, infatti, Empoli e Milan hanno dato una netta accelerata alla cosa, mettendo la società azzurra davanti a tutta la concorrenza che avrebbe fatto carte false per avere il fantasista classe ’92.

Sempre ieri, Milan e Torino hanno rinnovato la comproprietà del giocatore con i diritti sportivi che sono rimasti in seno al club di via Turati. E proprio Galliani avrebbe dato la sua parola affinché l’ex Juve Stabia possa trasferirsi per la prossima stagione in azzurro.

 

Domani, massimo venerdì, dovrebbe salire a Milano anche il Presidente Corsi e nel corso della “visita” in Lombardia ci dovrebbe essere la ratifica della cessione di Simone Verdi.

Si dovrebbe trattare di prestito, crediamo difficile che ci possa essere un’altra formula per il passaggio del giocatore alla corte di Sarri. Più probabile poi, che a giugno 2014 l’Empoli possa fare un passo in più, ma per questo c’è tempo.

 

Nel frattempo, anche lo stesso giocatore che adesso è in ferie, ha fatto sapere a colleghi che da tempo lo conoscono, che la destinazione Empoli è molto gradita con ovviamente poi la gioia di poter giocare con grandi campioni come Tavano e (speriamo) Maccarone e perché no, provare ad emulare la grande stagione di Saponara per ritornare da grande nel club che lo ha visto crescere.

 

A questo punto crediamo che la settimana prossima potremmo conoscere personalmente Simone Verdi.

 

Alessio Cocchi

CONDIVIDI
Articolo precedenteBusce' dice addio al calcio….giocato
Articolo successivoValdifiori a Forza Pescara.tv: " onoratissimo dell'interesse pescarese"
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

4 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here