bettella figurinaLA PARENTESI AZZURRA – Stefano Bettella arriva a Empoli nel 1996 dalla Fermana, per rinforzare una difesa al debutto in B e per fungere da prima riserva della coppia BaldiniBianconi. L’allora mister Luciano Spalletti finisce per schierarlo nove volte in totale e la società azzurra decide di confermarlo anche l’anno successivo in A. Nella massima serie Bettella fa il suo esordio il 5 ottobre 1997 nel match del Castellani contro il Milan (finito 0-1, gol di Andersson). Durante la stagione colleziona venti presenze, impreziosite dalla rete del momentaneo 1-2 in casa del Piacenza (la gara finisce poi 2-2).

LE STAGIONI SUCCESSIVE – Terminata la stagione con la salvezza dell’Empoli, Bettella rimane in azzurro ma solo fino a gennaio, quando passa al Genoa in B. Con il Grifone il difensore gioca fino al 2001 mettendo a referto poco più di 10 presenze totali. Viene ingaggiato quindi dalla Pistoiese: quello con gli arancioni rappresenterà il suo ultimo anno in serie cadetta. L’anno successivo lo aspetta infatti la discesa in Serie C2 con la casacca del Fano. Il suo peregrinare non finisce qui e l’anno successivo diventa un calciatore della Pievigina, squadra della provincia di Treviso militante in Serie D. L’esperienza veneta non è per lui fortunata, visto che culmina con la discesa in Eccellenza della società trevigiana. Bettella si avvia verso il termine della sua carriera giocando per squadre minori della zona ligure: prima Fantinato, poi Corniglianese, quindi Borgorosso Arenzano e Voltrese.

bettella adessoCHE FINE HA FATTO – Dal 2010 l’ex difensore azzurro è entrato a far parte dello staff tecnico del Genoa. Dapprima è diventato vice-allenatore dei Giovanissimi Nazionali, poi ha allenato gli Allievi B. Dopo una parentesi come vice-tecnico dei Giovanissimi nazionali B, nel 2013 gli sono stati affidati i Giovanissimi Nazionali. La stagione successiva è passato agli Allievi Lega Pro e attualmente è il vice del tecnico della formazione Primavera del club rossoblù, Cristian Stellini.

CONDIVIDI
Articolo precedenteMercato Azzurro | La Fiorentina pensa a Jose Mauri
Articolo successivoCurva Sud esaurita… compra tutto la Fiorentina
Empolese DOC e da sempre tifoso azzurro, è un amante delle tattiche e delle statistiche sportive. Entrato a far parte della redazione di PianetaEmpoli.it nel 2013, ritiene che gli approfondimenti siano fondamentali per un sito calcistico. Cura molte rubriche, tra cui i "Più e Meno" e "Meteore Azzurre.

1 commento

  1. Mitico Bettellone!!!
    Indimenticabili le sue “bombe” su punizione (fra le quali, solo una a segno, proprio col Piacenza) e la sua “poca reattività” negli spostamenti…
    Nell’articolo non viene citato, ma io mi ricordavo che giocando con noi, prima di andarsene, si è rotto il legamento crociato… mi confondo?

    • In effetti….di lui ricordo quella facilità nel lanciare la palla,tanto che di sicuro avrebbe potuto tirare in porta con violenza anche dalla linea di centrocampo….chissà….forse ha giocato sempre in un ruolo non suo….

  2. La partita con il Piacenza si giocò ad Empoli fini 3-2 x gli emiliani…con il gol di testa al 88° mi pare di Buso…il gol di Bettella su punizione era quello del 2-2 con cui si concluse il primo tempo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here