Felice Prevete in maglia azzurra.

LA PARENTESI AZZURRA – Stagione 2007-08: il 20 settembre l’Empoli corona il suo sogno e fa l’esordio in Coppa Uefa contro lo Zurigo. Un giorno che rimane indelebile nella mente di molti empolesi. Ma anche nella mente di molti calciatori azzurri, esordienti nella competizione. Uno di questi è Felice Prevete, cresciuto nella Primavera empolese ma tornato dal prestito alla Cavese. Per lui, centrocampista classe 1987, è un esordio convincente e al termine dell’incontro si sprecano gli elogi nei suoi confronti. La buona prestazione europea rimane però un episodio isolato, visto che nel mercato invernale non viene confermato in azzurro ma passa al Crotone in prestito.

LE STAGIONI SUCCESSIVE – In maglia rossoblù Prevete non trova però spazio e conclude la stagione con una sola presenza all’attivo. L’anno seguente cambia aria, rimanendo comunque in Serie C1: si accasa, più precisamente, al Potenza, con cui totalizza 14 apparizioni. Da qui in poi il centrocampista comincia un lungo girovagare per l’Italia: gioca prima per la Cavese, in C1, poi nel gennaio 2010 passa al Poggibonsi in C2. Nel 2010-11 scende di categoria, trovando un ingaggio al Rosignano Sei Rose in Serie D. Poi è la volta del Monterotondo, sempre in D, mentre la stagione successiva si divide tra Cynthia e Fidene.

Felice Prevete adesso.

CHE FINE HA FATTO – Riassapora il calcio professionistico militando nell’Aversa Normanna, in C2, poi viene ingaggiato dalla Lupa Roma. Tornato all’Aversa Normanna non termina comunque il campionato in Campania, perché in inverno passa all’Astrea in Serie D. In tutto mette insieme 12 presenze con la maglia della squadra laziale. Quest’anno cambia nuovamente casacca: a 29 anni decide di accettare l’offerta del Savoia, club blasonato ma finito in Eccellenza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here