La nona puntata del viaggio che ci farà riscoprire quei calciatori passati da Empoli e dei quali si sono perse le tracce.

 

sebastian cejas empoliLA PARENTESI AZZURRA – Sebastian Cejas, soprannominato “El Terremoto” per la sua proverbiale irruenza, arrivò a Empoli durante il mercato invernale del 2006 nell’ambito dello scambio che portò Gianluca Berti alla Fiorentina. Facendo un passo indietro, il portiere argentino giunse per la prima volta in Italia nel 2001, prelevato dalla Roma: ma in giallorosso non ebbe modo di destreggiarsi, visto che fu ceduto in prestito al Siena in B. Dopo la parentesi senese venne prelevato in comproprietà dall’Ascoli, sempre nella Serie cadetta, e l’anno successivo passò alla Fiorentina neopromossa in B. Quindi, dopo tre stagioni in viola, il passaggio all’Empoli nel gennaio 2006: con la casacca azzurra però Cejas non lasciò traccia e, anzi, si rese protagonista di una sorta di “ammutinamento”, che lo portò a chiedere la rescissione del contratto. In tutto, per lui solo sei presenze in azzurro.

 

LE STAGIONI SUCCESSIVE – Terminato il suo rapporto con l’Empoli in maniera burrascosa, Cejas si trasferì al Colo-Colo, in Cile, per sostituire il partente Claudio Bravo (attuale portiere del Barcellona). In terra cilena l’estremo difensore argentino giocò solamente una stagione, partecipando anche alla Copa Sudamericana del 2006. Dopo la sua parentesi in Cile, Cejas decise di tornare in Argentina e di accettare le lusinghe del Gimnasia La Plata. A sorpresa nel 2009 fece ritorno in Italia, ingaggiato dal Pisa, ma complice il fallimento della società nerazzurra, la sua nuova esperienza durò solo pochi mesi. Chiuse la carriera in patria, più precisamente nel Chicharita Juniors, dove appese i guanti al chiodo all’età di 35 anni.

 

sebastian cejas oraCHE FINE HA FATTO – Dopo essersi ritirato dal calcio giocato, nel 2011 Cejas ha aperto una scuola di perfezionamento per giovanissimi portieri in Argentina, la “Escuela de Arqueros Sebastian Cejas”. L’ex calciatore azzurro ha poi cominciato una collaborazione con la squadra che lo ha lanciato nel grande calcio, il Newell’s, come team manager (curando i rapporti tra la dirigenza, il corpo tecnico e i giocatori). Nel 2015, dopo una parentesi allo Sportivo Belgrano, quale preparatore dei portieri, ha fatto ritorno al Newell’s come collaboratore tecnico dell’allenatore Bernardi.

 

Simone Galli

 

Puntate precedenti:

8a puntata: Marco Pecorari

7a puntata: Tonino Martino

6a puntata: Ibrahim Abdul Razak

5a puntata: Pierre Giorgio Regonesi

4a puntata: Vincenzo Palumbo

3a puntata: Fabio Artico

2a puntata: Roberto Chiappara

1a puntata: Rey Volpato

 

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteI numeri del match (Sassuolo/Empoli)
Articolo successivoPotrebbero costare care "le manette" a Tonelli
Empolese DOC e da sempre tifoso azzurro, è un amante delle tattiche e delle statistiche sportive. Entrato a far parte della redazione di PianetaEmpoli.it nel 2013, ritiene che gli approfondimenti siano fondamentali per un sito calcistico. Cura molte rubriche, tra cui i "Più e Meno" e "Meteore Azzurre.

9 Commenti

  1. A proposito di portieri e meteore, il meglio fù Tafarel che sulla via di Empoli prese come segno divino un guasto all’auto che gli impedì di raggiungere la Toscana decidendo così di non firmare il contratto con gli azzurri.

    • Allora ci va messo anche il mitico Oliviero Di Stefano che regalò alla maratona momenti indimenticabili…ricordo molti cori al suo indirizzo nelle manciate di minuti che riusci a mettere insieme…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here