Ci attende domani un interessante pranzo domenicale in uno dei ristoranti calcistici più importanti d’Italia: San Siro. A Milano andremo per cercare continuità dopo il pari di Roma ma soprattutto la vittoria di Cesena contro un Milan che appare non pienamente in salute ma che non va assolutamente deprezzato ma semmai considerato per quella che il nome ancora rappresenta.

 

empmil4In casa azzurra si è svolta questa mattina la rifinitura, una rifinitura che non ha dato particolari novità che certo non erano ricercate. La formazione, partendo dal 4-3-1-2, sarà quella che in settimana avevamo preannunciato, con i rientri di Croce (squalifica) e Vecino (infortunio) che andranno a completare il centrocampo con Valdifiori. C’è stato qualche dubbio sulla trequarti con sia Verdi che Zieliski a dar grattacapi positivi al mister ma alla fine dovrebbe essere proprio l’ex scuola Milan a scendere in campo. Qualche dubbio anche davanti, dove come ormai diciamo monotonamente da qualche tempo, tutti e quattro si giocano la maglia alla pari ma con la coppia Maccarone-Pucciarelli che potrebbe essere ancora quella prescelta. In difesa nessuna variazione rispetto a settimana scorsa.

Gli azzurri dovranno fare a meno degli indisponibili Saponara e Guarente.

In panchina dovremmo trovare: Bassi, Pugliesi, Laurini, Barba, Somma, Brillante, Signorelli, Zielinski, Diousse, Tavano, Mchedlidze.

“Questo Milan è sempre il Milan e non va sottovalutato”, questo in estrema sintesi il messaggio lanciato da mister Sarri nel pregara.

 

Pippo Inzaghi alla fine di una settimana in cui ha provato più di un modulo tattico dovrebbe propendere per il 4-2-3-1, con qualche dubbio da portarsi fino a domani come quello tra Honda e Cerci nel pacchetto offensivo (il giapponese dovrebbe essere preferito in partenza) e quello tra  De Jong e Van Ginkel in mezzo. Davanti agirà destro che ritrova l’Empoli per la terza volta in poco più di un mese. E’ lungo l’elenco degli indisponibili in casa rossonera a partire dallo squalificato Mexes per andare agli infortunati: Zapata, De Sciglio, Mastour, El Shaarawy, Abate, Armero.

E’ chiaro che Inzaghi si giochi molto anche nella partita di domani, una gara (per loro) da vincere a tutti i costi ma il mister milanista più volte mette le mani avanti esponendo le qualità degli azzurri che hanno messo in difficoltà tutte le grandi del campionato.

 

Vediamo quelle che dovrebbero essere le probabili formazioni:

 

Milan Calciologo empoli
 D. LOPEZ SEPE
 ZACCARDO HYSAJ
 RAMI TONELLI
 PALETTA RUGANI
 ANTONELLI MARIO RUI
 POLI VECINO
 DE JONG VALDIFIORI
 HONDA CROCE
 MENEZ VERDI
 BONAVENTURA PUCCIARELLI
 DESTRO MACCARONE

 

 

Alessio Cocchi

1 commento

  1. Ho visto Tavano Mario Rui e Verdi fuori dallo stadio tre ore fa…pronti alla partenza..
    Su questi tre punto domani…
    Un partitone. Forza ragazzi!!

  2. Chi l’ha detto che partiamo battuti?
    Grazie al “grande” Lotito da domani in poi gli arbitri italiani, per la loro stessa incolumità morale, non potranno sbagliare partita, altrimenti verranno considerati dei “corrotti”.
    Il Milan deve vincere e ci concederà spazio e ripartenze ….. secondo me è la partita di Simone Verdi!!!! SONO SICURO CHE I RAGAZZI FARANNO UNA GRANDE PARTITA ONORANDO LA MAGLIA!!!! VITTORIA? NON C’E’ 2 SENZA …..

  3. L’Atalanta e il Cesena devono incontrare Inter e Juve. Se pareggiassimo…al di più non voglio pensare neanche. però però..Forza Empoli!

  4. Oggi giornata propizia…..per le piccole….le avvisaglie ieri con il Palermo che asfalta il Napoli. …..e la viola che vince contro la squadra del potere economico ( squinzi) .non mi stupirei di punti per Cesena e Atalanta …….forza azzurro

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here