Prima è stato il tempo di Graziani & Pulici, poi quello di Vialli & Mancini, adesso c’è quello di Tavano (Ciccio gol) e Maccarone (Big Mac): sono loro i gemelli del gol.

 

La coppia azzurra, coppia che ha diverse cose in comune (oltre appunto a quella di essere il duo del gol empolese) è di certo una della più prolifiche di sempre in maglia azzurra, ma dalla scorsa giornata, è la coppia regina del campionato cadetto. Il rigore trasformato da Ciccio sotto la curva ospitata dai tifosi della Pro Vercelli è stato di fatti il gol numero 29 del temibile due: registriamo quindi il sorpasso sulla coppia livornese Siligardi-Paulinho ferma a 28.

 

Quest’anno, più che mai, l’Empoli va indentificato nella squadra, in tutta la sua completezza, con staff tecnico e dirigenziale sullo stesso livello. Sarebbe davvero come mancare di rispetto a qualcuno il voler mettere sul piedistallo qualche elemento a discapito di altri. Si sa però che il calcio trova il suo orgasmo quando si gonfia la rete; una parata miracolosa al novantacinquesimo difficilmente resterà nella storia come un gol di eguale importanza.

Ecco quindi che Tavano e Maccarone, devono per forza, avere un ruolo importante nella storia del campionato in essere.

 

Parlavamo di analogie tra i due, beh la prima che salta all’occhio e che ambedue non sono certo di primo pelo, anzi, sono tutti e due dello stesso millesimo, l’anno di grazia 1979.

E poi ambedue hanno con Empoli un rapporto di amore che va oltre ogni limite: tutti e due sono esplosi in riva all’Arno per poi andare a fortificarsi altrove (facendo monitezzare non poco la società di Monteboro) per poi tornare giurando eterno amore.

 

Guardando ai dati singoli, Tavano ha già realizzato 16 reti, ed è davvero vicino al suo record di 19 (2004-05) gol segnati in una stagione. Altra analogia, guardacaso, è che anche Big Mac è a tre lunghezze dal suo personale record: ad ora vanta 13 timbrature, e la sua personale vetta è a quota 16 (2000-01).

Volete un’altra analogia: hanno sbagliato un rigore a testa, e per di più nella stessa partita, quella di Terni.

 

Nico Raffi

CONDIVIDI
Articolo precedenteDate ufficiali playoff & playout
Articolo successivoRecupero serie B: a Crotone non cambia niente.
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

29 Commenti

  1. Rettificare prego:
    il rigore parato da Renato vale come e forse più di un goal e rimarrà sempre nei nostri cuori!!!! della serie è vero che le parate non verranno ricordate, ma c’è parata e parata!!!!

  2. penso che la parata del rigore che ha fatto dossena
    il giorno 8 giugno sia da considerare alla pari
    del gol di esposito a modena,quello di esposito a cremona,
    quello di baldini al vicenza,quello di cinello al cesena,
    quello di urbano al cesena(neutro di modena),quello di
    meloni alla paganese (4-1)…evvia evvia…
    se non altro la parata di dossena penso che abbia
    salvato il gioco del calcio ad empoli (almeno
    ad alti livelli..)

  3. Il rigore parato da Dossena è la cosa che fino a questo momento rappresenta l’Empoli dal 1921 ad oggi.
    In quel momento io, ma credo anche altre persone, ho provato sensazioni non paragonabili a quelle di un goal.

  4. Senza dubbio la parata di Dossena e’ da incorniciare dalla importanza che ha avuto…

    Tavano-Maccarone sono la nostra coppia di “vecchietti” che andando avanti con gli anni migliorano sempre, certamente i suoi goal quest’anno sono stati importantissimi, ma dietro lavora una squadra e senza un Regini,Moro,Valdifiori a questi livelli i goal sarebbero stati meno…..nonostante tutto ETERMO AMORE PER CICCIO E BIG-MAC!!

  5. No, secondo me l’immagine più bella della storia del calcio a Empoli è il gol di Martusciello a Firenze al 90° contro le nane.

  6. Mi riferisco al fatto che senza quella parata l’Empoli F.c. non esisterebbe più.

    L’odio per le nane lo condivido anch’io.

  7. Ero giovanissima, ma il gol di Esposito a Modena non potrà mai avere uguali, forse un gol scudetto che non vedremo mai 🙁
    Macca e Ciccio sono due grandi, soprattutto per quanto stanno dimostrando in termini umani d’affetto verso Empoli.

  8. Ogni epoca ha le sue “pietre miliari”, sentite in modo diverso a seconda del fatto di aver vissuto certi momenti dal vivo o solo attraverso i racconti di chi ha qualche anno in più. Di certo la parata di Dossena entra di diritto nel novero dei momenti epici del calcio azzurro, al pari di alcuni goal mitici (fra i quali quelli che avete già citato).

  9. Dossena per me resterà per sempre nei ricordi di ogni tifoso azzurro, però capisco il discorso fatto da PE che tutt’altro vuol essere denigratorio nei confronti di Renato. Lunga vita a Ciccio e Macca

  10. Il record di 19 gol in serie B per Tavanoriguarda solo l’Empoli, infatti nel 2008/2009 fu capocannoniere con 24 reti.

  11. Il suo gol più bello? Secondo me, quello del 2-0 al Siena nel 2005-2006: Tirando da fuori beccò il sette e s’infortunò.

    • il gol del 2 a 1 al modena su assist di foggia…
      e’ vero c’era un bel vento ma ciccio calcio’ di
      prima e da molto lontano la mise nello stesso angolino che dici tu…

  12. La parata di Dossena nello spareggio play-out è l’ impresa più…inutile della storia del calcio Empolese…lo sapevano tutti che nessuna delle due squadre avrebbe giocato in Lega Pro!!!

    Il gol di Martuscello?…è solo un gol in una partita…allora preferisco il gol di Ekstroem alla Fiorentina a pari merito con quello di Osio all’ Inter o quello di Bertarelli al delle Alpi contro
    il Toro…o il terzo di Rocchi alla Juventus…o la domenica prima la giocata di Tavano su Brechet a San Siro che consenti a Tommaso di segnare e di farci vincere contro l’ Inter .

    Per me il gol più importante dell’ ultimo ventennio azzurro è quello di Esposito nella finale play-off di Modena…con oltre 5.000 tifosi ed ultras al seguito…indimenticabile!!!

    Se devo scegliere la prodezza di un nostro portiere…beh, ho ancora negli occhi il rigore parato dell’ allora mitico Balli al 90° di un Chievo-Empoli 0-1 (con gol del grande Carmine nel diluvio del Bentegodi).

    • Non è vero che la parata di Dossena è stata la più inutile della storia, anzi… Vorrei ricordare che l’Empoli, in caso di sconfitta in quella gara, non avrebbe goduto di ripescaggio in quanto condannato dalla giustizia sportiva nell’ambito dell’inchiesta sul calcioscommesse…

      • Cavolo, questa non la sapevo proprio, ma considerando la “coerenza” della giustizia sportiva mi pare comunque possibile.
        Vuoi dire che: in caso di sconfitta col Vicenza, poichè l’Empoli ai tempi risultava comunque coinvolta per la questione Empoli-Grosseto 2-2 (poi rivelatasi una bufala, vedi TNAS), con l’esclusione del Lecce dalla serie B, la Federazione, in una sorta di “giustizia a priori”, basata solo sul “sentito dire”, avrebbe ripescato i biancorossi vicentini invece che noi?
        Che schifo!

  13. Al di là del modo con cui si esprimi, per la prima volta concordo con S’Ostina il goal di Esposito rappresenta nella storia dell’empoli la “premessa” a tutto ciò che c’è adesso; la parata di Balli fu una circostanza fondamentale x la promozione dell’anno successivo.
    In entrambi i casi, con orgoglio, posso dire “io c’ero”!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here