empoli-fiorentinaPotrà essere una frase fatta, potrà essere sicuramente un discorso di circostanza ma va da sé che la gara di domani è una gara particolare, una gara speciale, quella che tutti i cuori azzurri attendono:  il derby con la Fiorentina.

Qualcuno sostiene che la  partita, quando si gioca a Firenze, possa avere un valore ancor maggiore e questo forse perché poter fare lo sgambetto in casa altrui un pizzico di soddisfazione in più magari lo regala, ma anche la gara che si consuma nel nostro stadio ha gli stessi identici crismi emotivi che fanno dormire poco e niente nella settimana antecedente il match. E non è da poco anche il fatto che quest’anno ricorre il trentennale dall’unica vittoria casalinga contro la Fiorentina, ottenuta proprio nel primo storico confronto in campionato, in quella nostra prima storica serie A del 1986.

 

È  un derby sicuramente strano quello di domani, perlomeno a livello di sensazioni.  Quando le due squadre si sono affrontate nelle girone di andata, soprattutto per la stampa nazionale, si presentava quella partita come tra le due squadre più divertenti e belle da vedere e sicuramente la partita non fu certo avara di emozioni, con un Empoli capace di andare avanti di due gol (che sarebbero potuti diventare tre se fosse stato dato un rigore netto ai nostri) ma che poi ha rischiato di far vivere ai cugini una rimonta importante che fortunatamente non si consumò. Un girone dopo la netta sensazione collettiva è che queste due squadre il meglio stagionale lo abbiano già dato ed adesso siano a raccogliere le ultime cose che possono essere prese, facendo ricorso più  alla forza d’inerzia che alla  gran velocità espressa inizialmente.

C’è da dire che sicuramente gli azzurri nella gara di sabato scorso a Torino qualcosa in più e di più vicino a quanto di bello visto in quel girone d’andata ce lo hanno mostrato,  in particolare nel primo tempo, con due nitide occasioni da gol che con un pizzico anche di fortuna avrebbero potuto magari cambiare la storia di quella partita. Una gara, quella dello “Stadium”, che dovrebbe aver ridato alcune certezze che dovranno essere fonte importante per le energie da mettere in campo domani.  Difficile invece capire come ci arriva la formazione viola a questa gara, visto  che ha vissuto una settimana molto particolare, nella quale il gossip intorno all’attuale allenatore ha tenuto maggiormente banco rispetto alle vicende di campo, con in più la polemica sul caro biglietti.

 

Quella dei biglietti è  stata appunto una delle situazioni che hanno fatto maggiormente chiacchierare e porre l’attenzione dei media e dei tifosi nei giorni passati, con una tifoseria fiorentina che parrebbe per la stragrande maggioranza schierata sul boicottare l’evento. Abbiamo già avuto modo di dire anche attraverso altri pezzi quello che è il nostro pensiero, ovvero che certo non staremo qua a strapparci i capelli, anzi possiamo tranquillamente rincarare la dose dicendo che il tutto è veramente molto pretestuoso e di poca logica viste le cifre che gli stessi tifosi della formazione gigliata hanno hanno speso durante l’intera stagione. Non ci possono certo venire a raccontare della fatiscenza dello stadio Carlo Castellani – che certo non sarà un bijoux, altrimenti non saremo a parlare di rifacimento dello stadio –  ma che sicuramente non può essere il peggior luogo in cui quegli stessi tifosi hanno visto una partita nella loro storia. Tutti coloro che vanno da ospiti al “Franchi” avrebbero ragione di essere perennemente in polemica.

Però è chiaro, questo sì, che se il calcio è uno spettacolo lo è anche perché  sugli spalti c’è di fatto un qualcosa che vive di vita propria parallelamente a quanto succede in campo, creando quella magia e quell’emozione che rende il il calcio il gioco più bello del mondo e se questo viene meno, soprattutto nella partita importante come una stracittadina, certo non può essere cosa da raccontare con estrema soddisfazione. Sarà un argomento, questo, sul quale tutte le tifoserie assieme dovrebbero fare un ragionamento e – perchè no? –  una battaglia politica per far capire a chi pensa di comandare, che il calcio senza spettatori è prodotto davvero poco spendibile.

 

Domani però si gioca e domani agli azzurri si chiede un qualcosa in più.  Non è certo l’obbligo specifico della vittoria che vogliamo pretendere dei ragazzi che andranno in campo ma  l’impegno dovrà essere oltre i massimi livelli come di fatto sottolineato in settimana da tutti i protagonisti che hanno avuto modo di parlare.  Se nelle ultime settimane un po’ tutti abbiamo chiuso un occhio su alcuni passaggi a vuoto anche dal punto di vista prestazionale, perché l’ottima classifica deve essere alla fine il fulcro del tutto, domani per certi versi dovrà essere vissuta come una finale, una partita a sé con una sua storia indipendente. Sarà una gara da giocare tutti insieme, gli undici con le maglia azzurra dentro al rettangolo verde di gioco, e tutti gli altri cuori azzurri sugli spalti, incitando la squadra per tutti i 95 minuti, perché questo derby possa tornare ad essere storico e perché questo derby possa essere la partita della chiusura dei giochi per il nostro 12º scudetto. Che derby sia!

ORA E SEMPRE … FORZA EMPOLI

 

Alessio Cocchi

 

 

 

 

7 Commenti

  1. A proposito di stadio fatiscente…un mio collega di lavoro che abita vicino a Firenze e che va spessissimo a vedere la Fiorentina,mi ha detto che in maratona sono appiccicati uno all’altro e non riescono a muovere ne braccia ne gambe perchè davvero non c’è spazio ne per muoversi e nemmeno per uscire dalla fila se uno si è scocciato di vedere la partita.Alla fine la nostra maratona è migliore cento volte!Riguardo la partita,visto il risultato del Frosinone e le difficili partite di Carpi(soprattutto) a Verona e del Palermo in casa con la Lazio,tre punti con la Fiorentina e il discorso salvezza è chiuso.

  2. Non capisco perché a FROSINONE in un solo anno di serie A , col rischio di retrocedere per settembre rinnovano lo stadio ,noi in 30 anni siamo riuscita a far slittare di un anno i lavori.

  3. Enrico quel che dici è condivisibile, ma considera che a Frosinone lo stadio è in una zona della città improponibile per la serie A, e forse anche per la serie B, praticamente attaccato alle case. Hanno tutto lo stadio in ferro e solo la tribuna in muratura, che mi sembra molto piccola. E non mi immagino come siano gli spogliatoi, sala stampa ecc… E poi, hanno una struttura fuori città inutilizzata, con molto spazio intorno. Diciamo che hanno avuto vita facile e che erano obbligati al cambio stadio, e la serie A gli ha portato i soldi necessari.

  4. Tanto un la rifanno, visto che retrocedono….
    Ha perso anche il Carpi: Domani mattina l’Empoli ha un bel match-point da giocare…..

  5. Frosinone comunque per quanto piccola è pur sempre provincia ed ha un presidente molto più danaroso del Corsi.

  6. Io mi tengo stretto il corsi !!! Domani se si vince ci si salva matematicamente , il nostro undicesimo scudetto

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here