Finisce 1-1 il secondo posticipo della trentesima giornata del campionato di serie B, vero big-match di turno che richiama allo stadio “Atleti Azzurri d’Italia” un pubblico da serie A. Il primo tempo finisce 0-0, ma la gara è piacevole e riserva molte emozioni. L’Atalanta dimostra di essere però più squadra, più tecnica, più esperta. Quella di Colantuono è una formazione che scava la roccia goccia dopo goccia e ottiene il gol del vantaggio al 7′ della ripresa con Padoin.

 

Ma l’azione che porta al vantaggio orobico è bella, ed è doveroso descriverla. Marilungo appoggia per Carmona, palla filtrante dentro l’area per Ruopolo, che nel cuore dei sedici metri piemontesi anzichè tirare preferisce appoggiare a destra per Padoin: tiro in diagonale e Ujkani è battuto.

A questo punto succede che l’Atalanta si rende conto di essere con un piede in serie A (+5 sul Siena, +9 sul Novara terzo, addirittura +14 sul Varese quarto, ndr) e la testa vola tra le nuvole. Il Novara invece la testa non la perde mai, e continua a fare la sua partita.

 

La squadra di Tesser però non gioca con foga, non vuole esporsi e concedere facilmente il raddoppio ai padroni di casa e prova piano piano a far salire il proprio baricentro. Alla mezzora arriva però un chiaro segnale che testimonia di come il Novara ci sia eccome: colpo di testa di Lisuzzo e palla a lato di un soffio.

A due minuti dal termine ecco il pareggio: cross in area e colpo di testa in tuffo vincente di Rubino; Consigli battuto. Giusto così, e campionato tutto sommato ancora aperto… finchè reggono Varese e Reggina…

 

Gabriele Guastella

2 Commenti

  1. HO VISTO LA PARTITA..E CONFERMO..GARA PIACEVOLE..
    NULLA A CHE VEDERE CON GLI SQUALLIDI SPETTACOLI
    CHE CI REGALA IL SIG.AGLIETTI..
    SPERO L’ABBIA VISTA ANCHE LUI..PER RENDERSI
    CONTO DELLA SUA INCAPACITA’..

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here