Campionato PRIMAVERA TIM – Trofeo “G. Facchetti

Girone  A – 4° ritorno

12 febbraio 2011

Fiorentina – EMPOLI   0 – 0

FIORENTINA

Seculin, Piccini, Bittante, Salifu, Fatticcioni, Masi, Acosty, Taddei, Iemmello, Carraro, Matos

A disposizione: Miranda,  Bagnai, Romiti, Agyei, Panatti, Grigoni, Seferovic

Allenatore: Renato BUSO

Sostituzioni:

al 64’ entra Agyei esce Matos
al 68’ entra Romiti esce Bittante
al 81’ entra Salifu esce Grifoni

EMPOLI

Addario, Mazzanti, Tognarelli, Chiavazzo, Menegaz, Alderotti, Videtta, Bianchi, Castellani, Pucciarelli, Kanon

A disposizione: Furlan, Arzeo, Gennusa,, Tempesti, Galli, Masini,Campus

Allenatore: Ettore DONATI

Sostituzioni:

al 40’ entra Masini esce Alderotti
al 84’ entra Gennusa esce Videtta

Arbitro: Federico La Penna (Roma 1)

Assistenti: Alessandro Raparelli (Albano laziale) – Giuseppe Servillo (Roma 1)


AMMONITI

15’ Alderotti (E) – 85’ Masi (F)

ESPULSI

75’ Castellani (E) per proteste – doppia ammoinizione

LA GARA

Un Empoli “operaio”, come lo ha giustamente definito mister Donati nell’intervista post gara, ha inchiodato sul pareggio a reti bianche la squadra viola. Partita delicatissima quella di oggi in chiave play off che l’Empoli ha dovuto giocare senza tre giocatori importantissimi nello scacchiere azzurro: Camano, squalificato, e Brugman e Shekiladze, andate a rimpinguare (uno in panchina e l’altro in tribuna…) la sparuta pattuglia di mister Aglietti alle prese pure lui con molte defezioni. Peccato, perché la partita di oggi meritava un Empoli al gran completo e peccato sopratutto se si pensa che un attaccante come Shekiladze, che molto avrebbe fatto comodo alle ripartenze  azzurre, è stato praticamente solo spettatore di Empoli – Ascoli. Domanda: ma una volta deciso che andava in tribuna qualcuno non poteva portarlo alle Caldine?

Comunque, assenze a parte, l’Empoli ha dimostrato di esserci, dall’alto di una condizione fisico-atletica più che buona e soprattutto di una convinzione assente nella prima parte del Campionato alla quale stanno dando una mano sia il lavoro fatto dai ragazzi sia, credo, la personalità di capitan Tognarelli, un vero gladiatore e “capitano”.

Mister Donati ha disegnato ad inizio gara una formazione nella quale Konan era esterno alto del tridente con Videtta e Pucciarelli dietro la punta Castellani, con la mediana formata da un inesauribile Bianchi e da un attento e preciso Chiavazzo.

La Fiorentina ha risposto col suo solito modulo che lascia la punta Iemmello a creare fastidi con il supporto dei tre immediatamente dietro Acosty, Carraro (trequartista) e Matos.

L’Empoli c’è, e si vede. La squadra mette in campo tanta personalità e buone giocate tanto che all’8’ potrebbe passare in vantaggio quando su traversone di Tognarelli da sinistra Castellani a pochi metri da Seculin non colpisce bene di testa e manda a lato.

Contropiede viola al 12’ interrotto da un intervento alla disperata di Mazzanti che impedisce al pallone di arrivare sui piedi di Matos lanciato a rete da Carraro.

Fiorentina pericolosa al 17’ :è Iemmello che si vede deviare in angolo dalla difesa azzurra un tiro da dentro l’area di rigore.

Ma è l’Empoli che va ancora vicino al gol un minuto dopo, per due volte.

Siamo al 18’ e  Menegaz  si vede respingere sulla linea di porta viola un suo tiro di testa su calcio d’angolo battuto da Bianchi, Un minuto dopo p ancora il difensore azzurro che, sempre su calcio d’angolo, anticipa la difesa avversaria e di testa sfiora il palo alla destra di Seculin.

Fiorentina in avanti al 24’ con Carraro che poco dentro l’area azzurra manda a lato e al 25’ su punizione calciata dal trequartista viola sulla quale Addario arriva di pugno a mandare in angolo.

L’unica azione veramente pericolosa di tutta la partita la Fiorentina la fa al 39’ su iniziativa del neo acquisto Salifu che  se ne va velocissimo sulla corsia di sinistra, supera Alderotti e arriva a tu per tu con Addario, leggermente defilato: il portiere azzurro respinge di piede.

Il pallone si impenna e quando ricade in area saltano Taddei e Alderotti. Scontro di testa tra i due. Il centrocampista viola torna in campo con una vistosa fasciatura alla testa ma il difensore azzurro deve essere trasportato in ospedale dove gli viene riscontrata una profonda ferita sull’arcata oculare e un trauma cranico. Dopo i punti di sutura il ragazzo viene trattenuto in osservazioni. Auguri!

L’uscita del difensore costringe mister Donati a rivedere i suoi piani tattici: Konan torna a fare il difensore e in avanti entra Masini. Buona davvero la sua prova.

Il secondo tempo è un inutile ed inconsistente fraseggio della Fiorentina ed un Empoli che ben disposto in campo si difende senza concedere praticamente niente agli avversari.

Solo al 18’, su una incertezza della difesa dell’Empoli, Acostyi trova tra i piedi il pallone del possibile 1 – 0 ma Konan riesce ad intervenire e respinge.

Niente da registrare se non l’espulsione per proteste di Castellani al 30’. Il centravanti azzurro viene probabilmente spinto mentre se ne va di corsa verso la porta ma l’arbitro non fischia e alla prima protesta si becca il giallo. Purtroppo la protesta continua ed arriva il rosso. Una ingenuità, che regala alla Fiorentina qualche speranza per il finale di gara. Speranza che però si infrange tra le maglie azzurre.

IL GIOCATORE PIANETA EMPOLI

MENEGAZ. Il centrale azzurro non ne sbaglia una e contribuisce a regalare sicurezza e personalità alla difesa azzurra, una difesa che sembra stia ritrovando buoni equilibri.



A cura di Fabrizio Fioravanti

CONDIVIDI
Articolo precedenteAncora un successo azzurro ! 1-0 all'Ascoli
Articolo successivo26a giornata serie Bwin
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

3 Commenti

  1. tenere un giocatore in tribuna per sottrarlo alla primavera
    non mi sembra una grande mossa..molti anni fa’togliendo un certo montella alla primavera per portarlo
    in prima squadra si pregiudico’ il campionato..cerchiamo
    di ricordarselo..
    e poi io ci avrei mandato anche musacci e gorzegno
    cosi’ gli si faceva un c… cosi’a quei ripescati e falliti!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here