Campionato Primavera TIM – Trofeo “G. Facchetti”

Girone A – 5° giornata andata

15 ottobre 2011

EMPOLI  vs  Genoa  1 – 0

Da Monteboro

Fabrizio Fioravanti


EMPOLI

Ricci, Borri, Hysay, Della Latta, Chara, Rugani, Diarra, Camano, Castellani, Tempesti, Shekiladze

A disposizione: Furlan, Bellavigna, Mattiello, Ghelardoni, Gatto,, Saccà, Bencini

Allenatore: Martino MELIS

Sostituzioni (tutte le 2° tempo):

al 22’ entra Ghelardoni esce Diarra
al 25’ entra Gatto esce Shekiladze
al 38’ entra Bellavigna esce Borri

GENOA

Zima, Sampirisi. Alhassani, Kovouma, Marchiori, Krajonc, Baskera, Molinelli, Held, Nascimento, Sais

A disposizione: Lagomarsini, Bani, Guarco, Condorelli, Candia, Cicatiello, Maisto

Allenatore: Raffaele MOVELLI

Sostituzioni (tutte le 2° tempo)::

al 12’ entra Condorelli esce Baskera
al 34’ entra Maisto esce Condorelli
al 40’ entra Candia esce Said

Arbitro: Saverio Pelagatti  (Arezzo)

Assistenti: Luca Calcopietro (Ostia Lido) – Daniele Stazi (Ciampino)

GOL

43’ Shekiladze

AMMONITI

90’+3 Tempesti (E)


ESPULSI

nessuno

LA GARA

Un Empoli concreto e cinico ha avuto ragione di un Genoa che ha proposto, per tuta la gara, il suo gioco fatto di geometrie, pressing e anticipo ma che non ha mai concretizzato il gol, grazie anche alla bravura di Ricci. La premessa tuttavia non inganni e non faccia trarre conclusioni frettolose: i ragazzi in maglia azzurra sono stati bravi nel frammentare il gioco rossoblu, nel proporsi talvolta in veloci ripartenze che, specie nella fase iniziale del secondo tempo, sono state pericolose azioni da gol. Mister Melis ha dovuto fin qui assemblare ragazzi di età ed “origini” diverse: l’ossatura della squadre è si formata dai ragazzi del 93’ e sopratutto dagli ex Alievi del ’94, ma ci sono anche da gestire gli inserimenti dei ragazzi del ’92 che arrivano dalla prima squadra. Proporre un’idea di gioco con queste variabili e farla assimilare non è facile né immediata, ci vuole il suo tempo. Ecco che allora l’essere riuscito a dare ai ragazzi grinta, personalità e ad amalgamarli un’idea di gioco non è poco. E i risultati si vedono. La squadra ha senz’altro “carattere” e questa è una buona base su cui lavorare con tranquillità.

Oggi ha giocato di più e meglio il Genoa ed il risultato è forse troppo generoso per gli azzurri (come ingeneroso fu il pareggio raggiunto in extremis dal Cagliari….) ma nel calcio contano anche altri valori e conta soprattutto chi fa gol. L’Empoli ha fatto il suo gol, e a dire il vero, ne anche sfiorati un paio; ha, con il suo portiere, tirato giù la saracinesca , ed ha portato a casa i tre punti sfatando il “tabù” Monteboro dove mai in questo inizio di Campionato e di Coppa era riuscito a vincere.

Partono bene gli azzurri che dopo 4’ minuti sono pericolosi con Tempesti che, ben lanciato in area genoana da Castellani, si fa anticipare di un soffio da Zima. Ancora Empoli al 9’ con un bello scambio sull’ estremità dell’ area di rigore rossoblu che vede protagonisti Shekiladze, Castellani e Tempesti che conclude a rete ma non riesce a dare forza al suo tiro. Il Genoa comincia a macinare il suo gioco fatto di geometrie e pressing, il tutto condito dal possesso di doti tecniche di qualche singolo davvero interessanti. Ecco che al 15’, dopo che Diarra perde una palla a centrocampo,Nascimento lancia Said  che si presenta solo davanti a Ricci e spara un diagonale forte ed angolato: primo miracolo del portiere azzurro che vola a respingere. Due minuti dopo è ancora Said (devastante nelle prima parte della gara) che dal limite dell’area azzurra manda un forte rasoterra a sfiorare il palo alla destra di Ricci. Ancora Said al 25’. Va a battere una punizione sulla corsia di destra genoana sulla quale Ricci è chiamato a fare gli straordinari. L’Empoli si rivede al 31’ con Shekiladze che, smarcato da Tempesti, sfiora il palo con un bel rasoterra. Al 36’ è Diarra a tentare il gol con un tiro da fuori che si spenge non lontano dal palo di destra di Zima. Al 43’Camano perde palla a centrocampo e mette in movimento gli avanti genoani: Held va di filata verso Ricci ma per fortuna, un istante prima del tiro, viene contrastato da Chara. Al 43’ l’Empoli va in gol. La difesa del Genoa pasticcia su una ripartenza e Krajnc perde palla su pressing di Tempesti che è lesto a lanciare Shekiladze. L’attaccante georgiano entra in area genoana, fa fuori un difensore e, sull’uscita di Zima, lo trafigge con un efficace tiro con la punta del piede destro che si insacca in diagonale alla destra del portiere. Alla ripresa l’Empoli ha due buone occasioni per raddoppiare. Al 9’ con Shekiladze che tira da fuori area e chiama Zima ad una non semplice parata: tra l’altros ulla respinta Castellani va in gol ma l’arbitro annulla per fuorigioco. All’ 11’ l’azione piu bella della partita, tutta sulla corsia di sinistra dell’attacco azzurro. Camano recupera palla dalla linea difensiva e appoggia a Tempesti, scambio in velocita con Shekiladze ancora Camano che dalla linea di fondo rimette al centro dove arriva Castellani a  colpire di testa….fuori. Da qui è il Genoa che fa la partita ma la sua supremazia di gioco non si traduce quasi mai in azione pericolose…se non al 36’ quando Held. Ricevuta una palla dentro l’area azzurra, ad altezza dischetto di rigore, manda un bolide a viaggiare sotto la traversa di Ricci ma qui il numero 1 dell’Empoli termina i suoi miracoli e con un balzo felino riesce ad arrivare con la punta delle dita sul pallone a mandare in angolo.

GIOCATORI PIANETA EMPOLI


RICCI: lo abbiamo detto in cronaca. Oggi ha parato tutto il parabile e, se possibile, anche di più

RUGANI: grande tecnica, grande senso della posizione, grande personalità. Un giocatore di sicuro talento e di grande prospettiva. Purché mantenga l’impegno di adesso e la stesa umiltà. Si può essere grandi anche senza alzare la voce o volersi far notare a tutti i costi. Chiaro?

TEMPESTI: l’attaccante azzurro ha corso e tenuto palla, ha fatto l’assist vincente a Shekiladze, ha impegnato la difesa genoana in dribbling, tackle. Sempre in movimento, e si è visto pure in fase difensiva. Oggi gli è mancato il tiro….ma non è che si può sempre far tutto. Una prestazione eccellente.

17 Commenti

  1. e via con le marchette al Ricci. Il problema è che perdete ogni credibilità. E fate anche del male a lui ed al suo babbo, che quando è a Monteboro e suo figlio gioca (..sennò pare abbia un lutto) sembra un professore. Oggi ha fatto quello che fa un portiere normale.

  2. Continua la tradizione degli ultimi anni su buoni portieri sfornati dalla primavera, vedi Dossena, Pelagotti, Addario e ora Ricci. Complimenti a Mister Drago.

  3. Ma Fioravanti ma nOn ti vergogni a essere così spudoratamente di parte ?!? Ero alla partita e ricci ha parato il Primo miracolo come lo chiami te sul suo palo di un tiro da fuori area e il Secondo miracolo è un tiro forte ma centrale….. Ma daiiiii facciamo i seri !!!!

  4. Ma Caro settore giovanile Empoli che hai scritto in precedenza… Ma Furlan dove lo lasci che l anno scorso ha fatto benissimo ed è stato pure in nazionale,ed ora è il terzo in prima squadra ? Senza nulla togliere agli altri citati

  5. io sono daccordo che furlan e un ottimo portiere molto bravo ma non capisco perche prendersela con ricci se sta vacendo bene sta facendo bene e punto.chiaro che un genitore preferisce quando il figlio gioca penso sia cosi anche per i genitori e tutti coloro che seguono furlan si capisce bene da cio che trovo scritto qui . importante e che i ragazzi facciano bene

  6. Non volevo entrare in questa polemica, pero’ c’ero alla partita e Fioravanti hai veramente esagerato ecco perche’ poi ci la si prende col Ricci xche’ non e’ giusto per tutti gli altri che non possan godere di queste sviolinate gratuite e quindi dubbi di raccomandazioni sono piu’ che leciti: due tiri in tutto, uno che andava fuori di suo…… chiamati miracoli , ma rileggiti:
    parato tutto il parabile ed anche di piu’ , sei proprio disonesto ed e’ q

  7. C’ero. Il Genoa ? Se davanti avesse disposto di una punta all’altezza , sarebbero stati dolori. Ottime individualità. Alhassan (il 3) e Nascimiento (il 10) su tutti. La bravura dell’Empoli è stata l’intelligenza di aspettare per colpire. E” una dote importante quella di capire quando hai davanti una squadra leggermente superiore (nei singoli)come il Genoa. Complimenti ai ragazzi.

  8. Dunque.. Anche questa settimana trovo dei commenti veramente ridicoli… Si inizia con la solita critica al ricci spudoratamente stupida… Non solo ora siamo passati anche ai genitori… Ma scusate ma che critiche del cavolo sono… Le critiche devono essere costruttive se no a che servono? Si puo’ criticare l’articolo di fioravanti ma scrivere che è ridicolo scusate ma ridicoli siete voi.. Fioravanti è un giornalista molto serio e bravo ed è una sua opinione su come ha visto il gioco e giocatori e si può anche non essere d’accordo su quello che scrive ma c’è modo e modo di esprimere la propria opinione. Poi questi nomi fasulli con cui firmate… Scusate ma siete voi ridicoli che non avete il coraggio di firmarvi col vostro nome avete paura di essere riconosciuti perchè uno che parla così di un genitore vuol dire che lo conosce e bene e siccome sig micy92 non hai il coraggio di dirglielo in faccia ti nascondi dietro questo nome quindi sei pure vigliacco. Sono anche io un genitore di un ragazzo che è nella rosa della primavera però mi firmo col mio nome e pire il cognome saccá perchè non mi vergogno io di quello che scrivo a differenza di alcuni di voi… Cordialmente firmato sacca’

  9. cara Pina bella la sviolinata al giornalista….sara’ un caso che proprio oggi ti firmi con nome e cognome ? Coraggiosa !

  10. Caro barry lindon…… Mmm che nome coraggioso hai io non ho bisogno di sviolinate ho scritto anche altre volte… Non te ne sei accorto? Io ci metto la faccia e il nome… E te?

  11. Premesso che mi girano le p..le. per la prima squadra , visto che la trasferta aBari era proibitiva ero a vedero i ragazzi. Ero alla partita e gli “omaggi” al portiere sono esagerate Due parate in tutto.Ho visto invece una bella squadra, compatta, dura, cattiva. Tempesti bravo. I 92 e Chara li avevo già visti al sussidiario. Mi hanno impressionato i tre difensori, Hjsay Rugani e Borri.Bravissimi. Complimenti davvero…. Almeno per una volta ho visto vincere l’Empoli….

  12. dopo aver fatto i complimenti ai ragazzi della primavera , volevo fare i complimenti alla società che in estate ha fatto dei proclami che… si sono puntualmente avverati!
    la prima squadra che doveva puntare ai play off … e vediamo invece dove si trova! La primavera che doveva essere la più giovane d’ Italia , con complimenti ed elogi ai ragazzi del 94 ai quali questo campionato sarebbe servito in prospettiva del prossimo anno (ammesso che il prossimo anno si possa fare la Primavera) e poi improvvisamente che viene imbottita di ragazzi del 92 che non trovano spazio nella prima squadra e che legittimamente hanno diritto di giocare in Primavera.
    Così dopo tutte le belle parole, tanti ragazzi del 94 quest’anno l’esperienza la faranno sui gradoni delle tribune dei vari stadi, dove saranno costretti a sedersi ogni domenica. Questo senza nulla togliere ai ragazzi del 92 che sabato si sono subito calati nello spirito che il Mister vuole sia sempre messo in campo, ottenendo un grosso risultato contro una bellissima squadra.
    Quanto alla qustione Ricci, penso che sia un ottimo portiere e che si meriti gli elogi che gli sono stati fatti, come altre volte sono stati fatti a altri giocatori( Furlan,Kabashi, Hysay ecc.)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here