Il calcio non è sicuramente una di quelle scienze indiscutibili, anzi
tutt’altro.

Il suo bello, l’aspetto che lo rende affascinante, il
fattore che sicuramente lo fa essere ciò che è in relazione al grado di
popolarità è sicuramente che tutti quanti lo possiamo discutere e lo
possiamo vedere a modo nostro.
Certo che però anche il calcio ha un fattore oggettivo, che non può essere
messo in discussione, ed è quello legato ai numeri che poi, alla fine della fiera, determina il successo o l’insuccesso di una squadra.

 

kr_empoli6Ed è per la prima situazione citata che forse la partita di Crotone, a
differenza di tutte le altre 16 gare, ha destato un’incredibile
varietà di commenti e di giudizi, così disparati che a leggerli davvero
non si riesce a capire se l’Empoli ha guadagnato un punto o ne ha persi
due. Poi però arriva il fattore oggettivo, quello dei numeri quello
insindacabile, quello che ti dice: guarda la classifica dell’Empoli e
vedrai che dopo 17 partite è ancora al comando di questa serie B. Sì è

vero, forse in questo caso una mano ce la può aver data anche il Lanciano,

con quel pareggio nel tempo di recupero, ma l’Empoli, non avesse fatto
quel punto avrebbe reso vano anche il pari appena citato, dovendo, seppur con immensa gioia, condividere quella prima piazza.

 

Non vogliamo tornare specificatamente sulla partita giocata che, nella
nostra modesta soggettività ha giudicato un Empoli un po’ così, nella
prima frazione, ma poi ha visto una grandissima squadra nel secondo tempo,
una squadra che ha messo letteralmente alle corde l’avversario salvato
soltanto da almeno tre grandi interventi del portiere. Infarciamo poi il
tutto con l’errore arbitrale sul calcio di rigore su Tonelli, anche
questo oggetto di grande discussione da parte di tutti i tifosi: qualcuno
si è spinto a dire addirittura che il mani non fosse di Tonelli ma di
altro calciatore. Il bello del calcio !

 

Discorsi, chiacchiere, che già la settimana in proiezione al prossimo match
porteranno via, concentrando tutte le nostre attenzioni, a livello
mediatico ma anche per quanto riguarda i tifosi sul futuro e sulla
possibilità di mantenere appunto questo primo incredibile posto.
Sì perché poi, come detto, quello che resta è questo, è il risultato totale
che la squadra sta riuscendo ad ottenere, un risultato assolutamente non
scontato e assolutamente non dichiarato alla vigilia. Anzi, ci permettiamo
di aggiungere, risultato che se dovesse in qualche modo variare non dovrà
assolutamente far storcere il naso a nessuno.

 

E poi signori. concedeteci anche quest’ultima riflessione, che
sicuramente a caldo era anche più difficile venisse fuori ma che adesso
riusciamo a ponderare ed a assaporare meglio, che è quella che riguarda
proprio l’aspetto di alcuni segnali.
Emotivamente la gara pareggiata con il Brescia ha lasciato sensazioni
totalmente diverse da quella pareggiata a Crotone, ma di fatto, seppur a
oltre 400 km,è successa una cosa analoga, un’altra di quelle
situazioni che potremmo definire un segnale.

 

E allora stiamo sereni (e lo diciamo anche a noi stessi), orgogliosi di questa squadra, orgogliosi di questo
sogno che continua e che è sempre più vivo e nitido.

 

Alessio Cocchi

CONDIVIDI
Articolo precedenteLega Pro | Castellani al 90': il Renate vince con la Pergolettese
Articolo successivoTV | L'ultimo match dei prossimi avversari
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

12 Commenti

  1. Certo che dobbiamo essere orgogliosi di questa squadra, anche se Sabato perdevamo 3-0 dovevamo essere contenti di cosa sta’ facendo l’Empoli….credo che per il gioco e la continuità di risultati meritiamo ampiamente il primo posto..!! Adesso fari puntati a Sabato con il Cesena per cercare di prendere questi 3 punti!!!
    P.s; io forse preferivo che il Palermo vincesse..almeno mettevamo qualche punto di distacco in più dalla terza…

  2. Tutto giusto.Non bisogna però vivere con l’assillo del primo posto adesso.L’importante sarà essere nei primi due a fine Maggio! Curiosità:oltr 400 km si riferiva a Lanciano,vero?

  3. si dovrebbe essere la distanza, forse un po di più, tra crotone e lanciano. Articolo giusto, anche se a crotone, x me si è perso due punti.

  4. «qualcuno
    si è spinto a dire addirittura che il mani non fosse di Tonelli ma di
    altro calciatore»
    Ma perché non lo domandiamo (alias “domandate”) proprio a Tonelli cosa è successo?
    La sincerità del nostro centrale è indubitabile, quindi chi meglio di lui potrebbe chiarire la cosa?
    D’altra parte, è bene a mio avviso ribadirlo, braccio destro, braccio sinistro o mani di altro calciatore, arrivati a questo punto conta oramai poco sapere la “verità”, ma visto che anche in questo articolo se ne parla, perché non fare chiarezza definitiva?

    p.s. ha ragione Sam, meglio secondi con più punti sulla terza, che primi con distanza invariata dalla terza! Sempre che si arrivi ai 51 punti prima possibile, ovviamente 😉

    • Sicuramente Usua,avete ragione tutti e 2,anch’io prima che finissero le partite guardavo la terza,piu’ che il Palermo che si trovava in testa…..pero’ bisogna ammettere che essere primi da grandi sensazioni,soprattutto se guidi la classifica da solo….e poi se guardi il calendario e soprattutto la prossima partita con il Cesena,ti accorgi che con una nostra vittoria,potremmo ritrovarci,in considerazione anche degli incontri delle altre….in una probabile prima fuga(magari con il Palermo a ruota)…Naturalmente sempre parlando sulla carta…….

  5. Si ritorna al solito punto: se Mchelidze non segna neanche dall’area piccola a un metro dalla porta come si fa a vincere? Non possono mica sempre segnare i soliti…

  6. E’ vero…..pur inchinandosi ai risultati di Sarri e dei nostri azzurri, se vogliamo trovare degli aspetti in cui si puo’ migliorare (se si puo’ naturalmente), si potrebbe incominciare dai goals dei centrocampisti, che mancano maledettamente, soprattutto con goals fatti con tiri da fuori area……A volte vorremmo entrare con il pallone in porta e facciamo un passaggio di troppo…..Se riusciamo a correggere questo piccolo-grande difetto…….cominciate gia da adesso a fare l’abbonamento per la serie A.

    • Bravo Daniele. Come ha suggerito anche Cagni, a gennaio con una punta di rincalzo per far rifiatare i due vecchietti la squadra è perfetta….

      • Questa è una squadra gia fortissima e come ho gia ripetuto non è che si puo’ pensare che il Georgiano per aver sbagliato un goal(peraltro parato….non ha di certo calciato fuori)non sia o non sara’ decisivo,quando ce ne sara’ bisogno……Con la stazza che si ritrova,per me sta facendo anche troppo bene partendo solo e sempre dalla panchina….anche vedendo quanti minuti a partita gioca(15)……E’ vero ha sbagliato un goal,ma a tutti puo’ capitare….Ciccio a Terni o soprattutto con il Lanciano(meno male che il portiere gli ha respinto sui piedi il primo tiro fatto da un metro….in effetti piu’ che un goal,Tavano sembro’ aver segnato un autogoal perché il pallone gli è quasi picchiato sul piede)o altri goals facili sbagliati da SuperMac,sono li a confermarlo…..Chiaramente se poi….vogliamo prendere anche un’altra punta per rinforzare ancora di piu’ l’attacco….ben venga……..l’importante è che accetti di sedere in panca e di giocare o in caso di piccolo infortunio(mi tocco mille volte)o in caso di squalifica di uno dei nostri attaccanti titolari….almeno per quel che riguarda il partire dal primo minuto……Vorrei anche ricordare,visto anche che sono un amante dei numeri…..che Ciccio l’anno scorso,play off compresi,ha giocato 40 partite su 46 e non ha mai subito nemmeno una squalifica,avendo ricevuto in tutto l’anno 2 ammonizioni….e che altresì,SuperMac,ne ha giocate 43 su 46 con 7 ammonizioni totali che hanno determinato 1 giornata di squalifica………Quindi chi arriva…si chiami come si chiami,dovra’ accontentarsi di scampoli di partite o di pochissime partite in cui partire dall’inizio……a meno che….a meno che……gli azzurri non raggiungano l’obbiettivo molto prima del previsto……(non certo quello dei 51 punti!)I goals dei nostri 2 attaccanti anche quest’anno saranno tantissimi e Verdi e il Puccia contribuiranno alla causa……aggiungiamoci pero’qualche goals in piu’ soprattutto quando le difese sono molto chiuse,senza come dicevo voler entrare in porta con il pallone,ma tirando da fuori con convinzione….e questo spetta ai centrocampisti……..

        • Scusate ma devo capire una cosa: Mchelidze sono cinque anni che non fa vedere nulla di nulla, quanto ancora ci vorrà perchè qualcuno abbia l’onestà di ammettere che è un bidone? Si parla dei goal sbagliati da Tavano e Maccarone, ma questi alla fine dell’anno fanno 20 goal, Levan 1…. perchè in 5 anni gioca solo 15 minuti a partita e quando entra non fa niente? Tutti matti gli allenatori che hanno un campione ma non lo fanno giocare? Pucciarelli a forza di 15 minuti è diventato titolare, perchè il giocatore di base c’è. Mchelidze più gioca e più si avvicina al ritiro perchè non lo venderemo mai a nessuno…

  7. Ciao Alessio, dopo anni che vi seguo e vi leggo trovo che la disamina che hai fatto in questo pezzo è perfetta, l’invito “stiamo sereni” è il più appropriato possibile.
    Come vedi siamo una varietà di persone che mischiano confusamente tifo, passione e la presupponenza di avere ragione per forza e a tutti i costi. Siamo talmente presi di noi stessi che non ci fidiamo di quello che ci dicono e invece di andare a vedere e verificare, pretendiamo di fare polemica ed avere a tutti i costi ragione. E’ il segno dei tempi, e va così…
    Anche se oramai non conta niente, per quanto riguarda il rigore di Crotone, il fotogramma fermo immagine successivo che ho inviato per email, dopo queste furiose inutili polemiche, mostra chiaramente il momento dell’impatto della palla al braccio completamente aderente al corpo di Lorenzo (Lorenzo assolutamente incolpevole si muove con un piccolo scarto del corpo, con Rugani che è in movimento sullo sfondo).
    Sprechiamo energie preziose in inutili polemiche che potremmo avere di scorta allo stadio per tifare azzurro.
    Per fortuna non tutti siamo così… come dire… confusi.
    Personalmente sono d’accordo i numeri contano e quelli ci sono, se siamo primi in classifica non è un caso, a me piace criticare alcune scelte di Sarri (spero non me ne vogliate), per esempio che a Crotone e non solo a Crotone avrei fatto giocare prima Pucciarelli e poi l’avrei sostituito con Verdi; che a centrocampo va trovata una soluzione urgente di potenziamento, ecc….
    Spero vivamente di avere torto e di avere opinioni sbagliate ma solo a fine di questo campionato lo vedremo.
    Posso dire (senza offendere nessuno) che in alcune partite ho visto davvero un bel calcio e che mi sono anche divertito? la giovanissima difesa e il maturo l’attacco stanno funzionando.
    Al tuo invito “Keep Calm” aggiungerei “and Carry On”

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here