“Venghino signori venghino”, il mercato è riaperto !

 

Già, sembra ieri che si erano chiuse le danze delle compravendite, con la partenza di Angella e gli arrivi dei vari Foti, Lazzari e Gorzegno che già si ritorna tra i banchi del mercato del calcio, quelli cosiddetti di riparazione, che dovrebbero servire ad andare a colmare le lacune delle varie squadre per raggiungere gli obbiettivi prefissati in estate.

 

Anche gli azzurri, con la coppia Vitale-Carli si accingono ad addentrarsi in questa fase che da alcuni anni, complice la crisi generale, è davvero latitante e scarsa di colpi ad effetto, anzi si cerca di giocare sempre di più sugli scambi proprio per tirare fuori meno moneta possibile.

 

Mercato difficile si, ma però bisogna comuque entrare e lavorare in entrambi i fronti, quello delle partenze e quello delle cessioni, con ovviamente il must del presidente Corsi, ormai un marchio di fabbrica il suo motto: Prima vendere e poi eventualmente comprare.

 

In uscita i giochi sembrano abbastanza fatti.

I partenti dovrebbero essere due solamente, e sono, ormai la cosa è più che nota, Fanucchi e Kokoszka.

Sul polacco abbiamo già ampiamente parlato nell’articolo di ieri, ribadiamo solamente che la sua destinazione sarà al 99% il Wisla Cracovia, ci sono alcune cose da mettere nere su bianche con la società di origine di Adam e poi il rimpatrio sarà cosa fatta.

Anche per Fanucchi potremmo sparare una percentuale molto alta sulla squadra a cui dovrebbe andare a finire, ma la situazione è un po’ più complicata. Ovviamente parliamo del Pisa, che anche per bocca del suo allenatore, Semplici, vorrebbe fortemente il giocatore in nerazzuro, ma l’ingaggio dell’ex Figline non è propriamente in linea con i parametri della squadra pisana, dovrebbe quindi fare un sacrificio il giocatore, anche se quel sacrificio sarebbe poi ben ripagato con un innesto da titolare. Ad Empoli ormai le porte sono chiuse e la sua ultima prestazione ha lasciato molti dubbi a tutti, tanti da far si che la decisione migliore sia proprio quella di un saluto definitivo.

 

Come detto si dovrebbero limitare a queste due le uscite, anche se, non è escluso che, in regime di offerta interessante ed a quel punto di un lauto rimpiazzo, qualcun’altro che non ha molto spazio, possa magari essere mandato in prestito per trovare maggiore continuità e sicurezza nei propri mezzi, per poi tornare più fortificato ad Empoli. I nomi potrebbero esseri quelli di Chara, vero oggetto del mistero visto che ancora non ha mai esordito e di Cesaretti, giovane dalle belle speranze che specialmente dovesse arrivare una punta, poi ne parleremo meglio, potrebbe essere ancor più chiuso.

Da escludere la partenza anticipata di Diego Fabbrini, il giocatore resterà ad Empoli fino a giugno senza se e senza ma.

 

Veniamo al capito entrate, quello che ovviamente affascina anche di più, perchè il sogno dell’arrivo del giocatore nuovo, quello che possa cambiare le carte in tavola è quello che ogni tifoso ovviamente sogna. Sogni che però potrebbero non durare poco, primo perchè la società è stata chiara sul fatto che la cessione di Fanucchi sarebbe l’unico nulla osta, e poi perchè appunto la materia prima, per i paramenti che la società si è data, non è abbondantissima.

Chi potrebbe arrivare? Di sicuro una punta od una mezza punta con spiccate qualitè tecniche e magari buon senso del gol. Se la squadra di Aglietti ha una lacuna da colmare, certamente quella la si trova nella fase realizzativa. Già in sede di precampionato c’erano state avvisagli su come questa squadra facesse fatica a trovare il gol, gol che poi trova quasi sempre con il solito Coralli. Il nome ad oggi in pole position è quello di Riccardo Taddei, giocatore prossimo a lasciare Brescia. Sembrerebbero al momento riversate su di lui le maggiori attenzioni della dirigenza azzurra, anche in virtù di un discorso aperto con la società di Corioni che ne favorirebbe il dialogo. Su Taddei ci sono altri club, l’ago della bilancia, come dichiarato proprio a PianetaEmpoli.it dallo stesso giocatore è il progetto, che sarà ancor più importante dell’ingaggio.

Non si guarda per il momento ad altri ruoli, e sempre per quanto concerne il reparto offensivo sono in auge anche due possibili ritorni. Quello di Dumitru, che potrebbe arrivare in prestito dal Napoli, e quello di Caturano che tornerebbe dal prestito al Ravenna.

Due situazioni che comunque sarebbero una seconda scelta rispetto al prendere un giocatore nuovo per la piazza.

 

Come sempre il bello del mercato è l’essere smetiti per poi avre subito una nuova bomba per le mani, ed allora “venghino signori venghino”

 

Al. Coc.

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteIl 6 gennaio torna la "Befana Azzurra"!
Articolo successivoDa Vicenza…
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

4 Commenti

  1. Ho letto che Possanzini potrebbe andare al vicenza, da qui si capisce quanta poca forza societaria abbiamo. Facciamo in fretta questi 52 punti, e teniamoci questa B. Ma Vitale quando si dimette ?

  2. Di sicuro un attaccante deve venire, che le cose così non vanno credo che nessuno lo possa mettere in dubbio. Anche io sono scettico su Taddei, nel senso che non lo reputo quello che a noi adesso serve. Il mio sogno resta Sforzini, e rimango ovviamente basito nel leggere di un Possanzini verso Vicenza e di un Tavano verso Spezia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here