90 anni e non sentirli – Buon compleanno Empoli!

90 anni e non sentirli – Buon compleanno Empoli!

di Fabrizio Fioravanti   15 agosto 1920: sul n°23 de “Il Piccolo – Corriere del Valdarno e della Valdelsa” (un giornale locale da anni non più edito, ndr)  fu riportata questa notizia: “Per iniziativa di alcuni giovani si è costituita nella nostra città una Societ&

di Fabrizio Fioravanti

 

Fabrizio Fioravanti15 agosto 1920: sul n°23 de “Il Piccolo – Corriere del Valdarno e della Valdelsa” (un giornale locale da anni non più edito, ndr)  fu riportata questa notizia: “Per iniziativa di alcuni giovani si è costituita nella nostra città una Società sportiva con lo scopo di dar unicamente maggiore incremento al foot-ball…” L’articolo riporta i nomi dei primi soci fondatori, le modalità per iscriversi ed i costi.

 

E’ l’annuncio della nascita dell’Empoli FC… e non diremo della squadra azzurra perché nelle prime partite (udite! udite!) l’Empoli scese in campo con una fiammante maglia rossa.

 

Ho “rubato” queste notizie da un libro che ogni tifoso empolese dovrebbe avere sul comodino….scritto da quell’archivio vivente che è Carlo Fontanelli. Il libro è “La Toscana siamo noi – 1910-2002  La storia del calcio a Empoli”, ed. Geo, 2002.

 

Auguri comunque alla nostra squadra del cuore….ai suoi 90 anni che non dimostra, alla sua storia scivolata via lungo un secolo e affacciata da un decennio su questo nuovo millennio. Alla sua storia che vivono tutti quelli che come me sono rimasti stregati da questa maglia che ha il colore del cielo. Ricordi ….immagini in bianco e nero…intrise di polvere per chi come me ha visto giocare l’Empoli sul campi della serie D…e poi il sogno che si realizza: la serie A. Quando con i calzoni corti andavo a vedere l’Empoli al vecchio stadio “Castellani” (dove oggi ci sono le Poste), se qualcuno mi avesse detto che un giorno avrei visto l’Empoli in serie A lo avrei preso per pazzo. Già la serie B (dove pure avevamo giocato dal Campionato 1946/47 al 1949/50) mi sembrava un’impresa impossibile. E invece….non dimenticherò mai quella data.. 14 settembre 1986, a Firenze, Empoli-Inter, la prima giornata della serie A. Non lo nascondo…piansi. E in quelle lacrime c’erano le tante volte sulle gradinate del vecchio “Castellani” e poi del “Sussidiario” e poi del nuovo “Castellani”..le tante trasferte con i panini e via…treni….autobus…niente tifo organizzato, in trasferta andavamo da soli …partenza la mattina (a volte all’alba) e ritorno la sera… A volte fughe, come una volta a Spezia che me la feci a corsa dallo stadio alla stazione per aver fatto il gesto dell’ombrello a fine gara… Stop. Rischio di fare la figura del vecchio nostalgico che guarda indietro. E invece l’Empoli ci ha abituato da sempre a guardare avanti. Perché l’Empoli è sempre stata e sempre sarà giovane….perchè è fatta di giovani e dei giovani ha l’entusiasmo e la fantasia, la fragilità e l’incoscienza, ma anche la forza e il coraggio,  il gusto per la sfida, la voglia di immaginare un traguardo e la capacità (spesso) di raggiungerlo.

In tutta Italia l’Empoli calcio è sinonimo di serietà, di oculatezza nei bilanci, di valorizzazione dei giovani. E tantissimi sono stati i giovani che sono partiti da qui per andare a fare fortuna altrove, dal mitico portierone degli anni ’20 Gino Baggiani fino a Totò Di Natale.  Altri ce ne saranno.

In un calcio sempre più industria, disumanizzante, è bello essere tifosi di una squadra dove il calcio è artigianato: perché sono artigiani quelli che lo fanno, perché siamo una piccola realtà dove hanno ancora senso le parole amicizia, rispetto, lealtà. E questo vale per i dirigenti, per i tifosi, per tutti coloro che, a vario titolo, sono parte di questo PianetaEmpoli.  A chi ci chiede, in giro per l’Italia, quale sia il segreto di questa piccola realtà che da anni vive nel calcio professionista e che dal 1996 disputa ininterrottamente Campionati di B o di A, potremmo rispondere, senza sbagliare, che il segreto è in ciò che siamo ed in ciò che siamo stati…e, aggiungo, in ciò che vogliamo continuare ad essere.

E’ bello che quest’anno, per i suoi 90 anni, il nostro Empoli riparta da qui.

                                                                             Forza magica azzurra!!!!!

 

                                                                              Fabrizio Fioravanti

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy