Punti di Svista | “Dal possibile inferno della Lega Pro al Paradiso della serie A.”

Punti di Svista | “Dal possibile inferno della Lega Pro al Paradiso della serie A.”

Sono passati dieci giorni da quella notte meravigliosa, ma abbiamo ancora davanti ai nostri occhi quelle immagini di un Castellani stracolmo e festoso, quindicimila cuori azzurri a sospingere la squadra verso il sogno. La partita con qualche patema d’animo, e i due boati ai gol di Eramo (per noi l’

Commenta per primo!

img_0535vicSono passati dieci giorni da quella notte meravigliosa, ma abbiamo ancora davanti ai nostri occhi quelle immagini di un Castellani stracolmo e festoso, quindicimila cuori azzurri a sospingere la squadra verso il sogno. La partita con qualche patema d’animo, e i due boati ai gol di Eramo (per noi l’ha fatto lui) e di Tavano che a ripensarci non può che farci venire i brividi, e poi quella festa prima in campo, e quella del pulmann scoperto che dal Castellani raggiunge piazza della Vittoria con la gente di Empoli letteralmente in delirio. Questo trionfo abbiamo avuto modo di dire che ha molti padri, ma tutto è iniziato da quella drammatica serata (calcisticamente parlando) dell’8 Giugno 2012. Quell’Empoli-Vicenza che al solo pensiero ci fa venire tornare il mal di pancia e la tachicardia.   Tutti noi abbiamo nella testa e nella mente quella sera, e le nostre coronarie sono state testate come un crash-test. Quei 20 minuti che tutti coloro che hanno a cuore il colore azzurro forse ricorderanno per sempre: dallo 0-2 al 3-2 per L’Empoli con il provvidenziale (ma il termine non rende bene l’idea del’impresa) rigore parato da San Renato Dossena a 5′ dalla fine. Passata quella grande emozione pochi o forse nessuno poteva pensare che da quel momento si voltava radicalmente pagina, con il destino aveva preparato per noi qualcosa di bello, speciale, anzi diciamo meraviglioso (come la canzone di Negramaro tanto in voga in questo momento). Passato il pericolo di una retrocessione che sarebbe stata semplicemente devastante, non c’erano, ad essere onesti, le premesse per un futuro florido. Pino Vitale rassegnava le dimissioni, il presidente Corsi lanciava segnali di stanchezza, ed Aglietti non rinnovava.   Poi l’arrivo di Maurizio Sarri che fin da subito si è proposto come una persona che dice quello che pensa ma portandosi dietro grande scetticismo cosi come l’arrivo di giocatori ai più sconosciuti dalla Lega Pro e alcuni giovani. Si notava però dalle prime amichevoli che il mister valdarnese stava dando una impronta diversa, ma l’esordio in campionato però non è dei migliori; 3 punti in 9 partite. Nessuna vittoria e ben 6 sconfitte. Dopo lo 0-3 con l’Ascoli (netto nel risultato ma non nel gioco), Corsi arriva in sala stampa e rinnova la fiducia al mister. Noi vedevamo una squadra che non giocava male, si poteva scorgere qualcosa di buono ma non che il “Meglio doveva venire” come cantava in quei giorni Ligabue e come noi andavamo più volte dicendo. Arriva cosi il famoso 20 Ottobre del 2012, Lanciano, e li arriva la svolta. Viene proposto per la prima volta Regini in mezzo alla difesa (ringraziando amaramente l’infortunio di Ferreira), Bassi torna tra i pali ed arriva un 3-0 spettacolare. Da qui scatta una molla, gli azzurri colgono quattro vittorie consecutive e chiudono il girone d’andata in zona play-off, con quell’ingiusto pareggio contro il Verona nella giornata di Santo Stefano che ancora grida vendetta.   In queste partite fanno parlare di se Hysaj, Regini, Saponara, Croce, oltre a quei vecchietti Tavano e Maccarone. Venire allo stadio è un divertimento la squadra gioca a memoria e vince. Il girone di ritorno arrivano le conferme e gli azzurri con un ruolino di marcia impressionante riescono a salvaguardare ed a giocare i play-off. Poi Il sogno si infrange a Livorno, ma la squadra e la società escono a testa alta e chiudono una stagione con numeri fantastici e molti record come le 11 vittorie in trasferta ed i 70 punti in 33 partite. Record di gol per Tavano e Maccarone con 23 e 18 marcature rispettivamente. Regini e Saponara vanno in serie A (Sampdoria e Milan). Sarri rinnova ma molti pensano che confermarsi sia molto difficile. Valdifiori e Hysaj nonostante le lusinghe di club di serie A e serie B rimangono in azzurro e questo rasserena un po’. L’inizio di campionato è folgorante sulla scia del precedente. 13 punti in 5 partite. Poi arrivano alcune sconfitte in trasferta, peraltro immeritate (su tutte quella di Reggio Calabria). La squadra produce un calcio spettacolare e redditizio, vogliamo ricordare nel girone d’andata le vittorie con il Lanciano del 17 novembre ed i successi al “Picco” di La Spezia ed a Pescara. Al giro di boa siamo a 39 punti altro record; mai L’empoli aveva fatto così bene nel girone d’andata.   emp_pe (947)Il girone di ritorno si apre con la beffa di Latina ma poi arrivano buoni pareggi con Palermo e Trapani. La vittoria non vuole arrivare. Il 22 febbraio si espugna Padova, e la settimana dopo arriva quel pareggio con qualche rammarico di Siena. Tra i mesi di marzo e Aprile gli azzurri vivono il momento più difficile della stagione, La società prima di Empoli-Juve Stabia parla apertamente di obiettivo serie A ed il 6 Aprile arriva la sconfitta fragorosa di Bari, li lo staff tecnico e la società hanno il merito di stringersi attorno alla squadra e toccare le corde giuste per permettere quello scatto finale confermato dalle 7 vittorie consecutive interne che ci ha permesso di realizzare questo meraviglioso sogno.   Un’po di numeri per rendere meglio l’idea di che cosa l’Empoli ha saputo fare in queste due stagioni: 146 punti in 84 partite Tavano e Maccarone che in due stagioni siglano 77 reti. Record di vittorie esterne(11) e vittorie interne consecutive (7). Questa è la storia di un capolavoro, e da oggi ci sono pagine vuote da scrivere una favola che deve continuare. E’ serie A una realtà difficile che molti di noi neanche conoscono, ma che al solo pensiero ci fa battere il cuore. Empoli con tutte le sue componenti si stà attrezzando per fare un nuovo miracolo perchè non smetteremo mai più di ripetere che UNITI SI PUO!   Stefano Scarpetti

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy