Punti di Svista: “C’è sempre il due senza il tre”

Punti di Svista: “C’è sempre il due senza il tre”

Qualcuno potrebbe subito dire che anche i proverbi, alla fine, sono fatti per essere in qualche modo smentiti. E per adesso, purtroppo, è quanto sta accadendo all’Empoli targato Maurizio Sarri, un Empoli che non riesce a mettere tre vittorie consecutive assieme, fermandosi sempre alla seconda. &nb

Commenta per primo!

sarriQualcuno potrebbe subito dire che anche i proverbi, alla fine, sono fatti per essere in qualche modo smentiti. E per adesso, purtroppo, è quanto sta accadendo all’Empoli targato Maurizio Sarri, un Empoli che non riesce a mettere tre vittorie consecutive assieme, fermandosi sempre alla seconda.   Anche nell’ultimo trittico di partite è accaduto lo stesso, con gli azzurri vincenti due volte (Lanciano e Spezia) ma poi fermati in casa dal pareggio con il Brescia. Ovviamente il pezzoo vuole essere di altra natura e quindi non staremo a sottolineare come quel pareggio, arrivato in extremis venerdì scorso, conti emotivamente e non solo come una vittoria. Il monito, badate bene, lo aveva lanciato proprio il tecnico Maurizio Sarri alla vigilia di quella partita con le rondinelle. Le parole del mister furono chiari a tutti: ” chiedo solo una cosa ai ragazzi – aveva attaccato il mister – quella di capire come mai fino ad adesso ci fermiamo sempre a due vittorie consecutive non riuscendo a centrare mai la terza. Calo di concentrazione? Casualità? Oppure cos’altro?”   Davvero difficile capire come mai questa sorta di regola stia accompagnando lo strepitoso campionato degli azzurri, e le teorie come sempre accade, anche in questa circostanza, si moltiplicano, ed ognuno ha la sua. A parer nostro, modestissimo parere, crediamo che il caso sia forse la risposta più azzeccata al quesito che lo stesso Sarri settimana scorsa si è posto, anche perché se facciamo forse una mezza eccezione per una mezza partita, la squadra ha sempre giocato e giocato particolarmente bene.   emp_bs (21)Il primo “stop” ricorderete arrivó in occasione del pareggio interno con il Trapani, dopo aver vinto le prime due giornate e, chi ricorda quella gara, non può non ricordare di essere uscito dallo stadio dicendo: ma che bella squadra è questo Trapani. Poi si parla di un altro pareggio interno, arrivato stavolta con il Siena dopo i successi di Carpi ed in casa contro il Padova. Anche in quella circostanza l’Empoli giocó la sua partita, una gara difficilissima contro un Siena venuto per prendersi il punticino giocando con 11 uomini dietro la linea della palla. Poi il Bari a spezzare ancora una volta il non c’è due senza tre, in quel caso dopo le vittorie con Varese e Juve Stabia, ed anche in quella circostanza ricordiamo una gara difficile e rognosa e forse è li che potremmo mettere quel mezzo, meglio un quarto ,di passaggio a vuoto, magari per essere più precisi, dicendo che L’Empoli non sfruttò al meglio le occasioni avute. Poi il Brescia è storia recente.   Ci ripeteremo fino alla noia quella della squadra di Sarri, quella della nostra squadra, è una stagione mirabolante da applausi ininterrotti per ore ed ore, ed il momentaneo primo posto in classifica lo è ad ampia dimostrazione. E forse è ancor più bello così perché manca qualcosa ,manca questo filotto importante che potrebbe veramente far mettere la sesta marcia e scappare verso un sogno che giorno dopo giorno, già stiamo iniziando a cullare, anche se per adesso c’è sempre questo due senza il tre.   Alessio Cocchi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy