Punti di Svista | “Per Natale? Un po’ di culo!”

Punti di Svista | “Per Natale? Un po’ di culo!”

Sabato è arrivato il terzo pareggio consecutivo per la squadra azzurra, un pareggio che ancora una volta, seguendo quanto visto a Crotone, ha mostrato una squadra tonica, in forma, con un bel gioco, ma senza riuscire a concretizzare il tanto fatto la davanti. Nonostante un avversario costruito per

Commenta per primo!

Sabato è arrivato il terzo pareggio consecutivo per la squadra azzurra, un pareggio che ancora una volta, seguendo quanto visto a Crotone, ha mostrato una squadra tonica, in forma, con un bel gioco, ma senza riuscire a concretizzare il tanto fatto la davanti. Nonostante un avversario costruito per fare argini e valichi.   panchina empoliE ancora una volta, la sensazione che a caldo, ma anche a freddo, ci accompagna, è quella di aver lasciato due punti per la strada. Ora sia chiaro, rischiando anche di fare discorsi triti e ritriti, la squadra sta facendo un campionato mirabolante, un miracolo, come lo avrebbe anche definito il tecnico Sarri alla vigilia proprio del match con il Cesena, e se la guardiamo da questo punto di vista, ogni discorso lascia davvero il tempo che trova. Ma come si è detto più e più volte, il calcio è passione ed emotività, non raziocinio e freddi calcoli, e quindi, in virtù di questo, il cuore che batte, pulsa per un sogno che, a veder giocare i ragazzi, sembra più che alla portata, senza farsi però illusioni che potrebbero poi scontentare un ambiente che scontento non deve certo essere non dovesse arrivare quella cosa la. Però non è facile fare un analisi, siamo sinceri, perché si rischia davvero di utilizzare, in totale buona fede, parole che poi mal si sposano con il progetto e con quelle che sono le mire e le possibilità della società.   Si possono dire mille cose, ed ognuno, come confermato anche dai vostri commenti, lasciati qui sul sito o raccolti per strada, sono disparati e tutti giusti. Ha ragione chi vuol sottolineare un secondo posto con una classifica importante ma ha anche ragione chi vede in questa ultima striscia, una frenata. Proviamo a fare un giochino con la mente: L’Empoli ha 33 punti, nettamente superata la quota dei 26 per essere i media con i 51 necessari per la salvezza. Ma, domanda, se girassimo a 33, con a quel punto una posizione di classifica sempre importante ma difficilmente tra le prime 3-4, in che termini ragioneremo? Come valuteremo il campionato azzurro? Sempre come un miracolo o qualcuno si azzarderebbe anche a parlare di crisi? Difficile rispondere, anzi, facciamo cosi, non rispondiamo nemmeno a queste domande, perché la squadra ha, ci ripetiamo, i mezzi per far bene e farlo già dalla prossima gara a Novara. La ricetta? Forse l’ha trovata mister Sarri, in una delle tante uscite strappa sorrisi che solo lui sa fare.   IMG_3462Ci manca un po’ di culo, quello che in più a noi ha avuto il Cesena”. Questo quanto dichiarato dal tecnico di Figline al termine della partita di sabato scorso a chi, appunto, gli aveva chiesto, cosa in più di noi avesse avuto la squadra bianconera. Parole buttate giù d’istinto, come spesso fa (questa volta non specificatamente ai nostri microfoni ma nella sala dedicata alla carta stampata) ma parole sincere, spontanee, di un uomo semplice che non deve certo fare dell’ipocrisia il suo must. Un po di culo, quella fortuna che si sa, nel calcio è componente importante e che all’Empoli, nonostante il tanto si stia facendo, non sta sorridendo particolarmente, e se poco ci ha dato (vedi magari il gol di Maccarone a Crotone) se lo riprende subito con interessi da far impallidire uno strozzino. Poi, aggiungiamo, sempre senza polemiche, un po’ più di attenzione da parte della classe arbitrale. Le diverse decisioni che non ci hanno visto proprio fortunati (ributtiamola su quella), lasciano amaro in bocca e stanno iniziando a diventare pesanti e puntualmente sempre in occasioni decisive.   Ed allora, visto che la ruota deve per forza girare, forti di quanto di miracoloso, di grandioso, abbiamo fatto fino ad adesso, auguriamoci che arrivi un po’ di culo, che sia magari lui il regalo di Natale per finire alla grande questo girone di andata.   Alessio Cocchi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy