Come accentatoci qualche settima fa dal Presidente Athos Bagnoli, nel corso di una intervista che realizzammo con lui, la “Scuola del Tifo” è pronta a riaprire i battenti iniziando la sua personale stagione 2014/15.

 

scuola-del-tifo-copertina-300x199Inutile stare a raccontare ancora di quale creatura meravigliosa sia questa iniziativa che ormai da diverse anni è divenuta il fiore all’occhiello del Centro di Coordinamento degli Empoli clubs. Il via ufficiale ci sarà tra questa e la prossima settimana, con degli incontri già programmati nelle varie scuole che hanno aderito alla situazione specifica. Le scuole interessate, nel dettaglio, sono quelle di Avane, Corniola, Ponte a Elsa, Santa Maria, Ponzano. Si “sconfinerà” però anche fuori dalle mura del comune di Empoli andando a Spicchio, Montelupo, San Miniato e Capraia e Limite.

Attori protagonisti, anche quest’anno, i calciatori che, a turno, andranno a far visita ai bambini provando a raccontare il loro mondo,da un’angolazione particolare e con il solito cuore che sempre ci hanno messo. Non mancheranno però gli interventi degli addetti alla sicurezze, dei giornalisti e di altri addetti ai lavoro come, per esempio, i medici, novità di questa stagione.

 

Il numero dei bambini interessati, conferma lo stesso Bagnoli, dovrebbe essere superiore a quello degli altri anni, è la voglia di tornare a dialogare con loro davvero tanta. Ovviamente anche PE sposa in pieno il progetto mettendosi a disposizione del CdC per quella che, ci ripetiamo, è davvero una cosa stupenda.

 

Alessio Cocchi

CONDIVIDI
Articolo precedente"I Più e i Meno" di Genoa-Empoli
Articolo successivoL'arbitro di Genoa-Empoli
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

6 Commenti

  1. Chiedetelo ai responsabili delle scuole di fucecchio e cerreto che si interessino come hanno fatto quelli delle altre scuole interessate

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here