Il grande ex della sfida che si consumerà sabato al “Franchi” è indiscutibilmente Riccardo Saponara. L’ex numero 10 azzurro è passato nel mercato di gennaio alla Fiorentina, una trattativa lampo che prese tutti in contropiede, e sabato sarà per la prima volta avversario sul campo del “suo” Empoli. Ai microfoni dei colleghi di “Firenzeviola.it” ha parlato il babbo di Riccardo, Luciano, che ha provato a spiegare le emozioni di Riccardo.

Mio figlio conosceva già bene Firenze, visto che per tanti anni ha giocato solo a pochi chilometri di distanza ma è addirittura entusiasta dell’ambiente viola. È entrato in punta di piedi nello spogliatoio e si è inserito molto bene: è felicissimo della scelta professionale che ha fatto perché ritiene la Fiorentina un salto in avanti enorme all’interno della sua carriera. Conoscendo Riccardo sono certo che non vorrà fare uno sgarbo ai tifosi azzurri che saranno presenti allo stadio per cui avrà grande rispetto nei loro confronti. Farà di tutto per segnare, è ovvio, ma non esulterà verso chi gli ha dimostrato negli anni tanto affetto

 

14 Commenti

  1. Ma che esulti… Preferisco un giocatore che da l’anima e poi quando cambia squadra se segna esulta a uno che in campo giocava controvoglia di indossare la maglia che lo ha fatto crescere e poi per darci il contentino non esulta.
    Riccardo da parte mia se esulti o no fischi li prenderai ugualmente

  2. Ovviamente non pensano se ci faranno gol,ma solo se tra i marcatori figurerà Saponara.
    Ho troppo orgoglio ed amor proprio per vedere quella partita…

  3. Riccardo ha fornito la giusta svolta con Sarri due anni fa e dato un contributo decisivo nel girone di andata strepitoso con Giampaolo, oltre ad essere stato fondamentale nell’avvio del percorso che si concluderà quest’anno. Non ce lo possiamo dimenticare. Giocatore come a Empoli se ne sono visti pochi.

    • Io ti ammiro…. sarai l’ultimo ad abbandonare la nave.
      Personalmente penso che dopo il 2-0 per le nane smetterò di guardare la partita.

  4. Saponara, come Pucciarelli, è rimasto vittima delle pretese (fuori mercato) del presidente e delle baggianate di inizio stagione sulla continuità Martusciello-Giampaolo-Sarri.

    Naturalmente non sapremo mai se davvero lui era disponibile a finire la stagione a Empoli oppure ha colto la palla al balzo per andarsene. In genere la verità sta nel mezzo, ma faccio molta fatica a credere alle parole di una società che continua a prendere in giro i propri tifosi alzando polverone sull’ambiente per crearsi un comodo alibi.

  5. 100 % EMPOLI

    Ok con Roberto…!! spesso si guarda solo quello che fa e ci si scorda quello che ha fatto…una persona.
    Per me Sapo rimane un grande per l’Empoli e mi delizio a pensare alle sue magie che mi hanno fatto godere tantissimo…se poi dall’oggi al domani ha cambiato posto ha fatto i suo…cioe’ quello che ognuno di noi farebbe se gli capita un occasione piu’ stimolante e remunerativa. Non facciamo gli ipocriti.
    In bobba al lupo THE MAGIC…ovviamente NON per Domenica

  6. Se non esulta lui esulto io. Ora mi é sempre più chiara la sua scelta, squadra (tutti non solo giocatori) di scappati di casa allo sbando senza un’anima. Come puoi avere delle motivazioni cosi? Direi un ambiente perfetto per una involuzione totale. Sicuramente essendo nello spogliatoio aveva una percezione reale della situazione.

  7. Alla fine s’è visto che non era solo lui a non andare.
    Nel nulla assoluto di questa squadra cosa ci stava a fare? Ed ecco che presa coscienza anche da parte della società che se lo vendi in serie B ti danno gli spiccioli il Volpone avrà pensato bene di raccattare un po’ di soldi gennaio piuttosto che le briciole a giugno.

    • Mi pare che l’abbia accettata senza problemi anche con la maglia azzurra nella partita contro la Juve,dove Martusciello non l’ha messo in campo nemmeno per un minuto……e mi pare che come sempre sia stato un ragazzo che abbia accettato la cosa senza muovere qualche polverone come fanno tanti altri giocatori….Il problema è che in panca ci sta perché Sousa non ha ancora capito o non vuole capire,nonostante gia tre buonissime prestazioni,che talento ha tra le mani…….Mi auguro per noi che non giochi….altro che non c’è problema!

  8. Se questo c’ha talento … uno che a 26 anni giocando nell’Empoli non è mai stato determinante se non 3 mesi in serie B e 3 mesi in totale in serie A quando si trova una squadra intera che gioca x lui…mah!!! E poi specialmente giocando a fianco di gente come Paredes, Zelinsky ed il miglior Buchel cioè il centrocampo più forte della nostra storia!!!
    Che abbia dei numeri nessuno lo mette in dubbio e che la nostra società non lo abbia saputo vendere bene (quest’anno ditemi voi se ne hanno azzeccata una!!) è un’altro discorso però che dite, saranno tutte false le voci che proprio lui prima li non c’è voluto andare per una cosa poi di là per un altra….. mah!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here