Stop ai ripescaggi: Serie B a 20 squadre, LegaPro di 60

Stop ai ripescaggi: Serie B a 20 squadre, LegaPro di 60

Di gabriele Guastella . Che nessuno si metta strane idee in testa. Che l’Empoli si salvi in campionato, senza pensare di poter sfruttare un eventuale ripescaggio per gli eventuali coinvolgimenti di squadre della serie B nel processo sul calcio e le scommesse. E’ vero, entro la fine di aprile e la p

Di gabriele Guastella

.

Che nessuno si metta strane idee in testa. Che l’Empoli si salvi in campionato, senza pensare di poter sfruttare un eventuale ripescaggio per gli eventuali coinvolgimenti di squadre della serie B nel processo sul calcio e le scommesse. E’ vero, entro la fine di aprile e la prima settimana di maggio dovrebbero arrivare i deferimenti e la federazione vuole chiudere il fascicolo e il caso entro la metà di maggio, facendo in modo che le punizioni possano essere esecutive per la stagione in corso. Molte squadre rischiano di perdere punti decisivi in classifica, e per qualcuna di loro potrebbero essere punti fatali.

.

Però è anche vero che il Presidente della Serie B Abodi ha già sentenziato che entro il 2014 vuole riportare la serie B a venti squadre, bloccando ove possibile i ripescaggi. Se, dunque, ne capitasse l’occasione in questa stagione è facile che venga presa immediatamente la decisione (come riportiamo in un breve articolo pubblicato qualche giorno fa da “Il SOLE24ORE”.

.

E allora che tutti si mettano in testa di cercare la salvezza sul campo, con il sudore, l’impegno e la massima concentrazione e cattiveria sportiva possibile. Senza aggrapparsi a ciò che con lo sport ha poco a che fare. Poi quel che succederà… succederà, ma adesso pensiamo a fare i punti salvezza sul campo.

.

Il Consiglio federale ha confermato anche per la prossima stagione la scelta del blocco dei ripescaggi. Si punta ad avere in serie B fino a 20 squadre e in Lega Pro fino a 60 squadre.

Serie B. Attualmente formata da 22 squadre, un campionato giudicato troppo lungo con ben 42 partite in calendario più Play Off e Play Out. Si punta a riportare il format a 20 squadre, con 38 giornate, più accettabile ed in linea con i maggiori campionati calcistici europei. Stop ai ripescaggi dunque, da capire però se eventualmente questa ipotesi sia da confermare anche nel caso di stravolgimenti in classifica per l’indagine sul caso-calcioscommesse.

Lega Pro. I ripescaggi in Lega Pro non si faranno. Lo ha annunciato il presidente della Lega nazionale professionisti, Mario Macalli, al termine del consiglio federale. “Vanno cambiate le norme di ammissione in senso logico – ha aggiunto Macalli, confermando il numero minimo di 60
– valutando con attenzione l’aspetto economico e strutturale. In questo momento siamo in una realtà da terzo mondo e non è più possibile. È questa la strada da prendere nel rispetto dei
presidenti.  Bisogna cambiare le cose anche in serie A e B. Il sistema così com’è non sta in piedi, punto».

Calendari da rivedere. “Quest’anno c’è stata una moria delle squadre italiane nel primo turno delle coppe europee. Paghiamo pegno a causa del ritardo eccessivo del nostro campionato”. Con queste parole, il presidente della Figc, Giancarlo Abete, ha posto, al termine del Consiglio federale, la questione sulla possibilità di anticipare l’inizio del prossimo campionato. “Abbiamo parlato di calendari – ha aggiunto Abete –  e rappresentato questa esigenza, che deve far parte di una
riflessione di carattere generale. Bisogna tenere in considerazione non solo l’attività della Nazionale, ma anche limitare i rischi collegati alla pausa invernale, come quelli che si sono manifestati nella stagione in corso”.

.

Fonte: il Sole24Ore

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy