Quello che tutti gli sportivi e tifosi riccionesi speravano non avvenisse è accaduto. Allo stadio “Leporaia” nella piccola frazione di Ponte a Egola a San Miniato – dove gioca il TuttoCuoio – si è consumata quella che possiamo considerare la pagina più nera della Riccione Calcio – riportano le cronache regionali – ma le avvisaglie c’erano tutte. Era da giorni ormai che si paventava che si sarebbero presentate tutte e due le squadre e così è stato. Tutte e due le compagini erano partite in mattinata per la trasferta: una dall’Hotel Kent di Miramare e l’altra dallo stadio Nicoletti. Il Riccione di Paolo Croattiè stata il primo ad arrivare sul posto e ad occupare gli spogliatoi. Quello di Galli è stato scortato in seguito dalle forza dell’ordine che erano state allertate in precedenza da Riccione. L’arbitro poi ha effettuato il riconoscimento di tutti i calciatori ma non si è sentito di mandare nessuna delle due in campo. E’ entrato in gioco poi il commissario di campo cercando di portare un po’ di ordine, ma appreso che non c’erano le condizioni e per un problema di ordine pubblico ha mandato a casa le due compagini. Si attende ora una risposta della disciplinare per definire se questa partita verrà data vinta a tavolino al Tuttocuoio, parte evidentemente lesa della situazione o se sarà invece da disputarsi prossimamente.

 

Fonte: notiziariocalcio.com – tuttolegapro.com

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here