TV | Sintesi Empoli-Bari 1-1

TV | Sintesi Empoli-Bari 1-1

La rete numero 101 con la maglia azzurra di bomber Francesco Tavano e la mancanza di cinismo degli azzurri sottoporta, sommato all’errore dell’arbitro Fabbri che considera involontario un fallo di mano di un difensore barese su un lancio verso l’area di rigore dei pugliesi, dalla quale nasce il cont

La rete numero 101 con la maglia azzurra di bomber Francesco Tavano e la mancanza di cinismo degli azzurri sottoporta, sommato all’errore dell’arbitro Fabbri che considera involontario un fallo di mano di un difensore barese su un lancio verso l’area di rigore dei pugliesi, dalla quale nasce il contropiede del pareggio di Galano. Si potrebbe sintetizzare così il match Empoli-Bari andato in scena alle 20:30 venerdi 1 novembre al Carlo Castellani.
.
PRIMO TEMPO – Prima del match Tavano è stato premiato dall’Empoli FC e dai tifosi per lo storico traguardo delle 100 reti con la maglia azzurra. E Tavano sul campo ringrazia segnando subito la rete numero 101 al minuto 11. Ci si attende a questo punto che la formazione ospite perda gli equilibri tattici, invece il Bari resta in partita e con Fedato ha subito una clamorosa palla gol per pareggiare. La gara resta tuttavia aperta ed equilibrata, con gli azzurri che non riescono a trovare il colpo del ko. Alla mezzora invenzione di Croce che effettua un lancio millimetrico in area per Tavano: il numero dieci azzurro manca di un soffio a pochi metri dalla porta, mentre sul lancio Croce è toccato duro da un avversario ed è costretto ad uscire (al suo posto Castiglia, che gioca una buona partita, ndr).
.
SECONDO TEMPO – Il Bari si conferma squadra ben messa in campo, tuttavia è l’Empoli ad avere due palle-gol per chiudere la partita. Su un siluro di Tavano è bravissimo Guarna con la punta delle dita ad alzare sopra la traversa, mentre Maccarone si esibisce in una mezza rovesciata strappa-applausi ma poco efficacie. Al 33′ l’episodio che cambia il match e fa arrabbiare tutti: Signorelli serve in profondita per Mchedlidze (entrato da pochi minuti al posto di Maccarone, ndr), c’è un evidente tocco di mano che il direttore di gara giudica involontario, il Bari riparte in contropiede e con Galano dalla distanza segna il pareggio (Bassi devia ma la palla sbatte sul palo interno e si infila in rete, ndr). Al 91′ gli azzurri hanno con Mchedlidze la grande occasione per vincere il confronto: ma a tu per tu con Guarna il georgiano fa un tocco in più sul pallone e permette il ritorno su di lui di un difensore ospite.
.
Finisce 1-1 con un po’ di amaro in bocca, perchè gli azzurri vincendo avrebbero riagguantato il primo posto (Lanciano sconfitto a Modena, ndr) mettendo altri punti pesanti sulle inseguitrici.
.
Montaggio e commento di Gabriele Guastella

.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy