Di Gabriele Guastella

 

Gli azzurri in campo ringraziano i tifosi al ritorno da LivornoAlla fine il cielo su Empoli si è illuminato davvero. Un’incredibile tempesta di fulmini ha fatto da flash ad una serata che, pur non essendo andata a lieto fine, dovremo cercare di trasformarla in un nuovo punto di partenza, come solo Empoli sa fare.

 

Vorrei vedere al posto nostro quante altre realtà avrebbero accolto la propria squadra come abbiamo saputo fare noi. Ieri, mentre in diretta radio annunciavo che i tifosi azzurri sarebbero entrati dentro lo stadio Castellani per applaudire i ragazzi, colleghi e alcuni sportivi livornesi accanto a me, mi guardavano sbigottiti; come a dire “ma cosa dice questo qui?!”; per loro non sarà normale, per noi assolutamente sì.
Fa parte della nostra filosofia di vivere il calcio, fa parte del nostro “fare calcio”; con questi valori costruiamo i successi del futuro, perchè state pur certi che prima o poi, lavorando con questi “sani principi” e continuando a cullare i “valori”, i risultati arrivano.

 

Ieri, chissà forse è un segno del destino, nello stesso giorno dove non riuscivamo a salire sul treno per la “A”, abbiamo piazzato la seconda squadra su 3 complessive alle finali scudetto del settore giovanile (dopo la squadra dei Giovanissimi che aveva tagliato questo traguardo sabato, anche la formazione Allievi ci è riuscita, con la sola esclusione della Primavera, ndr). Ora osservate attentamente il panorama attorno a noi. Leggete i nomi dei club presenti nelle fasi finali, ecco, lì sta il nostro segreto. E’ il futuro che può continuare a regalarci il nostro sogno, domani. Quello di quest’anno è stato un cammino fantastico, sensazionale, strepitoso, qualcuno dice irripetibile; io non sono daccordo.

 

Perchè… il cammino mica si deve per forza essere interrotto a Livorno; possiamo semplicemente proseguirlo, senza l’affannoso pensiero di dover andare a tutti i costi in serie A, questo no, a noi riesce fare bene senza assilli. Gli assilli li lasciamo agli altri.

 

Per proseguire questo cammino intrapreso basta non abbattersi, fieri e a testa alta del grande lavoro iniziato quest’anno, prendere le cose belle e analizzarne i difetti, cercare di limarli, seguire la strada del continuo costante miglioramento.

 

Come ogni tifoso oggi sono amareggiato, ma non deluso, una non promozione come questa può demoralizzare chiunque, giustamente; eppure sento dentro qualcosa di strano. Sento che il club, che il patron Corsi, che il direttore Carli, che la società tutta e la squadra tutta, sono riusciti a ricucire lo “strappo” che si era creato con l’ambiente e la città, dopo qualche stagione vissuta con un pò di altezzoso distacco.

 

Ieri, al ritorno da Livorno, ho visto il direttore Marcello Carli affranto, deluso, quasi disorientato, mentre osservava i tifosi “abbracciare” comunque i propri beniamini. Mi ha fatto male vederlo così, ma allo stesso tempo ho sentito una carica di adrenalina dentro: ho visto negli occhi, pieni di delusione, un amore incondizionato per il club; lo stesso identico messaggio che mi hanno dettato gli sguardi di molti ragazzi, da capitan Moro a Croce, da Ciccio Tavano a Levan, dal “Pela” a BigMac.

 

I tifosi azzurri in Maratona ierisera al ritorno da LivornoAdesso che il cuore sportivo di Empoli è tornato a battere forte, che la città ha ritrovato quell’amore che sembrava svanito, mi auguro che si possa subito ripartire; subito. Con una nuova immediata campagna abbonamenti, senza attendere troppo tempo, senza interrompere questa storia, bella, intensa, passionale, che può arrivare comunque ad un lieto fine. Senza interrompere questo cammino intrapreso tra mille incertezze dopo la storica salvezza di un anno fa.

 

E’ un augurio di tutto il gruppo “PE” che, figurarsi, è nato mentre la squadra stava retrocedendo in B e che certo avrebbe festeggiato volentieri i 5 anni di vita in “paradiso”… vorrà dire che sarà ancora più bello, ancora più sudato. Ripartiamo con la stessa grinta, determinazione, voglia di crescere e migliorare di sempre. Sentiamo dentro, crediamo al pari di tutti i tifosi, che questa esperienza e questi Play Off ci hanno dato comunque qualcosa di importante.

 

Dopo i fulmini che hanno illuminato, quesi squarciato, il cielo di questa notte appena passata, è caduta una fitta pioggia, come se qualcuno da lassù stesse piangendo per la nostra stessa delusione. Una pioggia che non ha cancellato niente di tutto il bello che c’è stato; anzi, ha solo spazzato via la stessa delusione, oggi il tiepido sole mattutino del giorno dopo ha illuminato la città, pronta ad una nuova avventura… insieme.

32 Commenti

  1. Bravo Gabriele, bellissimo pezzo che coglie nel segno.
    Come te, anche io “Come ogni tifoso oggi sono amareggiato, ma non deluso” perché, come avevo scritto stamani in un mio commento, si è delusi quando ci si sente “traditi”, ma io, alla fine di questa stagione, come tifoso posso dire di sentirmi “rispettato”: i giocatori hanno dato tutto, il tecnico ha dimostrato un attaccamento alla maglia encomiabile, la dirigenza x la prima volta ha tirato fuori le “palle” x rivendicare i nostri diritti!
    Poco importa che qualcuno, alla fine, si sia dimostrato più forte e/o più fortunato di noi…

  2. quando inizia la campagna abbonamenti?
    è prevista una campagna con i fiocchi contornata di pubblicità e pompata un pochino di più dell’anno scorso, con la presentazione della squadra e delle maglie??
    e soprattutto spero che quest’anno venga fatta con largo anticipo!
    Sarebbe intelligente fare delle promozioni per le famiglie!
    Forza, è ora il momento bono!!!
    🙂

  3. questo tuo pensiero riguarda tutti noi da nord a sud …..hai detto una cosa giusta se questa squadra nn verrà smantellata tranne i due elementi che tutti sappiamo , questi play off saranno un buon punto di partenza x la prossima stagione …ripartendo da tonelli , hisay , laurini, moro , valdifiori , croce , tavano , maccarone e levan si può fare un grande campionato ……sono convinto che avremo più abbonati…forza azzurri

  4. Un’analisi perfetta. Fare meglio sarà difficile per non dire impossibile, ma non bisogna rovinare quanto fatto quest’anno. E non aspettiamo il 15 di agosto per la campagna abbonamenti.

  5. e allora andiamo!!!
    siamo andati a roma per vedere il papa e non ci siamo riusciti…ma non siamo passati per l’autostrada…abbiamo visitato tutte le città d’arte, visitato i luoghi più caratteristici shopping negli outlet e qualche casa chiusa…insomma siamo stati un anno assieme e come dice bene marcello è stato bellissimo vivere il quotidiano gli allenamenti, la lettura di pe, la partita e abbracciare ogni singolo compenete di un gruppo fantastico…tutti da bigmac a gigliotti hanno indossato la nostra maglia come ogni tifoso si aspetta dai propri beniamini…forse per questo ieri tante mani applaudivano quelli che permolti erano gli sconfitti sul campo, ma per noi i veri vincitori!

  6. Questa sconfitta ci deve far crescere ancora di più, in questa stagione abbiamo dimostrato tantissimo a tutti sia a livello di gioco che a livello umano..la cosa più importante sarà la conferma di Sarri, successivamente dovremo essere bravi a smantellare la squadra il minor possibile, Saponara e Regini andranno via, Bassi,Croce,Valdifiori dovremo essere bravi a trattenerli anche se per Mirko la vedo molto dura, ma con la mano del nostro mister sono convinto che riusciremo a trovare i giusti sostituti per affrontare al meglio la prossima stagione, partendo a fari spenti ma con la consapevolezza che possiamo fare un’altra volta bene!!!

  7. Disamina perfetta!!D’accordissimo!!PLAY OFF base per ripartire. E la B di anno prossimo non si annuncia impossibile….ciao!!

  8. Bellissimo pezzo.Bisogna ripartire con ancora maggiore convinzione,togliere definitivamente quell’aria asfittica venutasi a creare con la rovinosa gestione della Coppa Uefa e la conseguente retrocessione.Bisogna ripartire con il nuovo entusiasmo che si è creato,non ne faccio tanto un discorso di giocatori,di “nomi” che rimangono ( ad esempio,se per Valdifiori arriva una buona squadra di A che offre soldi all’Empoli e a lui,sarebbe giusto dare l’opportunità a Mirko di cogliere questa chance)ma di “spirito” con cui fare le cose.Mercato in primis e gestione degli abbonamenti e comunicazione con una maggiore capacità gestionale.

  9. Con tutta sincerità devo dire che questa mancata promozione mi ha dato più amarezza della retrocessione di 5 anni fa, non perchè quell’esperienza fosse migliore, ma perchè quest’anno, a differenza del passato, ho sentito la squadra anche mia … saluto con piacere i fratelli di PE che hanno fatto da collante di questa grande avventura iniziata l’8/12/2012. Spero come avete detto che questo sia un mattone di un grande percorso che abbia come sbocco, non tanto la serie A, ma quanto l’appartenenza di una città a una squadra, in modo che ogni cittadino di Empoli possa dire “io sono l’Empoli”!!!!!

  10. X la società:
    Nell’ultimo periodo avete fatto vedere (se ce ne fosse stato bisogno) che tenete alla maglia quanto noi tifosi. Fate sì che la campagna abbonamenti parta PRIMA che tutta la gente vada in ferie, in modo da poter beneficiare dell’ondata emotiva attuale! Grazie.

  11. Io ho in mente una cosa… siete d’accordo nel pensare che se abbiamo fato quello che abbiamo fatto è perchè siamo ritornati ad essere l’empoli? quella squadra umile, quella con giocatori che hanno avuto fame, la fame di arrivare che siano di 20 anni o di 35. Come diceva il Corsi noi dobbiamo pensare da empoli. Quando pensiamo in grande facciamo inevitabilmente poca strada. Quando ad inizio campionato Carli disse che chi voleva andare via sarebbe stato accontentato, lì è stato fatto il primo passo per questa lunghissima rincorsa. Siamo caduti e ci siamo rialzati ma non ci siamo mai fermati. Io voglio vedere la partita di ieri come il primo passo per la salvezza del prossimo campinato e non come la conclusione di questo.

  12. L’entusiasmo della piazza è ritornato, speriamo non vada disperso come al termine della scorsa stagione. Basta non vengano ripetuti gli stessi errori…c’è bisogno di trasmettere concretezza a tutto l’ambiente: fateci sentire che ripartiamo con un progetto tecnico, con i pochi mezzi dell’Empoli per carità, con le inevitabili partenze di pezzi importanti, ma assolutamente con una “prospettiva”.

  13. ragazzi quasi tutti i giocatori vanno in scadenza l’anno prossimo ..bisogna rinnovare loro il contratto perché già quest’ anno il loro valore è triplicato vedi tonelli hisay valdifiori laurini bassi croce maccarone ecc. ecc. con questi giocatori possiamo sognare !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    • Sarà dura tenere i giocatori che rammenti…
      molto dura…
      – per Laurini, intanto bisognerà riscattarne l’altro 50% dal Carpi, perchè non è tutto nostro;
      – Valdifiori rimarrà solo se lui davvero lo vuole: l’accordo per la firma dell’anno scorso (che ci ha evitato di perderlo a zero euro adesso a giugno) è stato raggiunto solo con la promessa di Carli al suo procuratore che Mirko sarebbe stato “libero” di fare ciò che vuole;
      – Bassi non credo proprio rimarrà… è stato un caso il suo ravvicinamento ad Empoli, per carità, pienamente meritato, ma ha mercato e credo che verrà ceduto per far posto a Pelagotti, che quest’anno si è comportato da grande professionista (speriamo l’anno prossimo sia anche un buon portiere);
      – per Hisay, si vocifera che verrà fatta una operazione “alla Saponara”, per intendersi, cercando di venderne la metà e di trattenerlo per valorizzarlo facendolo giocare tutto l’anno prossimo;
      – Croce sarà dura tenerlo, lo vuole il Pescara e tante altre di B: ovviamente se resta Sarri, resta pure lui;
      – per Maccarone, non dipende da noi, ma dalla voglia della Samp… di fare regali…
      Mi accontenterei se il direttore sportivo del prossimo anno (Carli o chi per lui) fosse bravo… a fare meno errori possibile!

  14. caro 1920 fammelo dire ma di calcio ne capisci poco…..la società ha fatto bene a mandare via i vecchi senatori e riaprire un nuovo ciclo con i giovani …ha 30 anni che fa così sennò col cavolo che vedresti la serie A O una stagione come questa ….l’empoli deve valorizzare i giovanni e tenere tre o quattro giocatori motivati d’esperienza per equilibrare la squadra e quest’ anno ci è riusciuta benissimo . ti ricordo buscè 37 anni stovini 36 anni Gorzegno 32 anni ficagna 32 anni ecc. al posto di giovani di 20 anni che hanno preso il loro posto vedi tonelli hisay laurini regini che adesso valgono milioni

  15. io ribadisco, rimanga chi ha voglia di stare ad empoli. Lavorare in un ambiente contro voglia è più deleterio che proficuo.

  16. 3 o 4 di esperienza x equilibrare la squadra sai leggere ??? tavano maccarone e moro dovevano rimanere …sn i migliori vedi quest’ anno

  17. Usa… Solo una correzione: Mirko e stato accontentato con l inserimento nel contratto di una clausola di rescissione a una cifra intorno ai 400000,00! Se va via almeno un piccolo indennizzo lo prendiamo! Gli altri le cose stanno come dici te

    Volevo però porvi un quesito tutti sappiamo come sua possibile fare calcio a Empoli! Ma come mai non possiamo fare un progetto a due tre anni per riprovare la scalata?

    Via via qualcosa vendiamo e nel frattempo il gruppo si consolida e cresce poi il giorno in cui fortune è bravura coincide potrebbe arrivare il risultato atteso ma un briciolo di programmazione ci vuole!

    Quest’ anno sarebbe l anno giusto abbiamo capito che Carli e bravo e Sarri pure! È se rimangono dopo un annata così vuol dire che vogliono bene a questi colori… Ripartiamo da loro e con loro programmiamo il nostro futuro

    • secondo me è quello che sotto sotto stanno facendo.
      formazione prossimo anno.

      Ricci (Pelagotti)
      Laurinì – Tonelli – Rugani – Hisaj
      Moro – Valdifiori (??) – Croce
      Carlini (??)
      Tavano – Maccarone (Caturano – Levan)

  18. Io credo che non bisogna mai dimenticarsi di quanto sia importante giocare nel campionato di serie B.Non dimentichiamoci che nonostante tutto (rosa compresa) nessuno avrebbe mai creduto che il 2giugno ci saremmo giocati la serie A.Il Corsi ad inizio annata disse che si doveva tornare ad esserel'”Empoli di un tempo”…Cioe’puntare sui giovani del settore giovanile e scoprire nuovi talenti dalla C.E’ chiaro che se si fosse andati in A, saremmo stati tutti contenti, pero’ quando si parla di serie B, si parla comunque di un campionato importante, dove puoi a differenza della A, permetterti di puntare sui giovani in maniera massiccia.Quindi anche questo anno, non gacciamo voli pindarici e continuiamo A FARE “L’EMPOLI”.Un solo consiglio…… compriamone magari pochi…..ma non li compriamo gia rotti…..perche’ nessuno mi toglie dalla testa che con una panca meno rotta, avremmo potuto arrivare molto piu’ freschi alla finale

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here