Storia

La fondazione

La Lega FantaCalcio Spicchio è nata da un’idea di Gabriele Guastella, ispirato da alcuni suoi amici che durante la stagione 1994-95 avevano dato vita ad un campionato di fantacalcio. Il Guastella, incuriosito, si fa prestare da un suo amico, e più precisamente da Francesco Pasquali, l’annuario del fantacalcio 1994 e dopo averlo “letto” capisce che si tratta di un gioco davvero particolare. Un gioco legato al vero campionato di calcio di Serie A, inventato da Riccardo Albini nel 1989 e diventato famoso solo cinque anni più tardi grazie alla grandiosa collaborazione con “La Gazzetta dello Sport”. Così tra Giugno e Luglio Gabriele pensa a cosa potrebbe “inventare”. Il 26 luglio del 1995 arriva ad una conclusione e presenta il progetto di una vera e propria lega ai suoi amici, che per l’occasione si inventano giudici. Francesco Pasquali, Marco Carboncini, Matteo Martini, Damiano Maltinti e Luca Ceriello: tutti all’unanimità votano positivamente. Il progetto è interessante. Nel breve tempo di 20 giorni si presentano ai nastri di partenza 24 formazioni divise in tre gironi di otto squadre ciascuno. Gabriele Guastella è il presidente fondatore della Lega, Francesco Pasquali è il Vicepresidente, e Marco Carboncini è il Segretario Generale. Il campionato di fantacalcio prende il via domenica 30 Agosto 1995, con le partite della 1° giornata del campionato italiano di Serie A. La settimana precedente Gabriele Guastella dà vita anche al periodico ufficiale della Lega Fantacalcio, ovvero a “IL Fantacalcio”, un vero e proprio bollettino ufficiale del gioco e mezzo di informazione e pubblicità. Il giornalino viene stampato presso Photo Image a Spicchio, che diventa lo sponsor ufficiale della lega. Ad ottobre aumenta il numero delle iscritte con altre 10 fantasquadre, e si decide per la formazione di un quarto girone, quest’ultimo basato su una classifica generale (come per il gioco organizzato da “La Gazzetta dello Sport”), e non a scontri diretti come nel caso degli altri gironi. A novembre è già tempo di compiere il primo passo: che nome dare alla Lega Fantacalcio? In un primo momento si pensava principalmente a due soluzioni: Federazione Fantacalcio Leonardo da Vinci (FFLV) o Federazione Spicchiese FantaCalcio (FSFC). Alla fine si opta per una terza soluzione ovvero per la Lega FantaCalcio Spicchio (LFCS). Forse davvero la soluzione migliore: primo perché ciò consente di non mutare le prime due parole, e secondo perché con l’aggiunta di Spicchio si identifica meglio il luogo della nascita del gioco. Questa Lega Fantacalcio è la prima nata a Spicchio, ed era giusto rendere onore a questo frazione. 

Il primo scudetto

Prima di Natale si concludono i campionati. Che fare ora? Dopo una breve assemblea tra alcuni dei partecipanti al gioco si decide di mescolare le carte. Le prime tre di ciascun girone vengono inserite in un campionato denominato Coppa dei Campioni, le altre a seconda dei punteggi nella Coppa delle Coppe, Coppa UEFA, Mitropa Cup ect… che accompagnano la seconda parte della stagione fino alla conclusione del campionato. Si arriva così alle battute finali. IL Giglio Viola di Giacomo Guastella, vince la classifica Generale e si aggiudica il primo scudetto della storia della LFCS, e vince anche la Coppa dei Campioni, oltre alla Coppa Intercontinentale. Il Milan di Luca Cingottini si aggiudica la prima Coppa di Lega (l’equivalente della Coppa Italia nella realtà). Intanto a Febbraio del 1996 il numero delle iscritte viene incrementato di altre 6 fantasquadre: è così che nasce anche un campionato sperimentale denominato campionato di Terza Divisione (Serie C). Ma Gabriele Guastella pensa a qualcosa di diverso, a qualcosa che possa assomigliare il più possibile al sistema calcistico reale. Così nell’estate del 1996 inizia una vera e propria rivoluzione, grazie alla grande collaborazione di Claudio Rossi, nel frattempo diventato Presidente di Lega. Gabriele Guastella e Sandro Papini sono invece i vicepresidenti. 

La fusione e la divisione in categorie

La rivoluzione del luglio del 1996 porta a numerosi cambiamenti. Il 27 luglio Gabriele Guastella e Claudio Rossi presentano il loro progetto ad una speciale assemblea che vedono riuniti una decina di partecipanti al gioco. Viene formato un campionato di Serie A a 16 squadre, un torneo di Serie B (14 formazioni) e uno di Serie C composto da sole 6 squadre. La Lega FantaCalcio Spicchio diventa così a tutti gli effetti una copia in miniatura del calcio italiano. Per la suddivisione nelle varie categorie vengono presi in esame i risultati della stagione precedente. Viene formata anche una Commissione di Serie C con Presidente Giacomo Balsamello, e Vicepresidenti Fortunato Angiolini e Paolo Vignozzi. Sono numerosi i fantallenatori che rinunciano a partecipare, ma ci sono anche diversi volti nuovi. Alla fine le squadre iscritte sono 36. Il passo più importante comunque era stato compiuto il 12 Luglio quando la Lega FantaCalcio Spicchio decide di incorporare le squadre che fino alla stagione precedente avevano preso parte al Campionato di Fantacalcio del Bar Ariston (che era stato fondato nel 1994). Le migliori furono inserite nella Serie A, le altre nelle categorie inferiori. La sede della LFCS diventa proprio il Bar Ariston.

Il secondo scudetto

Il Guasta vince il secondo scudetto della storia, mentre il Fonopoli di Claudio Rossi si piazza al secondo posto davanti allo Stars di Giacomo Balsamello. Carbon, Club Viola e Batigoal retrocedono in Serie B. Salgono in A lo Smagorico, il Siena e il Chicago Bulls. Retrocedono in serie C Espanyol ed Empoli, poi ripescate per l’allargamento dei quadri, mentre lo Spicchio e il Codino FC vengono promossi nella serie cadetta. Le premiazioni si svolgono presso la sala Self Service del Bar Ariston, durante la 1° Cena di Fine Stagione, durante la quale vengono effettuate anche le premiazione per la stagione 1995-96, premiazione che non era stata effettuata. Nel frattempo anche il Bar Ariston diventa sponsor ufficiale della LFCS.

L’affiliazione al Club Azzurro Spicchio

Al termine della stagione 1996/97 l’Empoli di Luciano Spalletti ottiene un clamoroso secondo posto in serie B ottenendo la promozione in Serie A. Nel frattempo a Spicchio aveva ripreso vigore il Club Azzurro. Nasce così una collaborazione tra la Lega FantaCalcio Spicchio e il Club Azzurro Spicchio che porta alla creazione della Sezione Bar Ariston del Club Azzurro, che diventa il terzo sponsor ufficiale della stessa. In occasione della partita Empoli-Milan (ottobre ’97) viene appeso per la prima volta in Curva Nord lo striscione della Sezione Bar Ariston, dove in un angolo compare la scritta LFCS e nell’altro la data di nascita: 1995. Il 30 giugno 1997 vengono riassegnate le cariche della Lega FantaCalcio. Claudio Rossi resta Presidente e Sandro Papini e Giacomo Balsamello ricoprono la carica di Vicepresidente. Fortunato Angiolini è il nuovo presidente della Lega di Serie C, con Paolo Vignozzi e la new entry Michele Menichetti come vicepresidenti. La Serie A è sempre composta da 16 squadre, mentre la Serie B viene allargata da 14 a 16 formazioni, e la Serie C1 viene divisa in due gironi da 10 squadre ciascuno. E’ un vero e proprio “boom” di partecipazioni, con oltre 50 squadre iscritte. Il terzo scudetto della storia viene vinto dall’All Stars di Giacomo Balsamello che batte sul filo di lana il Fonopoli (ancora secondo!) e il Bar Ariston. FC Martina, AC Siena e AC Fiorentina retrocedono in Serie B, mentre Curva Fiesole, Spicchio ed El Ché compiono il passo inverso. Real Madrid, Hakkinen FC, Seba Olè ed Espanyol retrocedono in serie C. Dalla Serie C1 salgono quattro squadre. La Serie C1, come già detto prima, era suddivisa in due gironi di 10 squadre ciascuno. Dal girone A salgono il Mary FC e il Viking, quest’ultima grazie ai Play Off. Nel girone B trionfa il Palma di Majorca, mentre la Battipagliese vince i Play Off, dopo un girone di ritorno da record (alla fine del girone d’andata occupava le ultime posizioni della classifica!). L’Aek Dinosaur retrocede in Serie C2, dopo aver perso i Play Out con l’US Santos (i Play Out non erano altro che uno spareggio in cui si affrontavano le due squadre arrivate ultime in classifica). La prima serie C2 della storia, anche se in via sperimentale a 4 squadre, viene vinta dal CF Villarreal, promosso quindi in C1. In Coppa dei Campioni trionfa l’Atletico Lungarno di Michele Menichetti. E siamo così all’estate del 1998. Sandro Papini, il 30 giugno, viene eletto Presidente di Lega, Giacomo Balsamello e Gabriele Nardini sono i vicepresidenti, Fortunato Angiolini è il presidente della lega di serie C. La Serie A e la Serie B sono composte da 16 squadre ciascuna, mentre la Serie C1 viene divisa in due gironi di 12 squadre. Scompare la Serie C2. Al termine della stagione il Bar Ariston di Angelo Rossi vince il quarto scudetto della storia, mettendo in fila l’Audace Legnaia di Luca De Vitis (secondo ad un punto!), il Guasta e il Giglio Viola, arrivate tutte a 1 punto di distacco l’una dall’altra. Fanta Sprite, Milan AC e Rangers Spicchio retrocedono in Serie B. Dalla serie cadetta salgono nella massima divisione il Mary FC di Carlo Paci, il Devils di Paolo Allegri e il Siena di Andrea Pasquali. Sporting Club Torre, Buccetta, Deportivo La Coruna e Fiorentina retrocedono in Serie C1. Dalla serie C1 salgono Mitico Franz e CF Villarreal (di Daniele Basile che poi deciderà di ritirarsi), mentre Ferencvaros (anche in questo caso poi si decide per il ritiro!) e Disc World ottengono le promozioni dopo i Play Off. Il Giglio Viola vince la Coppa dei Campioni.

Lo sconvolgimento dell’estate 99

Durante l’estate del 1999 accade di tutto. Uno sconvolgimento generale che stravolge i campionati, dalla serie A alla serie C1. Il campionato di serie A è sempre composto da 16 squadre. Guasta e Giglio Viola operano una fusione così da liberare un posto nella massima divisione, e viene ripescato il Milan, visto che anche il Fanta Sprite si ritira dalla LFCS, così come il neopromosso Siena, al posto del quale viene ripescato il Rangers Spicchio. La serie B, composta da 16 squadre, vede ai nastri di partenza tra le altre anche Sporting Club Torre, Buccetta e Fiorentina, tre delle quattro squadre retrocesse la stagione precedente, tutte ripescate. La Serie C1 torna a girone unico con 14 formazioni iscritte, con ben nove di esse nuove iscrizioni. Fabrizio Li Franchi è il nuovo Presidente di Lega, Claudio Rossi e Giacomo Balsamello sono i Vicepresidenti, mentre Sandro Papini viene nominato Presidente della Lega di Serie C. A settembre la LFCS sperimenta un sito fantacalcio in internet, grazie alla collaborazione con Daniele Lupi e alla Photo Image. Ma l’iniziativa ha poco successo e soprattutto è di difficile realizzazione, così, dopo appena 20 giorni, viene abbandonata l’idea di rendere multimediale il gioco. Come vedremo, alla fine, la LFCS riuscirà a compiere anche questo importante passo. A fine ottobre ‘99 Gabriele Guastella parte per il servizio di leva militare così la gestione della LFCS passa sotto il controllo di Claudio Rossi, Massimo Preti e Sandro Papini che porteranno ottimamente a termine la loro “missione”. Prima di partire per il servizio militare però il Guastella porta a termine con successo una trattativa che vede aprire un rapporto di collaborazione anche con Radio FataMorgana e il gruppo Variety di Empoli.

La stagione 1999-2000 della LFCS vede un dominatore assoluto nella massima serie. Il Fonopoli di Claudio Rossi e Fabrizio Li Franchi, infatti, conquista lo scudetto dopo aver letteralmente dominato il campionato, chiudendo con 14 punti di vantaggio sulla diretta inseguitrice Devils (Paolo Allegri) e ben 20 sulle terze All Stars (Giacomo Balsamello) e Audace Legnaia (Luca De Vitis). Alla fine Milan, El Ché e Fanta Smagorico sono le tre squadre retrocesse in serie B, mentre salgono in A Santos, Chiarinha FC e Disc World. Clamorosa la vittoria in Coppa dei Campioni da parte dello Smagorico di Marco Carboncini che trionfa nella coppa più importante nonostante la retrocessione in serie cadetta. Retrocedono in C1 Buccetta, Banana Dortmund e Palma di Majorca. Dalla serie C1 salgono Grondaia’s Square, Atletico Masala e Nacional. L’Euro 2000 di Sandro Gai perde lo scontro Play Off con la 13° della serie B Batigoal e resta in serie C, ma la sua delusione, come vedremo, durerà il tempo di un’estate. A fine agosto Gabriele Guastella si congeda dal servizio di leva militare e torna al timone della LFCS. In meno di venti giorni deve risolvere una situazione delicata. Moltissime squadre sembrano sul punto del ritiro. La LFCS rischia addirittura di sgretolarsi e scomparire. Ma grazie anche alla grande collaborazione di Claudio Rossi e Massimo Preti la LFCS supera il momento difficile e il fantacalcio è salvo. Alla fine si contano comunque addii anche illustri, ma la sesta stagione della LFCS si farà. Il via è fissato per il 1° ottobre giorno di inizio del campionato, che parte leggermente in ritardo rispetto al solito visto che la nazionale italiana l’estate precedente era stata impegnata nelle finali della Coppa d’Europa fino ai primi di Luglio.

L’affiliazione al Centro Coordinamento Empoli Clubs

Come detto dunque ad agosto del 2000 inizia l’opera di ristrutturazione della Lega FantaCalcio Spicchio. Fabrizio Li Franchi viene confermato Presidente, mentre Claudio Rossi e Paolo Allegri sono i Vicepresidenti. Luca De Vitis è il presidente della Lega di Serie C. La Serie A è composta da 16 squadre: si ritirano dalla LFCS l’All Stars (Giacomo Balsamello) e il Rangers Spicchio (Walter Pacini). Al loro posto vengono ripescate il Milan (migliore tra le retrocesse) e il Red Devils di Francesco Morelli (4° la stagione precedente in Serie B). In serie B, sempre formato da 16 squadre, viene ripescato l’Euro 2000, il Banana Dortmund e il Buccetta, quest’ultimo visto che anche l’El Ché di Gabriele Nardini si ritira dalla LFCS. La serie C1 è invece formata da 12 squadre, quasi tutte nuove iscrizioni. Ma il vero colpo dell’estate riguarda l’incorporazione della LFCS nello statuto del Club Azzurro Spicchio, che permette anche alla LFCS di entrare a far parte del Centro di Coordinamento Empoli Clubs. Una mossa all’apparenza poco rilevante, ma che in realtà si è rivelata decisiva ai fini di una stabilità di gestione, visto che il Club Azzurro permetterà alla LFCS di investire e migliorare nella struttura organizzativa. Viene poi definitivamente disegnato il logo della Lega: un calciatore in corsa con al piede una palla, con sopra le quattro lettere (LFCS) e sotto l’anno di nascita (1995). Stabiliti infine i colori ufficiali della Lega: il rosa, visto che è il colore della Gazzetta dello Sport quotidiano ufficiale della LFCS, e l’azzurro il colore della Nazionale di calcio e dell’Empoli (visto il legame con il Club Azzurro Spicchio). Ma si opta per questi due colori anche per un altro motivo. Rosa e Azzurro sono i colori con il quale si identificano rispettivamente il sesso femminile e quello maschile e il fantacalcio è un gioco dove questi due sessi possono giocare insieme, senza distinzione, come magari succede nella realtà dove esiste il calcio maschile e quello femminile.

A sorpresa Red Devils campione

La stagione 2000-2001 si chiude con una sorpresa. A vincere il titolo di campione di lega è una squadra neopromossa, addirittura una squadra ripescata, che la stagione precedente era giunta solo 4° in serie B. Stiamo parlando del Red Devils di Francesco Morelli, che tra un record e l’altro chiude il campionato al primo posto lasciando a mani vuote il Fonopoli (per la terza volta secondo!) battuto di 1 punto. Il Red Devils riuscirà poi a vincere la UEFA Cup e la Supercoppa di Lega. Il Milan di Luca Cingottini arriva terzo. Retrocedono in serie B, Fanta Scienza, FC Mary e Disc World. Il Fonopoli passa dalla delusione del campionato alla grande gioia nelle coppe. Il 22 Aprile 2001 centra la vittoria in Coppa dei Campioni superando il Naccheri di Paolo Vignozzi per 2-1, il 6 Maggio pareggia 2-2 con il Curva Fiesole di Leandro Morelli nella Coppa Intercontinentale e sette giorni più tardi vince la gara di ripetizione per 2-1 bissando il successo in coppa. Successi che diventano tre lo stesso 13 maggio in quanto riesce a vincere anche la Coppa di Lega battendo di nuovo il Naccheri con un secco 2-0 in finale. In Serie B l’Euro 2000 di Sandro Gai e l’Atletico Masala di Andrea Soldi (due matricole!) chiudono il campionato al primo posto. La LFCS riconosce la vittoria del campionato all’Euro 2000 per i successi negli scontri diretti: 3-2 nella gara d’andata (01-10-2000) e 3-1 nel ritorno (04-02-2001). La terza squadra promossa è l’Atletico Galliani di Fabrizio Dicomani che beffa nelle ultime giornate il Grondaia’s Square e il Boogie Nights, giunte rispettivamente quarta e quinta a 1 e 2 punti di ritardo dall’Atletico Galliani. Atletico Madrid, FC Maria-Empoli e Buccetta retrocedono in serie C1, mentre il Banana Dortmund si salva vincendo i Play Off con l’Espanyol per 2-0. Dalla Serie C1 sono promosse Starship Troopers, FC Pinturicchio ed Egi 97. Lo Starship Troopers di Massimo Preti vince sia la Coppa che la Supercoppa di Serie C e diventa la squadra dell’anno nella terza divisione. L’ideatore della LFCS Gabriele Guastella continua però a pensare a nuove idee da mettere in pratica per la stagione 2001-2002 e puntuali vengono presentate pochi giorni prima del via della nuova stagione.

Estate 2001: ecco la Champions League

L’ottimo lavoro svolto la stagione precedente in qualche modo premia lo staff della LFCS per la stagione 2001-2002; infatti non si registrano ritiri dalla LFCS almeno per quanto riguarda i campionati di Serie A e Serie B. Nella massima serie si registra solo l’addio di Paolo Vignozzi: alla guida del Naccheri gli subentra Massimiliano Cangiamila. Paolo Vignozzi era uno dei “mister” veterani della LFCS visto che si era iscritto poche settimane dopo la fondazione della stessa, nell’ottobre del ’95, ricoprendo negli anni anche cariche “federali”. La Serie C1 è invece imperniata in un girone unico formato da 14 squadre. L’Atletico Lungarno di Michele Menichetti vince lo scudetto chiudendo il campionato con due punti di vantaggio su Fonopoli (e con questa fanno 4 secondi posti!), Guasta e Chiarinha tutte appaiate a quota 51 punti. Il campionato ha una coda finale: il 21 aprile 2002 Curva Fiesole e Atletico Galliani si scontrano per un’avvincente spareggio salvezza. Si salva il Curva Fiesole vincendo 2-0, così a retrocedere è l’Atletico Galliani, che si aggiunge ad Atletico Masala e Naccheri. In serie B sono promossi il Nacional, lo Sporting Club Torre e lo Starship Troopers. Retrocedono in C1 Egi 97 (dopo aver perso i Play Out 0-3 con lo Sporting Lungarno), Batigoal, VC Malborghetto e FC Pinturicchio. Succede l’incredibile in Coppa di Lega dove l’Egi 97 di Giancarlo Pezzatini, di fresca retrocessione in terza serie, vince la Coppa di Lega battendo in finale 2-1 il Mary FC di Carlo Paci, guadagnandosi tra l’altro l’accesso alla Coppa dei Campioni che proprio l’estate del 2001 aveva cambiato denominazione tramutandosi in Champions League, seguendo le orme di quella reale. La Champions League è però molto diversa dalla “vecchia” Coppa dei campioni. A questa competizione partecipano infatti otto squadre: la detentrice del titolo, la vincente dello scudetto e la vincente in Coppa di Lega, più le altre migliori cinque della precedente serie A. Ecco che l’Egi 97 si vede proiettato per la stagione 2002-2003 nel grande fantacalcio della LFCS. Tornando al 2001-2002 segnaliamo infine le promozioni in Serie B di Snaporaz FC, Andrea Doria, Moijto FC e Sporting Lungarno. La prima edizione della Champions League viene vinta dall’Inter di Luca Ceriello (1-0 in finale sul Bar Ariston di Angelo Rossi) che poi bissa il successo in Coppa Intercontinentale superando con un secco 2-0 il Guasta. Il 31 Maggio del 2002 al Bar Ariston si celebra l’ormai consueta cena di fine stagione che, dalla stagione precedente, aveva preso il nome di Festa LFCS. Alla premiazione partecipa un ospite illustre, Silvio Baldini allenatore dell’Empoli che cinque giorni prima aveva riportato gli azzurri nel grande calcio della Serie A.

L’avvento di Internet

A Marzo 2002 la LFCS compie il grande passo anche in Internet. Viene registrato un dominio nel motore di ricerca Supereva, anche se per il momento si tratta di una pagina scarna contenente solo alcune informazioni relative all’attività della lega. Gabriele Guastella trova poi in Marco Salvadori una grandissima collaborazione. Questi porterà all’effettiva “costruzione” di un sito internet che proprio il 31 maggio 2002, giorno della festa della LFCS, viene messo on-line nella rete internet. Il grande risultato fu comunicato proprio durante la cena di fine stagione. Per la stagione 2002-2003 sarà possibile giocare dunque alla LFCS anche via internet grazie all’introduzione del sistema e-mail. Un passo decisivo perché incrementa in modo notevole il numero delle iscrizioni tanto che oltre ai campionati classici con serie A e serie B a 16 squadre, e serie C1 a 14 squadre, viene riproposto il campionato di Serie C2 diviso in due gironi di 10 squadre ciascuno. Accantonata subito l’idea di una serie D la LFCS si promette, in caso di ulteriori richieste di iscrizioni, di limitare il numero dei campionati a cinque, con appunto girone unico per serie A, serie B e serie C1, e due gironi (di 12 squadre al massimo!) in serie C2. Nasce il trofeo Bar Ariston, per le squadre dal 6° posto in poi nel campionato di serie C2 e che dunque non prenderanno parte alla fase dei Play Off per la promozione in C1. Fabrizio Li Franchi viene confermato presidente di lega, mentre Massimo Preti è il suo vice e Giancarlo Pezzatini Segretario Generale. Michele Menichetti assume la carica di presidente di lega di serie C, Leandro Morelli è il suo vice e Giacomo Carboncini Segretario. Viene poi istituita in via ufficiale anche una Commissione Disciplinare (C.D.) addetta al rispetto delle regole, con Claudio Rossi presidente e Alessandro Cappelli e Fulvio Alderighi consiglieri. L’inizio della stagione è fissato per metà settembre, in occasione della 2° giornata del campionato di serie A.

Il secondo titolo del Fonopoli e il “Leone d’Argento”

La stagione 2002-2003 fila via senza intoppi. L’unica clamorosa sentenza arriva ad ottobre con il Red Devils retrocesso d’ufficio in serie B dalla Commissione Disciplinare, inadempiente ai fini della consegna della rosa della squadra. L’ottavo scudetto della storia della LFCS se lo aggiudica il Fonopoli della coppia Claudio Rossi-Sandro Papini. E’ il secondo titolo di campione di lega per il Fonopoli. E’ la prima fantasquadra ad ottenere questo risultato. Pazzo di gioia Claudio Rossi, che entra nella storia come fantallenatore più vincente, centrando anche Coppa Intercontinentale, Champions League e Supercoppa di Lega. Felicissimo anche Sandro Papini non abituato a questi successi. Retrocedono in B, oltre al Red Devils, anche Santos e Bar Ariston. Salgono in A Grondaia’s Square, Sporting Lungarno e Andrea Doria. L’Euro 2000 vince la Coppa di Lega, mentre il Milan si aggiudica la Coppa delle Coppe. Gianluca Guasti vince il campionato di C1 e la supercoppa di serie C: è la nuova promessa della LFCS. Dalla serie C2 promossi in C1 SuperCaliffo, Gnegno, La Medicina e Peter Punk FC. Il primo Trofeo Bar Ariston della storia viene vinto dal Cucujianji di Marco Lunardi. Le premiazioni si celebrano venerdì 30 maggio 2003 al Bar Ariston. La “Festa LFCS 2003” per la prima volta si svolge all’esterno. Alla serata partecipano oltre quaranta persone, tra cui il Sindaco di Vinci Giancarlo Faenzi, l’Assessore allo Sport di Vinci Dario Parrini, e l’ex calciatore di serie A anni ’70 Giovanni Toschi. La LFCS, in stretta collaborazione con il Club Azzurro Spicchio, istituisce un premio da assegnare ogni anno ad un calciatore dell’Empoli che si sia distinto per coraggio, altruismo, attaccamento alla maglia, combattività: il “Leone d’Argento”. Il primo “Leone d’Argento” della storia viene assegnato all’attaccante Tommaso Rocchi. Quest’ultimo però non si presenta alla serata: è assente perché febbricitante. Verrà premiato in occasione della presentazione della squadra azzurra ai tifosi. La Lega FantaCalcio Spicchio finisce su alcuni articoli pubblicati da “La Nazione” e “IL Tirreno”. Ormai è diventata una realtà importante per Spicchio, e conosciuta e originale per Empoli. Nel gennaio del 2004 vengono realizzati anche alcuni gadget della LFCS, prossima a festeggiare i dieci anni di attività.

L’Atletico Lungarno è ancora Campione di Lega

Il boom della Lega FantaCalcio nei “mass media”

La stagione 2003-2004 è stata la stagione della consacrazione per la LFCS che, come detto, si avvicina al traguardo dei dieci anni dalla sua fondazione. Giornali, radio, televisione e perfino il televideo parla di questa piccola realtà. Ma andiamo con ordine. L’Atletico Lungarno di Michele Menichetti è Campione di Lega per la seconda volta in tre anni: solo al Fonopoli era riuscita quest’impresa. L’Atletico si aggiudica anche la SuperCoppa di Lega. Retrocedono in serie B Boogie Nights (Luca Rossi), Starship Troopers (Massimo Preti) e Curva Fiesole. Quest’ultima riesce però a vincere la Champions League e la Coppa Intercontinentale, e così mister Leandro Morelli rende meno amara la retrocessione in seconda divisione. Vince il campionato di serie B l’Eureka! di Alessio Migliori e Silvia Benassai, che vengono promossi in massima divisione insieme ad Atletico Galliani (Fabrizio Dicomani) e Batigoal (Antonio Craca). A proposito di Batigoal; questa formazione nella stagione 1996/97 militava in serie A e poi è franata fino alla serie C1, ci ha pensato mister Craca a rimediare al tutto, e nel giro di due anni è riuscito nell’impresa di riportarla nella massima divisione. Josè Ringressi si porta a casa due trofei con il Grondaia’s Square: Uefa Cup e Supercoppa Europea. Retrocedono in serie C1 lo Snaporaz (Michele De Tommasi), che ha perso lo spareggio con l’Empoli (Stefano Guastella) di nuovo in serie B dopo tre anni, il Blue Red Devils Empoli, lo Smagorico e l’Egi 97. Dalla serie C1 promossi in serie B oltre all’Empoli, anche FC La Medicina (Fabio Bonfanti), Peter Punk FC (Massimo Preti) e FC Gnegno (Stefano Guzzo). Il Naccheri Livorno Calcio di Piero Maurelli vince la Coppa di Serie C ma retrocede in C2, in compagnia di Fiorentina (Domenico Ferraro Fano), CAPS (Massimiliano Cangiamila) e FC Bolgia (Francesca Borchi ed Elena Desideri). In C2 brillano il Palma di Majorca (Giacomo Guastella), che torna in C1 dopo sei anni, e il Serravalle (Fabrizio Fioravanti) che vincono i rispettivi gironi. Salgono in C1 anche SS Lazio 1900 (Marco Caldaro) e Mc Meghè Machine (Marco Baldacci) dopo i successi ai Play Off. Il Rangers 1976 di Graziano Mori non centra la promozione in serie C1, ma vince la seconda edizione del Trofeo Bar Ariston. Le premiazioni si svolgono al Bar Ariston il 28 maggio 2004. Lo staff della LFCS organizza una serata davvero speciale con l’allestimento di due gazebo, la musica di Sandro Gai, e poi la partecipazione di personaggi importanti come Mario Ansaldi, ex calciatore di Empoli, Lucchese, Sampdoria, Modena ed attuale allenatore della Berretti dell’Empoli, Ezio Gelain, ex calciatore ed allenatore dell’Empoli, Giovanni Toschi, ex calciatore (anni 70) di Torino, Reggina, Cesena, Giancarlo Faenzi, Sindaco di Vinci, Dario Parrini, assessore allo sport del Comune di Vinci, che pochi giorni più tardi diventerà Sindaco. Cinquanta le presenze alla serata. Salta la premiazione di Jorge Vargas, difensore dell’Empoli e della Nazionale del Cile, vincitore del “Leone d’Argento 2004”, che non si può presentare alla serata in quanto impegnato in sudamerica con la nazionale cilena nelle qualificazioni per il Mondiale 2006. Jorge viene comunque premiato, sempre al Bar Ariston, lunedì 14 giugno ed è un altro successo della LFCS. Grazie a questo premio la LFCS finisce su moltissimi quotidiani: La Nazione, IL Tirreno (anche nella cronaca nazionale), il Corriere di Firenze, il Corriere dello Sport-Stadio, e poi in televisione ad Antenna 5, in radio su FataMorgana e Radio Lady, e sul Televideo della Rai (RaiUno e RaiDue) ed in quello della Mediaste (Rete4, Canale5 ed ItaliaUno). Quindi le ciliegine sulla torta per festeggiare i dieci anni di fantacalcio a Spicchio sono rappresentate da Jorge Vargas che accetta il ruolo di testimonial della LFCS, dal nuovo sito internet all’indirizzo www.fantacalciospicchio.it e dalla squadra di calcio a cinque UISP che parteciperà al campionato provinciale empolese di serie A2, con materiale Legea completamente griffato LFCS.

LFCS: 1995-2005, il Decennale

La stagione 2004-2005 si apre tra buone premesse e tanti obiettivi. L’obiettivo primario è festeggiare alla grande i dieci anni di attività. La festa è fissata per il 17 giugno, e a novembre arriva anche l’accordo con l’Empoli Calcio per celebrare l’evento presso il nuovo Centro Sportivo di Monteboro che proprio durante questa stagione l’Empoli avrebbe ultimato. Si scoprirà poi che sarebbe stata proprio la festa della LFCS ad inaugurare l’impianto. La stagione di fantacalcio scivola via senza intoppi. Tra le novità del gioco c’è una rinnovata edizione del Trofeo Bar Ariston e soprattutto il Trofeo “Mister Peo” Hair Stylist Cup, alla memoria del compianto amico Pietrino Alderighi; il torneo è una competizione all’inglese, dove cioè tutte le squadre di ogni categoria si affrontano tranquillamente. Non mancheranno risultati clamorosi, con squadre di C2 che eliminano formazioni blasonate di serie A e B. Questa prima edizione del trofeo viene vinta dallo Gnegno, formazione di serie B, allenato da mister Stefano Guzzo. Lo scudetto numero dieci della storia finisce invece tra le mani di una ragazza di Sovigliana: Monica Benassai, che trionfa con l’Eureka!, matricola terribile appena promossa in massima divisione. Per la prima volta nella storia lo scudetto viene vinto da una “donna”. Gorini Oro, ormai partner della LFCS da tre stagioni, realizza uno speciale trofeo che la LFCS vorrà e cercherà di consegnare, sempre lo stesso, ogni anno: un pallone di cristallo sorretto da un’asta di lega e acciaio a forma di “G”. L’Atletico Lungarno di Michele Menichetti continua a vincere e questa volta centra la seconda Champions League, bissandola poi con la Coppa Intercontinentale. Doppio successo anche per l’Eureka! che si aggiudica l’UEFA Cup, mentre mister Monica Benassai fa tris aggiudicandosi con l’altra sua personale squadra, il Cuore BiancAzzurro, il girone B della Serie C2, centrando così la promozione in C1. L’Empoli, squadra cadetta, vince la Coppa di Lega e il Moijto la Supercoppa Europea. Retrocedono in serie B il Milan, sconfitto per 0-2 nello spareggio-salvezza con l’Euro 2000, l’Inter e il Batigoal. Sono invece promosse in A Borgorosso, La Medicina e Starship Troopers. Retrocedono in C1 Bar Ariston, poi ripescato per l’allargamento dei quadri in serie B, Viking e Peter Punk. Il campionato di C1 è vinto dal Palma di Majorca, promosso in B insieme a Lazio 1900 ed Egi 97. Da segnalare inoltre che per effetto dei successi ottenuti, Empoli e Moijto ottengono la partecipazione per la Champions League 2005-2006, grazie alla decisione del Consiglio di Lega di mutare il regolamento di questa competizione. E arriviamo così ai giorni conclusivi della stagione. Il 1° Aprile al Bar Ariston si tiene una straordinaria Assemblea di Lega, durante la quale viene confermata la volontà di organizzare una mega festa presso il nuovo polo sportivo dell’Empoli Calcio. Vengono inoltre prese anche ulteriori decisioni, come l’elezione di Massimo Preti a Presidente di Lega, al posto di Fabrizio Li Franchi, che lascia l’incarico dopo sei anni di presidenza. Con maggio arriva anche uno storico traguardo: 10000 presenze sul sito internet!

Il 22 Maggio l’Empoli di Mario Somma pareggia in casa (0-0) con il Genoa, avvicinandosi ad un clamoroso ritorno in Serie A. La LFCS comincia a prendere sul serio l’ipotesi di una promozione degli azzurri e nell’immediato dopogara con il Genoa contatta l’azzurro Antonio Buscè per comunicargli che sarebbe dovuto essere presente alla serata per ritirare il premio “Leone d’Argento”. Il forte centrocampista azzurro vuole un “confronto” con gli organizzatori della LFCS. La sera stessa al Meeting di Sovigliana alcuni esponenti della LFCS, Buscè, Pratali e Tavano si consigliano per sciogliere un nodo importante. Se l’Empoli centra la Serie A con molta probabilità il 17 giugno i calciatori azzurri potrebbero essere già in vacanza. Così si cerca una nuova data e viene individuata subito: martedì 7 giugno. Il lunedì successivo nasce un nuovo problema: per il 7 giugno la “Sala” che era destinata per la serata non è pronta, perché necessita dell’imbiancatura. Durante la giornata Gabriele Guastella contatta i responsabili dell’Unione Clubs Azzurri, che organizzano in collaborazione con la LFCS e il Bar Ariston l’evento, per chiedere consiglio. Emilio Scardigli “offre” la sala del Circolo di Spicchio, nel caso non si riuscisse a trovare altra migliore soluzione. Un veloce consulto con il Bar Ariston alle 20 dello stesso lunedi, con Angiolo Rossi in persona, da il via libera ad una eventuale festa al Circolo di Spicchio, ma solo in via ufficiosa. Bar Ariston e LFCS si danno tempo fino alle 20 del giovedì successivo. Tre giorni dopo dal successivo incontro non emergono altre soluzioni e così la festa viene ufficializzata: martedì 7 giugno presso la “Sala Ballo” del Circolo di Spicchio. I giorni passano veloci: c’è attesa e agitazione, ma soprattutto nascono “stupidi malintesi”. Il sereno in casa LFCS viene riportato dalla festa stessa, alla quale partecipano quasi 150 persone con ospiti illustri come i calciatori azzurri Buscè, Dedìc, Cappellini e Ficini. Gli ex Guarino, Martusciello e Pane. C’è anche il Sindaco di Vinci Dario Parrini e poi l’addetto stampa dell’Empoli Gianni Assirelli, il fotografo ufficiale Gianni Nucci e la responsabile del sito internet degli azzurri Samanta Panelli. Non manca neppure il magazziniere degli azzurri Giancarlo Fontanelli, mentre in sala sono presenti anche i giornalisti Paolo Lunghi, David Buzzi, Mario Moscadelli, Fabrizio Fioravanti e Alessandro Marinai. La festa inizia alle 20 in punto e dura quasi quattro ore, tra filmati più o meno storici e consegna dei premi. La LFCS festeggia così come merita i suoi dieci anni di attività, finendo per l’ennesima volta alla ribalta della scena.

2006: il trionfo di Fabio Bonfanti, vince “La Medicina”

La stagione del post-decennale è quella che registra il primo grande passo verso la creazione di un vero e proprio pool di persone addette al controllo del gioco. Il primo passo si chiama David Rossi. Sarà lui a controllare il 30% del gioco, prendendosi cura dei gironi B della C1 e B e C della C2, oltre che delle competizioni della serie C che chiamano in causa le squadre dei campionati da lui gestiti. Il resto delle operazioni vengono ancora coordinate da Gabriele Guastella. Confermato anche il sito internet che si ripresenta nella stessa veste grafica della stagione precedente.

La sorpresa finale è il successo dell’ennesima matricola terribile: lo scudetto infatti finisce nelle mani di Fabio Bonfanti che, con La Medicina FC, è passato in quattro stagioni dalla C2 alla conquista dello scudetto, nonché alla qualificazione in Champions League per la stagione 2006-2007. Non c’è dubbio è la stagione delle grandi sorprese, e così a vincere la Champions League è una squadra di serie B: il Moijto FC di Nico Raffi, che però, partita tra i favori dei pronostici, fallisce la promozione nella massima divisione. Promozione che invece viene centrata dall’Empoli di Alessandro Marinai, debuttante al gioco, e trionfatore nella serie cadetta. Insieme all’Empoli salgono in A il Milan di Luca Cingottini, il Mary di Carlo Paci e lo Gnegno di Stefano Guzzo. Sono clamorose ed eccellenti le retrocessioni dalla A alla B: lo Sporting Lungarno di Maurizio Menichetti e il Nacional di Giacomo Balsamello. Lo Sporting Lungarno raddolcisce l’amarezza della retrocessione con la conquista della Coppa di Lega. Retrocedono in C1 lo Scienza, il Disc World (che poi viene cancellata dopo 8 anni di fantacalcio e un campionato di serie A ndr) e il Boogie Nights. Cinque invece le promozioni (in virtù dell’ampliamento della serie A da 16 a 18 squadre ndr): salgono lo Shiteam di Paolo Vignozzi, il CuoreBiancAzzurro di Monica Benassai, passato poi a Franco Cappelletti, lo Zola FootBall Club di Gionata Mannu, il Black Devils di Antonio Craca e Giacomo Franchi e il Rangers 1976 di Graziano Mori. Dalla Serie C2 alla Serie C1 si registreranno notevoli ripescaggi per la reazione a catena dell’ampliamento dei quadri del campionato di serie A, ma anche per l’ampliamento da 12 a 14 squadre dei due gironi di C1, oltre anche a qualche ritiro illustre che, oltre al Disc World FC, si testimonia con gli abbandoni del Serravalle e del Peter Punk FC. Il Cialtronia FC (Serie C2) invece opera una fusione con l’Atletico Club (Serie C1): ne viene fuori l’Atletico Club Cialtronia che prenderà parte al torneo di Serie C1.

Il 12 maggio viene organizzata la cena di fine stagione della Lega FantaCalcio Spicchio, con le premiazioni. Alla serata è presente l’allenatore dell’Empoli Gigi Cagni, il suo vice Fabrizio Lorieri, e una cinquantina di persone. Sei giorni più tardi, 18 maggio, al circolo Arci di Spicchio viene invece consegnato il Premio “Leone d’Argento” giunto alla quarta edizione: vince il centrocampista argentino dell’Empoli Sergio Bernardo Almiròn. Alla serata è presente al completo tutta la squadra azzurra, tranne Coda (impegnato con la Nazionale Under 21 agli Europei e Tosto sempre a casa con le stampelle dopo un brutto infortunio ndr). La serata è un successone, tanto che viene organizzata una diretta con Antenna 5, ed inoltre radio, giornali, siti web, tv e perfino i televideo danno spazio all’evento. Quasi 200 le persone accorse all’evento.

Il 1° luglio David Rossi assume la carica di Presidente della Lega di Serie C, mentre prende sempre più corpo il pool di persone incaricate del controllo del gioco. Gabriele Guastella, che si occuperà di Serie A e Serie B, e David Rossi, che controllerà tutta la serie C2, vengono affiancati di Massimo Preti e Michele Baldacci, rispettivamente incaricati di controllare il girone A e il girone B della Serie C1.

2007: il secondo scudetto in tre anni dell’Eureka!

L’Eureka! di Monica Benassai vince il secondo titolo in tre stagioni ed entra con pieno merito nella storia delle grandi fantasquadre della Lega FantaCalcio Spicchio. Al secondo posto si piazza la matricola Empoli di Alessandro Marinai, che paga la flessione di rendimento subita nella prima parte del girone di ritorno, senza la quale forse avrebbe centrato la conquista del titolo. Retrocedono in serie B il Borgorosso, l’Atletico Lungarno e l’Andrea Doria. In serie B invece trionfa il GM Santa Brigida di Luca Assirelli che sale in massima divisione in compagnia di Egi 97 e Zola FootBall Club, tutte e tre le formazioni sono alla prima apparizione in serie A.

Lo Zola, promosso in serie A, sfiora il grande bis andando vicino alla conquista della Coppa di Lega, dove viene sconfitta in finale dal Black Devils per 3-2. Black Devils che verrà poi battuto nella finale della Supercoppa di Lega dall’Eureka per 2-1.

E il Black Devils retrocede in serie C1 in compagnia di Bar Ariston, Shiteam e Lazio 1900. La Medicina di Fabio Bonfanti, a distanza di un anno dalla conquista dello scudetto, centra anche la Champions League (0-0 con lo Sporting Club Torre e poi 3-2 dcr) e la Coppa Intercontinentale battendo il Fonopoli Calcio per 1-0, che in precedenza aveva vinto la UEFA Cup vincendo per 2-1 con lo Starship Troopers.

Il Palma di Majorca vince in finale con il Mary (2-1) e conquista la Mitropa Cup, mentre l’Egi 97 ha battuto con lo stesso risultato il Cuore Biancazzurro aggiudicandosi l’Intertoto Cup. Nella finale della Supercoppa Europea l’Egi 97 batte 3-2 dopo i calci di rigore il Palma di Majorca (0-0 il parziale finale).

L’Ambrosiana Inter, che fallisce la promozione in serie B, si aggiudica l’Esmeraldo Cup vincendo la finale contro gli Scartati FC con il risultato di 4-2. Quindi il Black Devils si aggiudica la Coppa delle Coppe battendo per 4-3 dcr (1-1) lo Smagorico, nello scontro tra la vincente della Coppa di Lega e la vincente della Coppa di Serie C.

Queste invece le quattro promosse dalla serie C1 alla serie B: Real Empoli e San Bartolo, più le due vincenti dei Play Off il F.Smagorico e gli Scartati FC. Salgono dalla C2 alla C1 il Janotto Sporting Club, AS Tecnica Futuro e Rototom FC dal girone A e San Cassiano FC, Scatto Vincente e i Bandoni FC dal girone B.

Lo Smagorico supera ai rigori per 3-2 (0-0) il Blue Devils Empoli e si aggiudica la Coppa di Serie C mentre è il Real Empoli ha vincere la Supercoppa di serie C.

In serie D il Petroio vince il campionato e sale in C2, mentre il Paperopoli si aggiudica la Coppa di serie D e il Petroio vince anche la Supercoppa.

Infine l’El Chè, che torna in scena dopo qualche stagione di silenzio, si aggiudica il Trofeo Bar Ariston, e il Cubano vince a sorpresa il Trofeo Mister Peo “Hair Stylist Cup” in una finale tutta di C contro il Real Empoli.

2008: il terzo sigillo del Fonopoli Calcio

Il Fonopoli Calcio centra il terzo titolo della sua storia: la coppia Lunardi-Rossi iscrive i propri nomi sull’albo d’oro. Per Lunardi si tratta del primo scudetto personale, mentre per Claudio Rossi è il terzo scudetto: in passato lo aveva vinto in coppia con mister Sandro Papini. Salgono sul podio della serie A anche il Grondaia’s Square e il Devils, rispettivamente secondo e terzo.

Retrocedono in serie B tre squadre illustri: il Milan, l’Atletico Lungarno e FC La Medicina (3 scudetti in cadetteria…). Il Palma di Majorca vince il campionato di serie B e viene promosso in serie A insieme alla matricola San Bartolo, mentre torna nella massima divisione anche il Borgorosso. Cadono in C1 Curva Fiesole, FC Inter, Real Empoli e Sporting Lungarno.

Il duello Fonopoli-Grondaia’s si ripete anche in Coppa di Lega: ai rigori la spunta il Grondaia’s Square, che poi però viene battuto nettamente in Supercoppa di Lega: 3-0 per il Fonopoli.

Il Grondaia’s è protagonista anche in Champions, ma si arrende in finale, battuto per 3-1 dallo Gnegno. Il Black Devils, che in C1 si salva solo ai Play Out, si aggiudica la UEFA Cup superando in finale per 2-1 il Milan e poi anche l’Intercontinentale battendo 1-0 lo Gnegno.

Il Cuore BiancAzzurro vince ai rigori contro lo Zola e si aggiudica la Mitropa, mentre il Moijto supera di misura (1-0) il Rangers e vince l’Intertoto Cup. La Supercoppa Europea viene vinta ancora dal Moijto che batte nettamente (3-0) il Cuore BiancAzzurro.

Infine il Real Martellid vince l’Esmeraldo Cup (la coppa dei campioni della serie C) e il Grondaia’s Square che si aggiudica la Coppa delle Coppe (sfida tra la vincente della Coppa di Lega e quella della Coppa di Serie C) superando 3-1 il Viva AC.

Scendiamo nel complesso mondo della serie C. Nel girone A il Cubano ottiene la promozione diretta in serie B vincendo il proprio girone, mentre il Real Martellid salirà in B dopo la vittoria dei Play Off. Nell’altro girone trionfa l’Atletico Masala, mentre il Mc Meghè Machine vince i Play Off. Dalla serie C2 salgono Viva AC e Petroio AC, insieme al GiVale che vince i Play Off, mentre retrocedono in C2 San Cassiano FC, Tecnica Futuro e, dopo i Play Out, anche LongoBarda.

Il Viva AC vince la Coppa Serie C superando in finale (2-1) lo Snaporaz, mentre il Cubano si aggiudica la Supercoppa Serie C vincendo la supersfida contro l’Atletico Masala. La Sampierdarenese si aggiudica invece il Trofeo Bar Ariston.

In serie D trionfa l’Olympic Team, promosso in C2 insieme al Piazza dei Leoni giunto secondo. Il Piazza dei Leoni completa l’ottima stagione vincendo la Coppa Serie D, mentre l’Olympic Team vince la Supercoppa.

Il Mary FC di Carlo Paci si aggiudica invece il Trofeo Mister Peo “Hair Stylist Cup” battendo in finale, dopo un lungo cammino, il Santos.

Il 15 maggio presso la sede del Centro di Coordinamento Empoli Clubs Sebastian Giovinco, in procinto di tornare alla Juventus, riceve da Gabriele Guastella il “Leone d’Argento”, giunto alla sesta edizione e organizzato dalla Lega FantaCalcio Spicchio in collaborazione con la testata giornalistica Piazza dei Leoni. La settimana successiva si consuma presso il Bar Ariston la cena di fine stagione, con le premiazioni e con Flavio Giampieretti, ex Empoli, come ospite della serata.

2009: Fonopoli Champions, ma dominano le “girls”

E’ una stagione davvero particolare, in cui le big, eccezion fatta per il Fonopoli Calcio che stenta in campionato ma vince la sua terza Champions League, soffrono incredibilmente ed immancabilmente non mancano le sorprese in positivo e negativo.

La stagione si tinge di rosa con i successi di Linda Assirelli (con il Palma di Majorca vince scudetto, supercoppa di lega e Trofeo Mister Peo, con lo Scatto Vincente il girone A della serie C1), Monica Benassai (con l’Eureka si aggiudica la Coppa di Lega) e Sara Nucci (vittoria del campionato di Serie B).

Poi altre sorprese come i successi di Giuseppe Bindi (GM Santa Brigida che vince l’Uefa Cup), Roberto Soro (AC Milan che vince la Mitropa), Marco Caldaro (con la Lazio 1900 che fallisce il ritorno in B ma centra la conquista della Coppa di Serie C), e Filippo Dicomani (volto nuovo del fantacalcio che vince il torneo di serie C2).

Di contro tante big in difficoltà: l’Egi 97 di Giancarlo Pezzatini torna in serie B, in compagnia dello storico Sporting Club Torre, La Medicina che finisce addirittura in C1, accompagnato da Batigoal, Andrea Doria e Unione Empoli. L’Atletico Galliani e il Moijto falliscono ancora l’ennesimo assalto alla serie A, il Bar Ariston resta in C1, mentre il Curva Fiesole evita alla penultima giornata i Play Out, rischiando così la C2.

Ma in serie C ci sono anche due figure storiche della LFCS che trionfano: Paolo Vignozzi riporta lo Shiteam di nuovo in serie B, dopo appena una stagione, mentre Massimo Preti si conferma una garanzia per la categoria vincendo un altro campionato e portando anche il Rototom FC nel grande fantacalcio.

Il 6 maggio viene assegnato all’attaccante dell’Empoli Daniele Corvia, nell’ambito della Cena Azzurra, la settima edizione del Leone d’Argento, che vede tra gli organizzatori anche la Lega FantaCalcio Spicchio, mentre il 12 giugno si svolgono le premiazioni della stagione appena conclusa in occasione della Cena d’inizio estate.

Resta da ricordare poi la nascita del sito internet Pianetaempoli.it, un sito specializzato che parla a 360° di Empoli

2010: gemellaggio con FantaLega Battipaglia, e il nostro fantacalcio  diventa famoso grazie ai successi  di PianetaEmpoli.it

Non è una stagione particolarmente emozionante, ma tuttavia regala alcune sorprese abbastanza importanti. Lo scudetto viene vinto dal GM Santa Brigida protagonista di una stagione piuttosto regolare e soprendente. Retrocedono in B squadre blasonate come il Grondaia’s Square ma soprattutto il Devils, oltre al San Bartolo.

La serie B è stato dubbio il campionato più avvincente che ha tenuto tutti con il fiato sospeso fino all’ultima giornata, che ha poi incoronato gli Scartati FC di David Rossi capaci di vincere il torneo cadetto. Salgono nella massima divisione anche il Real Martellid e il Cubano FC: tutte debuttanti per la massima categoria.

La Coppa di Lega viene invece vinta ai rigori dal Palma di Majorca.

Champions League all’Euro 2000 di Sandro Gai e Uefa Cup al Borgorosso di mister Gianluca Guasti.

Dalla serie C1 salgono Viva e Intercupp, e successivamente dopo i Play Off anche Atletico Club Cialtronia e GiVale. Finiscono nel purgatorio della serie C il Milan AC, Rototom, Egi 97 e Atletico Lungarno: una quantità incredibile tra scudetti e coppe vanno dunque ad arricchire il blasone della terza serie.

Ma la stagione 2009-2010 verrà ricordata per due cose in particolare.

La prima: il gemellaggio con FantaLega Battipaglia che dà vita alla “Mediterraneo Cup”; sfida nella quale si affrontano le due squadre vincenti dello scudetto nell’anno precedente: la prima edizione va al Palma di Majorca e dunque in casa nostra.

2011: LFCS sui Social Network

Grazie alla fattiva collaborazione con PianetaEmpoli.it la Lega FantaCalcio Spicchio sbarca nei principali Social Network quali YouTube, Twitter e Facebook.

Tornando al fantacalcio giocato il Cubano, assoluto dominatore del campionato di Serie A, vince lo scudetto, mentre retrocedono in serie B Empoli FC, Scartati FC ed Euro 2000.

2012: il calcio perde appeal e il fantacalcio perde iscrizioni e fantallenatori

   

Stagione fantacalcistica numero 17, momento difficile per il calcio italiano coinvolto in numerosi scandali. Si va dal calcioscommesse al crack finanziario che in due estati (2011 e 2012) cancella decine di società dalle serie professionistiche a quelle dilettantiche fino alle serie più basse.

Il momento no causa una perdita di appeal per il calcio e conseguentemente anche per il fantacalcio. Di riflesso anche la LFCS perde iscrizioni e numero di fantallenatori. Per la prima volta dopo quasi dieci anni non viene organizzato il campionato di Serie C2, dopo che dalla stagione precedente era sparita anche la Serie D.

Il Nacional di Alberto Nenci vince lo scudetto, mentre l’altro Nenci, Alessandro, trionfa in serie B con il Galacticos Azzurri. L’Audace Legnaia si aggiudica la Champions League, mentre due gloriose formazioni come l’Empoli e il Santos sprofondano in C1. L’Empoli rischia addirittura di essere cancellata dalla mappa dei campionati di fantacalcio, salvata a poche ore dalla chiusura delle iscrizioni dalla coppia di soviglianesi Trinci-Marmugi che avrà così il compito di riportare in alto una delle formazioni storiche del nostro gioco.

 

2013: Ciao Luca!

Si scrive la pagina più triste del nostro gioco. A marzo ci lascia il nostro amico Luca Assirelli; lascia un vuoto enorme, difficilmente colmabile, un ragazzo con il sorriso sempre pronto, pronto a sdrammatizzare su tutto, a fare gruppo, molto legato alla vita del nostro fantacalcio. Tutto il resto passa, giustamente in secondo piano, di risultati quest’anno non vogliamo parlare. Chiudiamo la nostra diciottesima stagione con il cuore affranto, ci proiettiamo verso il traguardo dei nostri venti anni, e lo dobbiamo fare con entusiasmo, come avrebbe voluto Luca…

 

2012-2013, LA STAGIONE IN NUMERI – Il Mc Meghè Machine di Michele Baldacci è certamente la squadra dell’anno; capace di vincere praticamente tutto quello che gli capita a tiro: dallo Scudetto alla Coppa di Lega, passando per Champions League, Coppa Intercontinentale, Coppa delle Coppe e Supercoppa di Lega. Praticamente tutto, ad eccezione del Trofeo Mister Peo Hair Stylist Cup dove viene eliminato a metà percorso. A vincere il Trofeo Mister Peo è una formazione di Serie C, il Lokomotiv Spicchio, altra ennesima scommessa vinta da “Re della C” Massimo Preti che con il Lokomotiv centra anche la promozione in Serie B. Un bravo a mister Nenci che riporta la Mediterraneo a “casa nostra”, quella Mediterraneo che proverà a vincere in questo 2013 proprio il Mc Meghè Machine. Salgono in A Mezzellona, Viva e Cubano, scendono in B Smagorico (che poi si ritira), GM Santa Brigida e Atletico Masala. Sprofondano in C1 due grandi squadre storiche come Milan e Devils, con quest’ultima che si ritira.

 

2014: Si torna al girone unico in Serie C1

 

La stagione 2013-2014 nei numeri è molto simile a quella precedente. Per la prima volta nella sua storia Massimo Preti con il suo Starship Troopers riesce a vincere lo Scudetto. Il Mc Meghè Machine di Michele Baldacci continua a primeggiare in Champions League e si porta a casa per la terza volta negli ultimi quattro anni la Coppa Intercontinentale. Il campionato di Serie A risulta essere uno dei più incerti e avvincenti della storia della LFCS, con almeno quattro squadre che battagliano fino a poche giornate dalla fine; tra queste si segnala l’Eureka che balza al comando a poche giornate dal termine dopo una rimonta nel girone di ritorno: dopo aver toccato la vetta subisce una leggera inflessione e perde contatto con la capolista, chiude al secondo posto ma si porta a casa l’Uefa Cup, e la stagione è comunque molto positiva.

Il Santos di Fulvio Alderighi vince per la seconda volta nella sua storia il campionato di Serie B: lo aveva fatto quattordici anni prima, e torna in massima divisione dopo qualche stagione di assenza e dopo essere piombato fino alla Serie C1. Anche l’Empoli FC, che come il Santos era piombato in Serie C1, riemerge e torna in Serie A a distanza di qualche stagione grazie alla coppia Trinci-Marmugi. Giacomo Balsamello ritorna a giocare nel nostro fantacalcio: vince la Coppa di Lega con il Fetta FC, ma poi non si iscrive nella stagione seguente. Stesso discorso per l’Inter FC di Mauro Falciati: vince la Coppa Serie C e poi non si iscrive per la stagione seguente. Dopo alcuni tentativi andati a vuoto nelle precedenti stagioni finalmente il Real Sprizzolo di Roberta Del Sordo riesce nell’impresa di centrare la promozione in Serie B: e vince anche la Supercoppa di Serie C.

Il 2014 sarà anche l’anno del ritorno al girone unico per la Serie C1. Il numero di iscrizioni è infatti diminuito ancora; i fattori che determinano questa tendenza degli ultimi anni sono certamente dovuti al campionato di Serie A che ha perso appeal, ma anche al fatto che giocando praticamente tutti i giorni anche il fantacalcio ha perso il suo fascino e per molti è diventato complesso seguire gli sviluppi del gioco.

La stagione che segue quella appena conclusa sarà la numero 20 della storia della lega, un traguardo che solo qualche anno fa sembrava impossibile da raggiungere… ed invece eccoci alle porte di questo prestigioso quanto incredibile traguardo.

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Iscriviti al Feed Rss di PianetaEmpoli Segui gli aggiornamenti di PianetaEmpoli direttamente sulla tua bacheca Facebook Segui gli aggiornamenti di PianetaEmpoli su Twitter Il canale PianetaEmpoli su Youtube Il canale PianetaEmpoli su Youtube I live delle ultime partite

LA CLASSIFICA

Pos   Squadra G. Pti
1 Atalanta  0     0
1 Lazio  0     0
1 Milan  0     0
1 Udinese  0     0
1 Roma  0     0
1 EMPOLI  0     0
1 Hellas Verona  0     0
1 Sampdoria  0     0
1 Palermo  0     0
1 Genoa  0     0
1 Torino  0     0
1 Parma  0     0
1 Napoli  0     0
1 Sassuolo  0     0
1 Inter  0     0
1 Chievo  0     0
1 Cagliari  0     0
1 Fiorentina  0     0
1 Cesena  0     0
1 Juventus  0     0
1 Scudetto alla prima classificata  0     0
1 Le ultime tre retrocedono in Serie B  0     0
 
 
 
 
 
Scardigli Loredano e Roberto
 
Orange Car
 
 
Spazio disponibile Spazio disponibile
 

 

Nuova Idea Bonel
 
Pianeta del sorriso

Siti amici

Empoli FC Unione Empoli Clubs Rangers Radio Bruno

Ti piace la Serie C a categoria unica?

View Results

Loading ... Loading ...