Zlatko Dedic con la maglia dell'EmpoliSi tratta dell’ex attaccante dell’Empoli di nazionalità slovena Zlatko Dedìc, azzurro nella stagione 2004-05 in Serie B, e che fu premiato nell’ambito del Premio “Leone d’Argento 2005” quale miglior giovane emergente al termine di quella stagione. Ricorderete come Dedìc dichiarò più volte di voler continuare la sua esperienza empolese con la squadra appena promossa in Serie A. Ma l’avventura di Zlatko ad Empoli finì durante il calciomercato estivo e poi si è sempre più allontanato da Empoli nonostante anche due anni dopo (2007) nell’ambito di un’intervista ad un noto giornale sportivo europeo avesse dichiarato che uno dei suoi rimpianti fino al momento era stato proprio quello di non aver avuto la possibilità di proseguire l’esperienza azzurra, facendo comunque i complimenti al “gruppo” che nel frattempo aveva raggiunto la qualificazione in Coppa Uefa.

 

Zlatko al termine della stagione 2004-2005 tornò al Parma, proprietario del cartellino, ma in carriera ha militato anche in altre squadre italiane: Cremonese, Frosinone e Piacenza. Poi l’esperienza in Germania al Bochum di cui è diventato un giocatore simbolo; Dedìc è anche uno degli attaccanti titolari della nazionale slovena. Il contratto con il club di Bundesliga termina però il prossimo 30 giugno 2012 e quindi andrà in scadenza e potrebbe, l’estate prossima, svincolarsi dalla società tedesca. Dedic, il primo a sinistra, con Busce, Moro e una tifosa dell'Empoli

 

Ecco dunque che il Bochum lo ha dichiaratamente inserito sul mercato e in queste ultime ore di calciomercato Dedìc ne è diventato uno dei protagonisti principali. Sulle sue tracce diversi club, dai tedeschi del Dinamo Dresda ai greci dell’Aris Salonicco, fino al Real Saragozza, club spagnolo che milita nella Liga. Ma nelle ultime ore pare che sia entrato nelle mire dello Sturm Graz, come riportato anche da alcuni siti specializzati e dal quotidiano “Kronen Zeitung”.

 

Gabriele Guastella

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here