code abbonamentiLa vendita dei biglietti per la gara che giocheremo mercoledi prossimo, 6 gennaio, con l’Inter, è partita davvero a gonfie vele.

La società ci informa infatti di come si siano già “bruciati” oltre 3500 tagliandi in appena 24 ore dalla messa in vendita.

 

I settori di maratona e tribuna sono ormai già “sold out” con pochissimi posti disponibili nella tribuna laterale sud. Ancora disponibilità invece sia in curva Nord sia in curva Dinamica.

Anche la vendita del settore ospiti sta andando molto bene con quindi molti supporter neroazzurri presenti visto anche il buon momento della loro squadra che per adesso comanda la classifica.

Già da adesso la solita raccomandazione di arrivare allo stadio con largo anticipo e se possibile di non prendere l’auto.

 

Redazione PE

CONDIVIDI
Articolo precedenteLorenzo Tonelli a Sky: "Voglio la salvezza, poi si vedrà"
Articolo successivoDal campo | Doppia seduta quest'oggi
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

37 Commenti

  1. se segna la strisciata di merdx non esultate in maratona che volate in campo , andate alla sud in mezzo alla fogna …grazie

  2. Complimenti per la sportività ed il senso civico che dimostri.
    Io sono tifoso empolese, forse più di te, però rispetto sempre il tifoso avversario allo stesso modo con cui vorrei che lui rispetti me.
    Secondo me, la gente come te, dovrebbe stare alla larga dagli stadi.
    E poi ci si lamenta se gli stadi si svuotano…..

    • Completamente d’accordo. Va bene che il calcio, a differenza del rugby, calcio non è purtroppo seguito da gentiluomini, ma a tutto ci deve essere un limite. Mi rammento quando da ragazzi andammo a Siena a vedere una partita di palla a canestro e la prima cosa che ci dissero fu: “Se provate ad esultare, vi riempiamo di botte”. Obbedimmo, ma che pena che provai per loro. 🙁

  3. …Cuorematto.. sarebbe bello fosse cosi, ma purtroppo non lo e’, e’ il patos del calcio dove anche la persona piu’ tranquilla si trasforma in iena inferocita, avere persone che esultano dietro a te, come e’ successo contro il Napoli rode, il rosicato dovrebbe usare il buon senso, mentre chi ti costringe a rodere dovrebbe sedersi nell’apposito spazio riservato agli ospiti…..e liberare i propri istinti…

  4. Sono fiorentino e vivo ad Empoli da 30 anni, e da 30 anni sono abbonato all’ Empoli Fc e vado molto volentieri a vedermelo allo stadio. Mi sono sempre divertito e sono stato bene in tutti questi anni e in qualunque serie. Da ragazzo ero interista ( Sarti, Burgnich, Facchetti, Bedin, Guarneri, Picchi, Jair, Mazzola, Domenghini, Suarez, Corso ! ), però a Firenze andavo a vedere la Viola dello Scudetto 1968-69 e poi quella di Antognoni. Insomma il mio cuore a forma di pallone e’ diviso in tre parti pressoché uguali. E quando giocano fra di loro ?… Di solito spero che vinca la squadra che nel frangente ha più bisogno di punti, anche se quest’anno più o meno vanno bene tutte e tre. Allora pareggio?.. Tanti auguri a tutti per un 2016 sereno, di buona salute e di qualche buona soddisfazione.

  5. Se sei per l’inter vai con gli interisti. Altrimenti ti giochi il rischio….faicome ti pare.
    Son tutti abbonati da 30 anni ma guarda un po e poi però empoli ascoli 0-3 650 spettatori
    Bravi bravi

  6. Ascolta io ho l” Empoli e solo l’ Empoli nel sangue anche quando eravamo in C 20 anni fa , se tu tifi inter contro la tua città ti metti nella curva sud insieme ai milanesi ne’ , in maratona nel cuore del tifo non ti ci metti x rispetto e altro

    • Il rispetto è proprio l’esatto contrario di quanto tu affermi: Aborro il tuo pensiero, ma mi batterò fino alla morte affinché tu possa sempre esprimerlo liberamente” (Ho citato a memoria un’espressione attribuita a Voltaire).

      • Qui si parla di tifo e del settore dedicato ai tifosi di casa (maratona)…. c’è uno stadio a disposizione per quello che dite giustamente voi, andare ad esultare li è andare a provocare!

  7. Se non sei per l’Empoli in maratona non ci devi entrare. Non diciamo cavolate lì ci stiamo noi, chi sostiene un’altra squadra va benissimo, ma la partita la vedi nel settore ospite.

  8. A volte leggendo i commenti di certa gente mi viene da pensare con tristezza ai loro genitori ed ai loro figlioli, se mai ne hanno o ne avranno. Ma quanta ignoranza e maleducazione!.. Non sono persone dotate di anima, raziocinio e cultura, sono scimmie. Scimmie, con buona pace di Darwin e la teoria dell’evoluzione.

    • Infatti non si disperi, la teoria dell’evoluzione è una bufala galattica…
      Comunque scendendo nel grezzo della discussione, per ricevere rispetto bisogna prima darlo. Io non posso assistere a gente che “senza rispetto” al goal esulta in maniera disordinata soprattutto se questo viene fatto maratona, settore caldo azzurro. Siete OSPITI comportatevi come tali.

      Costoro farebbero lo stesso a Roma in curva sud oppure se io vado a MIlano nella nord ed esultassi al goal dell’empoli credete che la passerei liscia? No!
      Quindi se ti permetti di venirlo a fare ad Empoli ma altrove non lo faresti vuol dire che non porti rispetto quindi non vedo perchè io dovrei portarne a loro…quindi una cardata ci stà bene, punto.
      Ognuno è responsabile delle proprie azioni e ne riceve le conseguenze.

      p.s. per coloro che invece nascondono la propria fede e i propri coloro facendosi scudo con un bambino o una ragazza dimostrano di non avere rispetto nemmeno per i propri cari e gli ci vorrebbe una cardata doppia.

      • Sicché a Pontormo, come negli stati dell’ex confederazione del generale Lee, credono nel creazionismo? 😀 😀 😀 Partendo da questi presupposti mi sembra ovvio che non vale raggionare sul rispetto e quant’altro. Volevo far notare che *ospite* è una parola bivalente e forse tu sai che cosa significa (o forse no?).

        • …infatti, io ho sempre detestato la parola OSPITE nell’ambito stadio….io lo considero più un rompicaxxo….o, se proprio vogliamo usare la parola, aggiungiamoci altamente INDESIDERATO. A casa mia non sbraci…..

        • Creazionismo ha un accezione troppo religiosa e non mi piace. Diciamo che solo che il creazionismo religioso e l’evoluzione darwiniana per me sono bufale colossali, ma son discorsi complessi.
          Per quanto riguarda la parola ospite, la conosco eccome e l’ho usata perchè sò per certo che ci saranno persone non gradite che se vogliono rispetto dovranno attenersi allle regole del buon ospite…

    • L’evoluzione ha portato alcuni miglioramenti nella specie: con la postura eretta che ha liberato le mani si è avuto la possibilità di usarle per costruire i primi untensìli e poi e poi. Però siamo una delle poche specie che uccide il proprio simile e talvolta anche con piacere. 🙁

  9. Senti Socrate non fare il saggio , è giusto che se tifi contro la tua città vai nel settore dedicato ai tifosi ospiti altrimenti ti stai a casa con la tua bella sciarpetta milanese

  10. Buongiorno scusate, ma visto che si parla di nuovo stadio megagalattico, pensate di riempirlo solo di “empolesi puri”? Forza Empoli

    • …il nuovo stadio ristrutturato, avrà la stessa capienza di quella attuale, cioè 17.000 contro 16.800 attuali. Contro il Pescara in serie B eravamo 15.000, di cui 6 (sei) da Pescara. Ma anche se fossimo 9/10.000 tifosi azzurri allo stadio in modo stabile, andrebbe più che bene.

  11. Buongiorno… Torno a ripetere che secondo me molti di noi non sanno guardare in faccia la realtà!
    Partendo dal presupposto che credo fermamente che fa a cazzotti x una partita di calcio sia sbagliato a prescindere, in italia la situazione specialmente nelle curve è questa e x me sarebbe più facile prevenire invece che curare! In tutti gli stadi d’Italia c’è il cosiddetto settore caldo e voi pensate davvero che succeda come a Empoli che ci entra gente con sciarpe e maglie di altre squadre? Col cavolo un ci si avvicinano neanche… E allora chi tifa x altre squadre vada in un altro settore visto che il posto non manca! Rischiano e basta… Qui non è questione di rispetto perché sbaglia sia chi picchia sia chi aizza ma solo di conoscenza e adattamento di una situazione che in italia stenta a migliorare!
    Detto questo sperando di essermi spiegato fate i che vi pare! Io vo in maratona tanto il mio cuore conosce solo l’azzurro! Buon anno a tutti ci si vede allo stadio

    • Quanto hai scritto è abbastanza ragionevole, però vorrei conoscere il significato (per te) del verbo *aizzare*? Applaudire o incitare la propria squadra è, secondo te, un sinonimo?

  12. Applaudire e incitare non sono sinonimi di aizzare fino a che li inserisci nel contesto giusto! La maratona x me non è il contesto giusto… Poi giustamente ognuno fa come vuole ma conosce i rischi.
    Conosco un ragazzo pompiere a Empoli ma originario di Napoli convivente con una empolese entrambi abbonati in maratona! Segue tutto l’anno l’Empoli ma quando viene il Napoli va con padre e fratello in curva ospiti sia x stare con loro sia perché crede che portarli in maratona sia sbagliato infatti mai un problema! Forse se li avesse portati in maratona sarebbe successo qualcosa pur essendo bravissime persone! Io credo sia l’approccio migliore

    • Sono d’accordo che sia il sistema che fa correre meno rischi, ma di sicuro non è il modo per migliorare le cose. Mi fai ricordare i patti di Monaco stipulati con Hitler: riuscirono a non far scoppiare la guerra in quel momento, ma …

  13. Fine anni ’70 inizio anni’80 i settori ospiti non esistevano nell’accezione moderna del termine e chi andava in trasferta lo faceva a suo rischio e pericolo mescolandosi con i locali, ma non certo nella curva ospite. Molto spesso non succedeva niente ma se le cose degerevano perchè i canoni dell’ospitalità venivano meno talvolta volava qualche sganassone, poi tutto rientrava nella norma.
    Adesso ci hanno messo la museruola hanno creato le gabbie per i tifosi, militarizzato gli stadi e le cose vanno molto peggio.
    In america tutti vanno allo stadio assieme appassionatamente con buzza, pop corn, coca-cola, ragazze pon-pon e stacchetti musicali Cocchi Style, nessuno offende e non esiste alcuna tensione.
    Abbiate pazienza che tra non molto ci trasformeranno nell’esempio americano.

  14. Da questi commenti si conferma come ad Empoli ci sia una cultura sportiva e non di livello superiore e che i fatti di Larciano siano un evento eccezionale. W Empoli buon anno a tutti!

    • …Empoli potrà essere meno “pericolosa”, sicuramente, di altre realtà, soprattutto metropolitane, ma se vuoi ti posso fare diversi esempi di come anche i nostri ultras, spesso, si siano adeguatamente “distinti” (per me non è un neo, anzi, anche a me, distinto signore, tirerebbero fuori il peggio nel venire in casa mia ad imporre il loro volere), altro che eventi eccezionali.

  15. Forse chi non è giovane come me ricorda un libro che ebbe un certo successo ai primi anni 80. Si intitolava ” La tribù del calcio ” ed era scritto da uno zoologo e etologo ( che non vuol dire che si occupava di Eto’o ) inglese Desmond Morris. Ecco tratto da Wikipedia ( magnifica invenzione ) un breve sunto di cosa tratta:
    …. Il saggio cerca di spiegare il comportamento violento e aberrante delle tifoserie sportive inglesi e non. Nel suo volume, ormai un classico sociologico, Morris mette a confronto i comportamenti, i riti, le mitologie del football con quelle tribali. Quali sono i motivi, si chiede Morris, per cui gli Hooligans hanno acquisito un comportamento così particolare, violento e atipico rispetto ai tifosi di altri sport?
    Gli individui umani, nel lungo cammino dell’evoluzione, si sono trasformati da “cacciatori” a “calciatori”, passando attraverso attività sempre meno sanguinarie. Oggi i calciatori sono i nuovi gladiatori e, in quanto tali, in ogni caso, eccitano il livello emozionale primordiale e ancestrale della folla. Non cambia però, per Morris, il significato di caccia rituale, in cui l’arma è la palla e la preda è la porta.
    La folla della Curva non è un branco disorganizzato, ma un gruppo ben strutturato, i cui membri si riconoscono fra loro attraverso la comunicazione simbolica espressa dai loro abiti, dalle bandiere, dai cori, dalle liturgie, che, in una sorta di rito collettivo, sanciscono e rafforzano l’identità del branco dei tifosi. Ovviamente, Morris si riferisce, in genere, a quella parte della tifoseria che vive senza orizzonti di senso, nell’emarginazione sociale, per cui essi necessitano di una riaggregazione sociale, data proprio dall’appartenenza ad un gruppo sportivo, a dei colori specifici.
    … Ora sembra banale tutto questo, ma allora fece scalpore.
    Auguri di buon anno !…

    • A me non pare banale e anzi mi sembra che spieghi piuttosto bene il fenomeno “tifo”, partendo proprio da un fatto storico sicuro: l’evoluzionismo. Infatti l’uomo è un animale gregario, mentre se ad es, si fossero evoluti i felini, il gruppo non avrebbe (avuto) significato. 😉

  16. Che bella banda di scienziati…ognuno ni settore suo…questi moralismi di sta minchia!!!!!se qualcuno piglia una labbrata….SFORTUNA

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here