COPPA ITALIA | Inter corsara a Napoli, nel finale lite Sarri-Mancini… come due bambini al campetto!

COPPA ITALIA | Inter corsara a Napoli, nel finale lite Sarri-Mancini… come due bambini al campetto!

Di Gabriele Guastella . [caption id="attachment_306957" align="alignleft" width="253"] Maurizio Sarri, un anno fa sulla panchina dell’Empoli[/caption] Maurizio Sarri lo conosciamo bene: è un sanguigno e dice ciò che pensa, “finocchio” avrebbe urlato a Roberto Mancini in pieno recupero. Certo no

Di Gabriele Guastella .

Maurizio Sarri Tecnico Empoli
Maurizio Sarri, un anno fa sulla panchina dell’Empoli
Maurizio Sarri lo conosciamo bene: è un sanguigno e dice ciò che pensa, “finocchio” avrebbe urlato a Roberto Mancini in pieno recupero. Certo non per offendere gli omosessuali, sicuramente per un chiaro riferimento all’Inter che pur giocando un calcio che definire mediocre è un complimento, riesce a distruggere il lavoro maniacale di allenatori come Sarri che sta sgrezzando il Napoli come un orefice maniacale fa con un diamante. Ma il calcio è anche questo e Sarri è cascato nel trabocchetto di Mancini che così si attacca al “finocchio” finale ed evita di parlare di calcio, anche perchè di calcio con l’Inter attuale c’è poco da parlare. Roba che l’epoca Mourinho per i nerazzurri sembra distante secoli… Mancini è così, prendere o lasciare, a Empoli anziché glissare o semplicemente, da grande uomo di calcio qual’è o forse qual’é stato, ammettere gli “aiutini” sui rigori preferì cercare alibi inesistenti facendo arrabbiare perfino Graziano Cesari che cercava di fargli notare gli evidenti rigori non dati contro. Antipatico, semplicemente sta diventando questo, peccato per il Mancio, che poi avrebbe risposto a Sarri con un “vecchio cazzone” alle scuse del tecnico toscano che, lo ripetiamo per evitare incomprensioni, ha sbagliato prima lui di Mancini. Sì, al San Paolo si sono comportati come due bimbetti al campetto, la tensione di un Quarto di Finale di Coppa Italia ad eliminazione diretta può giocare brutti scherzi. .
empoli inter (13)
Roberto Mancini ad Empoli, dieci giorni fa
LA PARTITA – Quella la fa il Napoli, l’Inter fa finta di giocare, come sempre, vacilla ma non subisce, merito di Handanovic, soprattutto, che para e fa i miracoli. Poi improvvisamente, quando si pensa al colpo del ko avversario, Jovetic trova il colpo giusto e, quando gli schemi e forse anche i nervi sono saltati, Ljalic chiude la partita. Vince l’Inter 2-0 che accede alla semifinale di Coppa Italia, la coppa antisportiva, come la definì Sarri giusto un anno fa, proprio di questi tempi quando l’Empoli fu sbattuto fuori dalla Roma con un rigore che definire generoso è aggettivo molto affettuoso. Questa coppa è davvero “antisportiva” evidentemente per Sarri, troppo sanguigno per un calcio fatto da uomini che non sanno lasciare nel campo certi discorsi e, in mancanza di argomenti di sostanza, li portano davanti alle telecamere: vero Mancio?

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy