Al termine della seduta di rifinitura ha parlato alla stampa il tecnico azzurro, Giovanni Martusciello. Conferenza molto interessante nelle quale si è tornati sul triennio vissuto con Sarri, conferenza con un mister carico e determinato, un mister che nella parte finale di conferenza ha lanciato messaggi ben precisi.

Il servizio è a cura di Alessio Cocchi ed è fruibile in HD.

[fnc_embed]<iframe width=”560″ height=”315″ src=”https://www.youtube.com/embed/tf_7VXNiX4s” frameborder=”0″ allowfullscreen></iframe>[/fnc_embed]

1 commento

  1. questa volta mi sento di fare i complimenti a Martusciello per il coraggio espresso in questa intervista, non male l’ultima frase, “vado a Napoli per vincere”, speriamo la pensino uguale anche i giocatori. Evidentemente le polemiche lo hanno stimolato, dobbiamo dire che di personalità l’ha da vendere, il problema è che non la sa trasmettere ai giocatori.

  2. In campo Martusciello,soprattutto nei primi anni della sua carriera,giocava mediano ed era un randellatore,chi passava dalle sue parti lo stinchino ce lo rimetteva(inteso come bottarella più o meno dolorosa….Poi con il tempo e soprattutto ad Empoli ha avanzato il suo raggio d’azione….comunque un giocatore di grande personalità e grinta.Ora una cosa è avere grinta e personalità dentro il rettangolo verde,ben altra ne devi avere quando la determinazione e la grinta la devi trasmettere a 25 uomini che hai in rosa.Così a lume di naso mi pare che i progressi più grandi li sta facendo “orali”,perché a discorsi vede e dice che sta vedendo cose positive….a fatti io invece vedo numeri davvero poco rassicuranti e un gioco che con la prosecuzione di quello di Sarri e Giampaolo non si vede nemmeno l’ombra.Abbiamo adesso due partite dove davvero fare punti è una vera utopia…..a Napoli è inutile giocare con lo stesso modulo o comunque occorrerà all’attacco gente veloce o con grande progressione….perso per perso…metterei dentro Levan con dietro Saponara e Croce e con due centrocampisti anche inventati come Dimarco a sinistra e Mauri a destra(per lui sarebbe anche il ruolo naturale)nel mezzo o Dioussè o Buchel.Se si pensa di andare là a giocare a 2 all’ora….ci asfaltano…..ma di brutto.

  3. Parole farneticanti di chi ha già accettato la sconfitta.
    Ci si salva?, spero che tu abbia ragione Giovanni e spero di sbagliarmi dicendo che a dicembre siamo già in B!!! Parli di attaccare, di essere propositivo e poi tieni la difesa bloccata come se si dovesse fare il vecchio catenaccio!!!
    Mah vediamo domani e domenica, ma sono sempre più certo che in A serve un manico che abbia esperienza!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here