Al termine del grandioso match del “Picco” dove gli azzurri si sono nettamente imposti per 3-1 sullo Spezia, abbiamo realizzato le canoniche interviste soggettive del post partita.

Ai nostri microfoni, oltre al tecnico Sarri, Simone Verdi (al primo gol in azzurro) e Franco Signorelli.

 

Interviste di Alessio Cocchi grazie alle riprese di Tommaso Chelli

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteSpezia vs Empoli | La Fotogallery
Articolo successivoSalta la panchina della Juve Stabia
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

7 Commenti

  1. La sensazione è che la squadra sia partita come l’anno scorso, vedremo. Le coincidenze ci sono e forse è anche una questione di preparazione fisico-psicologica. Positivo che Verdi riconosca i suoi errori in campo e si sia sbloccato. Pucciarelli ci stà benone nella nostra squadra. Signorelli deve fare ancora molto ma molto, da lui ci si attende che giochi a calcio a centrocampo. Caro Al Coch “detrattori” è una parola grossa, io ho letto molte critiche a volte eccessive ma li dietro ci ho visto comunque dei tifosi molto attaccati all’Empoli e non i “detrattori” che dici e poi lo sai benissimo che Signorelli non stava giocando bene cioè come deve. Moro non si tocca. Croce deve segnare e smettere di lamentarsi quando gli fanno fallo deve segnare con Tav e Mac la coppia di “attenti a quei due”.

  2. La state facendo troppo lunga con questa cosa delle critiche di Signorelli.
    Se un giocatore fa pena che si deve fare, tapparsi gli occhi?
    Oggi Signorelli gioca bene e si merita degli applausi.
    Le critiche a questo servono. Se non avessimo criticato duramente TONELLI quando faceva ridere, sono convinto che a quest’ora era ancora il TONELLI che ci faceva perdere partite dopo partite,

    Lo stesso sta accadendo per signorelli.

    Morale della favola: le critiche servono per stimolare una reazione e spingere un giocatore a superarsi e a intraprendere una maturazione.

    Ai cosiddetti detrattori (fra cui ci sono anche diversi di voi) va detto solo grazie!
    E poi, questa cantilena sta veramente diventando noiosa

  3. Se Signorellimsi critica non va bene, se si esalta nemmeno. Moro è Moro, lo sanno tutti, ma io credo che un giocatore come Signorelli vada esaltato ed Alessio ha fatto una grande (come sempre) intervista. Gaf, subito riconosciuta, sul gol partito da Laurini 🙂

  4. Grande prova Franco! Signorelli se ha preso delle critiche è perché da lui ci si aspettava qualcosa in più, quello che a Spezia ha fatto.
    Credo che il compito di Alessio sia quello, oltre che di fare informazione e quindi far le domande giuste, anche spronare l’ambiente e poi non ci dimentichiamo che alla fine PE è un organo praticamente ufficiale.

  5. Vorrei ricordare che in tempi non lontanissimi anche Moro e Valdifiori sono stati criticati duramente dai tifosi….Quando non giochi bene per periodi medio-lunghi puo’ capitare a tutti di essere contestato(soprattutto se esci sconfitto spesso dal campo)….fa parte dei giochi…..poi sta al giocatore far vedere di che stoffa è fatto….sicuramente chi molla l’osso spesso va a finire nell’anonimato….Mi ricordo addirittura che quando dicevo che Mirco aveva delle doti tecniche di ottimo livello(e anche di Moro dicevo così)quasi tutti dicevano l’esatto contrario…additandoli come giocatori scarsi…..senza tener conto che Mirco veniva da un infortunio molto lungo e che Moro come sempre correva per 4 per tenere a galla la baracca Empoli di 3-4 anni fa……Ma anche questo fa parte del gioco….perché alla fine contano I RISULTATI anche se spesso i risultati vanno a braccetto al gioco espresso….Naturalmente se una squadra giocasse malissimo,ma grazie ad alcune individualita’ riuscisse a vincere un campionato VERREBBE ESALTATA di più di una squadra che ha espresso un gran gioco,ma che poi alla fine arriva quarta o quinta….il tifoso vuole le vittorie e i risultati…sono quelli che rimangono scritti/e sui ricordi e nelle teste delle persone….d’altra parte puoi giocare anche così così,ma se vinci anche il tuo voto in pagella sicuramente da 6 divente 6 1/2 o 7…..E QUESTO ANCHE NELLA TESTA DEL TIFOSO…..

  6. I calciatori credo, senza scadere nelle offese, debbano essere criticati come tutti coloro che fanno un lavoro “pubblico”. Vale per i grandissimi e vale per Signorelli. Capisco però le parole di Alessio, e crredo che ognuno di noi, al suo posto, avrebbe usato le stesse parole.

  7. Il discorso è un Attimino diverso per quanto mi riguarda.
    Se un giocatore si esprime sotto la sufficienza (rivedersi le pagelle di PE per favore) per un periodo medio-lungo il giudizio inevitabilmente è negativo.
    Poi il fatto che si parli di giovani, il fatto che si possa essere d’accordo sulle potenzialità tecniche ecc ecc. non c’entra niente con il giudizio.

    Ora che franco si sta esprimendo su buoni (ottimo davvero ieri a laspezia) è giusto giudicarlo positivamente. Perché è giusto che lui capisca che questa è la strada giusta per lui e per l’apporto che da alla squadra.
    E sono contentissimo che grazie alle critiche che ha ricevuto (chi dice che non servivano pecca di presunzione) abbia reagito nel migliore dei modi.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here