Si è disputata nella parte finale del passato torneo di serie A l’ultimo precedente bergamasco tra Atalanta ed Empoli. Partita ricca di emozioni in campo, terminata 2-2 con gli azzurri due volte avanti (Saponara e Maccarone) ma ripresi dagli orobici con gol finale di Denis al minuto 93. La gara però verrà ricordato soprattutto per il caldissimo dopo gara con lo “screzio” tra lo stesso Denis ed il nostro Tonelli, situazione che si è poi strascicata per almeno un mese abbondante viste le clamorosi decisioni del giudice sportivo.

Tornando però al solo aspetto di campo, andiamoci a rivedere le immagini salienti di quel confronto nel montaggio e nel commento della nostra redazione.

 

CONDIVIDI
Articolo precedenteGiudice Sportivo serie A
Articolo successivoPRIMAVERA e UNDER 15 | LIVE su PE
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

3 Commenti

  1. Per carità,magari saranno stati goals imparabili,ma Sepe ad Empoli per quando smetterà di giocare ha trovato cosa fare dopo la fine della carriera:”l’osservatore”.Come riesce ad osservare la palla mentre entra ben pochi portieri lo sanno fare perchè magari gli altri si buttano per cercare di evitare il goal o almeno per far vedere che il portiere ci deve provare comunque.Lui no…..forse spera sempre che la palla finisca fuori,ma mi sa che fuori ci sia finito lui,almeno dall’undici titolare viola.O un voleva fare dei passi avanti in carriera?O un vedeva la maglia azzuirra che gli stava strettina?Bè quella viola un gliel’ hanno fatta nemmeno provare.

  2. Skorupski si è dimostrato quanto meno all’altezza, se non superiore a Sepe non facendo rimpiangere l’ex presuntuoso portiere.
    Ma anche le altre sostituzioni, al netto delle 23 giornate passate, si sono rivelate quanto mai adeguate: Costa per Rugani (sebbene quest’ultimo gli sia forse superiore, se non altro per la giovane età), Zielinski per Vecino, Paredes per Valdifiori e Laurini per Hysaj (anche se questa non è una sostituzione e Laurini si è ripreso il proprio posto dopo l’infortunio dell’anno scorso).

    Hanno ragione Carli e la società: calciatori ne escono di continuo e non si rimane senza: basta solo saper scegliere e ad Empoli lo sanno fare come forse da nessun’altra parte in Italia (specie in considerazione del budget ristretto)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here