E’ stata presentata ieri sera, all’interno della sala hospitality dello stadio “Castellani”, la partnership tra l’Empoli e l’azienda Lyoness.

 

Lyoness è leader mondiale nel “cashback”, formula sicuramente forte e funzionante per la fidelizzazione della clientela ed è da tempo molto vicina anche alle società sportive di calcio e non solo. Quali sono le novità che possono interessare i tifosi azzurri? Partiamo col dire che tutti coloro che sottoscriveranno l’abbonamento all’Empoli per la stagione sportiva 2016/17 riceveranno, parallelamente alla tessera di abbonamento, un card personalizzata EFC emessa da Lyoness.

Questa card consentirà a tutti gli abbonati, cosi come tutti i possessori, di fare acquisti presso determinati punti vendita convenzionati in tutto il mondo, recuperando credito attraverso il cashback.

 

Ad ogni acquisto che verrà fatto, utilizzando la card Lyoness/EFC, il titolare potrà avere un accredito dell’importo speso (pari alla percetuale di sconto fatta da ogni singolo esercente) che di fatto sarà danaro da poter spendere liberamente dove meglio si crede, ed accumulare anche degli shopping points che andranno, in un altro salvadanaio, a costituire altro credito da utilizzare all’interno del vasto circuito Lyoness.

Maggiori dettagli del funzionamento di questa card, totalmente gratuita, saranno date alla sottoscrizione dell’abbonamento ma le potete anche già trovare collegandovi all’indirizzo web: www.lyoness.com/it.

 

Per capirne un po’ di più abbiamo sentito chi, lato Empoli e lato Lyoness, ha presentato la partnership che potrebbe di fatto far recuperare per intero anche il costo dell’abbonamento sottoscritto.

Alessio Cocchi ha intervistato il responsabile marketing EFC, Gianmarco Lupi, ed il collaboratore per l’Italia di Lyoness, l’ex calciatore Tomas Locatelli che a sua volta ha coinvolto nell’intervista l’amico Massimo Maccarone.

 

https://www.youtube.com/watch?v=vprU9h3iaT8

CONDIVIDI
Articolo precedenteMercato Azzurro | Pronto un quadriennale per Tonelli
Articolo successivoI Più e i Meno della stagione azzurra
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

9 Commenti

  1. Salve ragazzi, io stimo moltissimo il vostro lavoro per quanto riguarda l’empoli calcio nel settore calcistico, sono uno sviluppatore di lyoness da qualche mese, do il benvenuto alla società della mia squadra del cuore, augurandomi che facciano una divulgazione sana di questo prodotto in forte espansione in tutto il mondo.. Quello che voglio cercare di far capire, è che per promuovere questa cosa dobbiamo formarci, e non avvalersi delle competenze altrui…

    • Non diretto. Se farai acquisti all’interno del circuito, in un anno lo potresti aver pero’ ripagato.

  2. Quindi l’ idea è stata di Maccarone??????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????

  3. Come nn diretto???? Quindi voi azienda convenzionata con Lyoness, io cliente lyoness con tessera, se faccio l abbonamento all empoli nn mi viene riconosciuto su 100€ il 2% di cashback + 2,5 SP come risulta da applicazione?? C’è qualcosa che nn torna….

  4. Buon giorno a tutti, presumo che il vantaggio Lyoness dato dall’Empoli F.C. sia legato solo per ora al merchandising venduto tramite lo store ufficiale!!!

  5. E’ un programma che punta sulla fidelizzazione del cliente, quindi a dirottarvi nel fare acquisti dai loro partner (fra i quali non c’è la coop, notizia per i fedelissimi PD) in cambio del cashback (una percentuale minore o uguale al 5% dell’importo speso).

    Strumento perfetto per profilare il consumatore visto che hanno affiliazioni in tutti i settori, e ancor più del bancomat o della carta di credito perchè ti “segue” pure se paghi in contanti.

    Ma che ce frega della privacy, viviamo nel ridente Renzistan…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here