carli intLa notizia l’ha pubblicata “Il Messaggero” ed è stata poi ripresa da alcuni siti specializzati. Non sempre quello scritto sulle pagine del principale quotidiano della capitale si è avverato ma di certo un fondo di vertià, almeno relativo all’interesse c’è. Infatti da Roma la società giallorossa, dopo aver fatto la corte per quasi tutto gennaio a Toneli, starebbe seriamente pensando ad un altro uomo azzurro, il quale ormai ha appeso le scarpe da gioco al chiodo diverso tempo fa, ma di campo e di calcio ne capisce assai: Marcello Carli.

Il ds azzurro infatti sembrerebbe essere in pole position nel caso ci sia a fine stagione un addio dell’attuale ds Sabatini (potrebbe andare al Chelsea), che sicuramente nell’ultima stagione non ha fatto bene e si è preso carico di tutte le responsabilità per un’annata che avrebbe dovuto avere una sorte ed un cammino diverso.

 

Carli piace e potrebbe diventare vero e proprio uomo mercato nella prossima estate. Il valore di Marcello è fuori discussione, ed onestamente (a noi sta bene cosi, sia chiaro) sfugge anche il fatto che nelle ultime girandole di direttori sportivi lui non sia stato preso in considerazione. Adesso però sembrerebbe essere arrivato il momento delle sirene. Chiaro è che di ufficiale non c’è assolutamente niente, crediamo che allo stesso Carli non siano arrivate nemmeno telefonate per adesso, si parla di un interesse che starebbe maturando e che sarebbe sotto la supervisione della società giallorossa nell’eventualità di dover trovare una nuova figura per quella posizione.

Carli, dopo la parentesi al fianco di Vitale, ha di fatto preso in mano la squadra dal giorno seguente alla notte più importante della storia azzurra, quella che ci ha fatto sentire davvero vicini al ritorno in C. Da li ha fatto tutto da solo, ha scelto i due tecnici, ha scelto gli uomini (sbagliando anche qualcosa ovviamente) ed ha costruito una nuova identità di spogliatoio e di interfaccia con la gente, non mancando mai di metterci la faccia e raccontando sempre tutto o quasi, con la schiettezza che lo ha sempre contraddistinto anche quando dell’Empoli era calciatore.

 

Vedremo e seguiremo, di certo è che Marcello in questo momento rappresenta davvero molto ed a lui va dato atto ad una rinascita della squadra sotto il profilo tecnico, grazie poi ai risultati il resto della baracca ha potuto pianificare e crescere, migliorandosi anche in altri settori, fino ad arrivare al pensiero del nuovo stadio. E’ vero che come dice qualcuno, gli uomini vanno e vengono ma perdere Carli potrebbe non avere valore.

 

Alessio Cocchi

CONDIVIDI
Articolo precedenteInvasione giallorossa
Articolo successivo"Il Punto", con Alessandro Marinai…
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

35 Commenti

  1. L’ultimo periodo di questo pezzo è emblematico e lo sposo in pieno. Oggi si parla di stadio , di nuovo point, di tante bellissimi iniziative….ma se eravamo ancora in B, o peggio ancora in C, non sarebbe stato fatto niente di questo. Per Carli ci potrebbe essere anche la sommossa di piazza.

  2. Giusto così visto che parliamo del miglior direttore sportivo italiano, mi auguro che siano solo voci ma non escludo interessi concreti.

  3. Premetto che sarebbe una tragedia. L’unica cosa che dico è che se mai dovesse andare, allora portati via anche Accardi, lui ds mai !!!!

  4. E’ la nostra storia, il nostro destino. Abbiamo fatto due anni di A, faremo il terzo perchè lo faremo. Poi tutto finisce e si riparte da capo con nuovi attori e nuovi scenari. Tutto questo ci dovrebbe lasciare in dote un nuovo stadio e non è poco. Poi chiaro che se dipendesse da mai uno come Carli non lo manderei mai via.

  5. Mah,la logica del discorso quale sarebbe? Se il Carli dovesse davvero prendere il posto di Sabatini (notizia tutta da dimostrare ) che si fa? Si chiude baracca e burattini? Anche per il progetto stadio si dice si scherzava? Il calcio a Empoli sembrava dovesse finire quando andò via il Bini,in difficoltà dopo Lucchesi,sparire dopo Pino Vitale.E invece siamo sempre andati avanti.Ricordatevi che il Corsi è un imprenditore che ormai ha solo l’Empoli come core business.Pensate che sia uno sprovveduto da non tenere mai in considerazione il fatto che anche il Carli possa prima o poi andarsene? Nelle aziende il motto deve essere “tutti utili nessuno indispensabile “.Altrimenti quell’azienda avrà poco futuro davanti a sé.

  6. Carli è bravissimo e deve rimanere possibilmente ma ricordiamoci che ogni volta che un pezzo grosso se ne andato da Empoli abbiamo sempre fatto ottime cose anzi! Abbiamo sempre fatto meglio. Ricordiamocelo sempre… e questo vale per giocatori e dirigenti, (escluso il Corsi per me). FORZA EMPOLI.

    • forse qualcuno non lo sa ma marcello prima di diventare direttore sportivo della prima squadra lo era per il settore giovanile, non è un caso che abbiamo uno dei migliori settori giovanili d’italia!

  7. Nei suoi panni farei le valige alla prima occasione perché mi sarei rotto le scatole di fare mercato con una cassa di banane e un sacchetto di gusci di noccioline…salvo poi essere pure chiamato costantemente in causa se la rosa è corta o non annovera pezzi da 90!

  8. ad Empoli vanno e vengono calciatori e allenatori ma carli e corsi non si toccano se siamo cosi in alto e una matricola terribile lo dobbiamo solo a loro !!!!!!!!!!

  9. Io davvero non mi capacito come non si sia capito ancora il giochino:CHIUNQUE faccia bene con noi,qualunque ruolo abbia,se riceve un’offerta importante in termini di stipendio e ambizioni va via.E’ normale che sia così,nel calcio esistono differenti livelli di squadre dalla super top di Champions,alle ottime,alle buone giù giù fino alle provinciali in condizioni discendenti di stipendio e possibilità di vincere.Esempio:quando il Real vuole un giocatore da un’ottima Buona squadra europea lo prende.Punto e basta.Perche’ il giocatore della Juve andando al Real fa un ulteriore salto di qualità.A me da solo fastidio il fatto che quando si parla di un addio di personaggi anche importanti e bravi come Carli sembra sempre che frani il mondo anche se la nostra storia testimonia il contrario.

  10. Alessio te l’ho sempre detto….Marcello,prima o poi
    volera’….meritatamente…sarei felice per lui e
    la sua famiglia,ma anche un po’ “triste”…
    FORZA MARCELLO!!

    • Sposo in pieno il tuo discorso: le cose stanno così e meno male che Corsi non ha offerte da grandi squadre, altrimenti penso che l’Empoli in breve ritornerebbe il livello di quando ero bambini io e c’era il Rigatti presidente: si giocava in serie C con una grande squadra e rammento che si vinse anche 6 – 0 al Bari, ma sempre serie C era.
      Morasso, Mandich, Toneatto, …ini, Piazza, Candiani, Merlin, Bellotti, maluta, Fracassetti e Tambani (Genovesi)

  11. Ed un pezzo di Empoli sarebbe in una grande società’ internazionale: Spalletti,Domenichini ,Baldini…. Carli….e forse la Roma,potrebbe vincere qualcosa con degli uomini della sana provincia
    ma UOMINI VERI!!!!

  12. Sono d’accordo con te Rennasance 96,e’ vero nessuno e’ indispensabile ma….qualcuno è più’
    “Indispensabile di altri”…… infatti bisogna conoscere eventuali sostituti,Uomini Empoli,ne vedo
    pochi in giro….perché,il curriculum,la gavetta,la serietà’,L’attaccamento,ormai “atavico” ai colori
    azzurri sono fatti inoppugnabili,ed infine,chi può’ vantare di essere stato vicino 5 anni ,ad un “maestro” come Pino Vitale?!?!? Praticamente MARCELLO ad Empoli ha fatto tutta la trafila: dalle elementari alla università….. conseguendo la laurea…..con lode!!! O no?!?! Forza Empoli!!!

    • Per carità,penso che il Carli per l’Empoli sia il top.Anche perché aver avuto per maestro un grande conoscitore del calcio come Pino Vitale credo sia stato importante.Poi,lui,per tutte le cose che giustamente dici è un valore importantissimo per l’Empoli calcio.Però,nella vità,tutto può succedere ed è giusto che tutti vadano alla ricerca del loro meglio.Ripeto che è solo questo sentirsi sempre alle porte con i sassi quando qualcuno spicca il volo che non mi piace.Potevo capire nel ’97 quando ottenemmo la salvezza in A con una squadra che solo due anni prima era stata costruita con zero quattrini e ” giusto” per un mantenimento della C1.Lì allora eravamo davvero un po’ sprovveduti.Ma dopo vent’anni…..

  13. Quando non sei vecchio e fai bene il tuo mestiere è chiaro che poi hai delle richieste da squadre importanti.Carli prende uno sconosciuto come Sarri e poi la squadra non solo vola in serieA,ma si salva alla grande esprimendo un gioco da prima della classe.Ma Sarri se ne va perchè a 57 anni un’opportunità di allenare una grande quando gli ricapita?Allora Carli potrebbe prendere un allenatore emergente tipo Rastelli o similare,invece che fa prende un allenatore di cui qualcuno non ricordava più nemmeno il nome.Il 99% dei tifosi e non solo su queste pagine,pensa ad uno scherzo,anche perchè la carriera di questo allenatore negli ultimi 5-6 anni non è stata altalenante ma un continuo rotolare indietro,fino ad arrivare a Cremona—-e anche lì non è che i risultati siano stati poi così esaltanti.Per tutti o quasi retrocessione sicura,anche in considerazione del fatto che la squadra per ovvi motivi viene smantellata per un buon 50%.Carli prende Skorupski,prende Paredes,prende Costa,Buchel,Maiello,Livaja e si permette di trattenere un giocatore che il Napoli avrebbe acquistato per 15 milioni di euro.Diversi dei nuovi acquisti o hanno giocato in B o addirittura,sì in A,ma con pochissime presenze.Risultato?Salvezza praticamente acquisita gia nel girone di andata.Dove voglio arrivare?
    Solo a dire che Carli è un grande e tutti i grandi son destinati a grandi platee.Se però avesse la forza di resisterè a certe tentazioni e rimanesse a vita ad Empoli…allora non ci sarebbe aggettivo per descrivere quest’uomo.E questo anche quando le cose dovessero andare meno bene.

  14. Grazie amici per tutte le belle considerazioni che fate,serenamente,su MARCELLO,essendo suo
    Amico da tempi non sospetti,(1994/95) capitano del Livorno,quello vero,ne sono orgoglioso e
    strafelice di questo suo meritato è sacrosanto avanzamento professionale,anche un po’ in ritardo…ma ,egoisticamente,non potrò’ più’ frequentarlo come oggi…….pero’ Viva MARCELLO e tanta,tanta
    BUONA FORTUNA!!!!!

  15. andava via sarri e giu’ lacrime, ora giu’ lacrime x carli, signori ma credo che sia giusto che chi merita vada piu’ in su ed e’ giusto che carli abbia delle richieste ,spetta solo a lui scegliere ,ma credo il maledetto quattrino sia quello che decide .
    corsi sapra scegliere il prossimo .

  16. Questo EMPOLI è meraviglioso e ve lo dice una che viene da lucca Per vederlo (abbonata) se finisce pensate a chi non ha mai avuto una cosa bella come questa

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here