Di Gabriele Guastella

.

L’Empoli è protagonista assoluto anche in Under 21. Sono tre gli azzurri impegnati con la selezione del CT Di Biagio: Federico Barba, che resta in panchina, Daniele Rugani, che gioca un buon primo tempo prima di essere sostituito da Romagnoli, e soprattutto uno stratosferico Simone Verdi. Verdi entra in campo al 17′ della ripresa al posto del palermitano Belotti, e ammalia il pubblico tedesco che lo applaude per mezzora. Prima offre assist ai compagni, poi segna il momentaneo 2-1 italiano con un’accelerazione impressionante; quindi colpisce una clamorosa traversa.

.

Una nazionale Under 21 nostalgia, da Italia anni Novanta-inizio Duemila: va in Germania, se la gioca alla pari e va a tanto così dalla vittoria. Ognuno può scegliere l’interpretazione: è mancato un gol di Sturaro o Longo – hanno sprecato due uno contro uno con Leno – oppure il 2-2 è un regalo dell’arbitro. Buone entrambe, perché il rigore a cinque minuti dalla fine non c’era. Di Biagio ha fatto il tradizionalista scegliendo dall’inizio i fedelissimi, gli uomini della qualificazione. Dentro Bianchetti, andato in B per trovare minuti, e non Romagnoli, tra i migliori alla Samp. Dentro Trotta e non Verdi, Crisetig e non Cataldi, forse il miglior Under 21 dell’ultimo mese. Ha avuto ragione. L’Italia titolare nel primo tempo ha giocato bene, Trotta ha fatto gol e i tanti cambi, nel secondo tempo, hanno funzionato. Verdi addirittura è stato il migliore in campo.
.
Simone Verdi esultanza Under 21
Simone Verdi festeggia il gol del 2-1 contro la Germania

TROTTA MEGLIO DI UN CAMPIONE DEL MONDO — La partita è stata più o meno quella attesa: la Germania fa girare palla, l’Italia rema e fa la sua partita. Inizialmente gli azzurri soffrono il possesso palla tedesco ad alta intensità e Bittencourt va via a Battocchio in area. Bardi guarda sfilare un tiro di Volland, zanzara fastidiosa per la difesa azzurra: lo juventino Sturaro spende su di lui la prima ammonizione – fallo tattico, ci sta – ma l’impronunciabile Raczkowski una decina di minuti prima aveva perdonato Bittencourt per un’entrata piuttosto rude su Biraghi. Dal minuto 35 però la partita si anima: Orban sfiora di un niente il palo, quindi è Battocchio a farsi pericoloso in area tedesca. Al 38′ Italia avanti: punizione con il sinistro di Berardi, Trotta salta davanti a Ginter e fa 0-1. Lui gioca in B all’Avellino, l’altro è stato campione del mondo a giugno… eppure.

.
SUPER-VERDI: GOL E TRAVERSA — Il secondo tempo è più spezzettato, a causa dei molti cambi, ma certamente più divertente. L’occasione per chiudere la partita passa presto. Trotta pressa Orban sul giro palla tedesco, la palla resta lì e Sturaro arriva per primo, bravo per la prontezza, certo non per il risultato: tiro alto e uno contro uno con Leno sprecato. I vecchi proverbi del calcio chiedono giustizia (gol sbagliato…gol subito…) e allora la Germania segna: un tiro di Malli deviato costringe Bardi a respingere corto. Bittencourt è il più rapido ad arrivare e toccare in porta da un metro. La partita si apre e i portieri si guadagnano la sufficienza piena in pagella. Leno para su Battocchio, lanciato alla grande dalla giocata del fantasista dell’Empoli Simone Verdi. Bardi risponde due volte: prima esce su Hofmann, poi para una punizione di Geis. Nota a margine: sulla prima palla gol è ottimo Biraghi a salvare in angolo, mentre Hofmann va vicino al gol anche con un colpo di testa. La parte centrale del secondo tempo però è di uno stratosferico Simone Verdi. L’empolese prima prova con un tiro-cross, poi parte da metà campo, accelera, lascia lì Geis e fa 1-2. Lo stadio guarda ammirato, e applaude, anche perché poi Simone prende una traversa. Sembra la serata perfetta, ma il finale è tedesco. Longo sbaglia, solo davanti a Leno, poi Raczkowski – sempre lui, l’impronunciabile – dà un rigore alla Germania per una (presunta) spinta di Romagnoli su Hofmann. Leitner fa 2-2, forse un male per l’autostima, forse un bene per tenere i piedi per terra. Gli azzurrini tornano in Italia con una certezza: all’Europeo ce la potremo giocare con tutti.
L’Empoli con un’altra certezza: l’azzurro dona molto a Simone Verdi, pronto a diventare protagonista nel prossimo futuro con la squadra del presidente Corsi…
.
GERMANIA-ITALIA 2-2 (0-1)
MARCATORI Trotta (I) al 38′ p.t.; Bittencourt (G) all’11’, Verdi (I) al 32′, Leitner (G) su rigore al 40′ s.t.
GERMANIA (4-2-3-1) Leno; Kimmich (dal 1′ s.t. Zimmer), Ginter, Orban, Schulz; Geis, Leitner; Bittencourt (dal 24′ s.t. Klaus), Younes (dal 1′ s.t. Gnabry), Malli; Volland (dal 1’s.t. P. Hofmann). C.t. Hrubesch. Panchina: Karius, Gunter, Emre Can, Korb, Knoche, Meyer.
ITALIA (4-4-2) Bardi; Zappacosta (dal 17′ s.t. Sabelli), Bianchetti, Rugani (dal 1′ s.t. Romagnoli), Biraghi; Berardi (dal 47′ s.t. Molina), Sturaro, Crisetig (dal 17′ s.t. Cataldi), Battocchio (dal 29′ s.t. Benassi); Trotta (dal 29′ s.t. Longo), Belotti (dal 17′ s.t. Verdi). C.t. Di Biagio. Panchina: Leali, Sportiello, Izzo, Baselli, Barba, Goldaniga, Fedato, Viviani.
ARBITRO Raczkowski (Pol)
NOTE Ammoniti: Leitner (G), Zimmer (G) e Sturaro (I) per gioco scorretto. Spettatori 14.000 circa

1 commento

  1. Verdi speriamo venga preso dalla’ Empoli…questo ragazzo fra qualche anno diventerà un campione

  2. Umile zitto e lavorare … grande Simone ( hai fatto sacrifici in adolescenza ma la serata di ieri li ripaga tutti ) … ovviamente anche le belle prestazioni in maglia azzurra …

  3. grande verdi sei cresciuto tanto a empoli bravissimo grande rete saluti e tanti auguroni rossano settore degli sfiganti in carrozzina

  4. Non sono certo io a dirglielo … in società lo sanno … il miglior mercato sarà tenere più ragazzi possibile … inevitabilmente qualcuno andrà via … ma fedeli alla filosofia empoli si andrà ancora lontano …

    Mister SARRI resti con noi !!!!!!!

  5. Bravo Rugani, fenomenale Verdi. Io onestamente non stravedo per Di Biagio che sì ha dato un’impronta alla squadra ma che spesso fa scelte strane. Non dimenticherò mai la partita con la Serbia valida per le qualificazioni dove mise clamorosamente Rugani in panchina e Antei (il suo sostituto) fu protagonista in negativo sui due gol subiti. Ora capisco che Verdi è alla sua prima convocazione ma è molto meglio di alcuni giocatori schierati dal primo minuto. Poi se pensi che ha relegato Romagnoli in panchina per mettere Bianchetti… Ripeto capisco che l’Europeo è alle porte e che non vuoi fare molti cambi, ma non puoi tenere campioncini in panchina per far giocare calciatori di serie B.

  6. Verdi se non sbaglio aveva già esordito nell’under 21 e mi pare che al suo esordio gioco’ piuttosto bene (e anche qui se non ricordo male subentrando nella ripresa)…… e’ indubbio che abbia del talento,ma dovrebbe comunque trovare un po’ piu’ di continuità durante la partita…..Si vede benissimo che puo’ saltare l’uomo quando vuole,ma spesso ci va a cozzare contro e dovrebbe essere piu’ determinato nel passaggio finale agli attaccanti. (Sto parlando chiaramente delle sue prestazioni con la maglia dell’Empoli)…..Quando avra’ colmato queste due “lacune”,sara’ pronto per una grande squadra….Naturalmente se rimarra’ anche l’anno prossimo, non si puo’ che essere contenti,ma con Sarri o senza Sarri, se il modulo dovesse rimanere sempre il 4-3-1-2….. con Saponara ancora ad Empoli….Verdi difficilmente partira’ dal primo minuto……

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here