La gara contro il Nantes ha sicuramente fatto capire a grandi linee (nemmeno poi cosi tanto grandi) quelle che potrebbero essere le idee di mister Martusciello circa il possibile undici titolare. Vero che nel calcio moderno si fa sempre più fatica a parlare di un undici base, cosa invece più scontata dagli anni ’90 indietro con formazioni che si recitavano a mo’ di poesia. Ad Empoli pero’, dalla gestione Sarri in avanti (con quindi Giovanni parte attiva), c’è sempre stata un’idea di formazione molto gerarchica, tanto da far sbagliare a noi giornalisti poche volte la probabile formazione alla vigilia della gara.

Stando quindi alla gara di sabato scorso contro i francesi, ed al netto di eventuali movimenti di mercato che sicuramente pero’ non ci saranno di qui a sabato, ecco che la formazione appare ben delineata, con soltanto due volti nuovi nello schieramento che ha dato il via all’ultima partita. Le assenze dei titolari dello scorso anno sono qualcuna di più, ma avere un ossatura cosi ben formata e che si conosce da tempo è e deve essere una forte basa di partenza. Pochi i dubbi davanti ed anche l’arrivo di un big come Gilardino non dovrebbe andare a scalfire proprio quella gerarchia che c’è e che ben funziona. Il grande dubbio è sicuramente in cabina di regia dove non c’è più Valdifiori e non c’è più nemmeno Paredes. Diousse e Maiello si giocano quella maglia, si giocano l’opportunità di provare a convincere definitivamente mister e società, facendo magari anche evitare di dover tornare sul mercato. Sugli esterni c’è concorrenza, positiva e produttiva, il gioco delle coppie vede Croce-Buchel a sinistra e Tello-Krunic (quest’ultimo out per un po’) a destra, mentre in difesa il “posto fisso” se lo giocheranno Bellusci e Cosic.

Le scelte, si, quelle che differenziano un collaboratore da un allenatore, l’unica nota che diversifica il lavoro del Martusciello passato dal Martusciello presente. Scelte che Giovanni ha pero’ in testa, pronto a cambiarle per il bene del suo Empoli al quale, giorno dopo giorno, sta dando sempre di più anche la sua impronta.

CONDIVIDI
Articolo precedenteNews mercato serie A
Articolo successivoGli azzurri a lezione da Pinzani
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

1 commento

  1. Cè poco da aver dubbi….Cosic al centro e Buchel e Croce come interni di centrocampo….oppure Croce e Tello con Buchel centrale…..

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here