emp-frosinone (3)Ormai gli indizi stanno diventando davvero molti, e si stanno tramutando piano piano in una nitida prova. Piotr Zielinski È sempre più vicino a diventare un nuovo calciatore del Liverpool.

 

Chiaro è che la cosa ci tocca, purtroppo, marginalmente in quanto la nostra società non potrà far altro che restituire il giocatore al suo club di appartenenza, l’Udinese, che sarà l’unico interlocutore per la remunerativa cessione del centrocampista polacco. Udinese e Liverpool stanno ormai discutendo la questione da diverso tempo ed adesso sono praticamente uscite anche le cifre con le quali i “Reds” avrebbero fatto l’assalto definitivo. Sul piatto sono stati messi 15 milioni di euro, cifra importantissima alla quale la famiglia Pozzo avrebbe già detto di sì, andando così ad avere una plusvalenza importantissima su un calciatore pagato praticamente niente.

 

Per Piotr si andranno a spalancare dunque le porte del campionato più prestigioso del mondo, dove avrà la possibilità di consacrarsi per quel campione che e e noi avremo sempre l’orgoglio di poter dire di averlo lanciato. Se poi, come detto dallo stesso ragazzo in una recente intervista, alla fine dei suoi giri ci sarà la voglia di tornare a vestire la maglia azzurra, noi saremo ovviamente qua a braccia aperte ad aspettarlo.

 

Alessio Cocchi

CONDIVIDI
Articolo precedenteXIV edizione premio Leone d'Argento | La Fotogallery
Articolo successivoTV | LdA le interviste ai vincitori
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

21 Commenti

  1. Piotr, anche se segnarai nel derby con l’Everton, la gioia che darai ai tuoi nuovi tifosi non sarà nemmeno paragonabile a quella che ci hai dato con il tup gol alla Fiorentina!

  2. mi capita sempre più raramente di “affezionarmi” ai giocatori ma la partenza di questo ragazzo un po’ mio rattrista… non capita tutti gli anni di vedere un giocatore con la classe, l’umiltà e la determinazione di questo piccolo polacco!!!
    Auguri Piotr, porta un po’ di azzurro sotto il grigio cielo di Anfield Road…

  3. grande Piotr!!! Per quanto riguarda i soldi non me ne frega niente, ci hai regalato anni indimenticabili e meriti un grande grazie! Ora mi raccomando diventa il fenomeno che sei!!!

  4. Anch’io mi unisco ai ringraziamenti a Zielu.In questi due anni si può dire che è diventato un giocatore vero.Arrivò quasi come uno dei tanti nomi del fornitissimo scouting Udinese e si è dimostrato un ragazzo sincero,umile,determinato e con voglia di imparare.In bocca al lupo per tutto!

  5. E’ vero: Nato trequartista si è messo in gioco e ha imparato a fare la mezzala. E che mezzala! Però ancora non e’ continuo, Piotr. Si estranea dalla partita per lunghi intervalli di tempo.

  6. Farà strada, e ne farà parecchia di più di tanti altri. Il ragazzo ha la stoffa ma soprattutto la testa per affermarsi a certi livelli.

  7. Ha beneficiato del lavoro di Sarri soprattutto e Giampaolo e ora è pronto per diventare un grande giocatore e una stella della sua nazionale.

  8. Ad Udine ha giocato davvero pochissimo e quasi sempre subentrando…l’anno scorso pur giocando spesso lo ha fatto lo stesso più che altro subentrando nei secondi tempi,quindi quest’anno è stato il suo primo vero campionato dove è stato titolare inamovibile e per questo un po’ di calo nel finale di campionato purtroppo per noi,si è visto.Che dire….compirà 22 anni fra una quindicina di giorni,ma raramente si vede una tecnica sopraffina come la sua,accompagnata da una progressione soprattutto nello stretto che spesso fa stropicciare gli occhi a tutti i tifosi.Da non sottovalutare che usa entrambi i piedi e che finalmente ha trovato la via del goal con più frequenza.Dovrà solo maturare nel leggere meglio alcune situazioni di gioco,ma sto ragazzo fra un paio di anni diventerà un fenomeno che non avrà da invidiare niente a nessun centrocampista del mondo.Mi sorprenderei se succedesse il contrario.

  9. Cocchi, scusi, avcevo sempre letto che il campionato più difficile e “stimato” era quello della A italiano. Non è che me ne importi molto, ma da quando non è più così? (Anche se francamente devo dire che anch’io penso che il campionato inglese da qualche anno sia più prestigioso, e magari anche quello spagnolo…). Inoltre le volevo fare una domanda, anche se lei è giovane e non può essere la memoria storica di tuto. Nei primissimi anni in cui l’Empoli era in serie A e io non potevo venire sempre a vederlo, ascoltavo però da Firenze Radio Fata Morgana. C’era un radiocronista straordinario, dotato di grandissimo talento. Non ho mai saputo come si chiamasse. Lei per caso lo sa? Mi auguro per lui che abbia fatto carriera. Scusi e grazie.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here