Con Fabrizio Corsi…

Con Fabrizio Corsi…

Nella settimana postuma al bel successo in trasferta contro il Modena, abbiamo contattato il Presidente azzurro, Fabrizio Corsi, per avere le sue impressioni sul momento della squadra che sta piano piano provando ad uscire da una situazione precaria.   Presidente, era importante vincere domen

Commenta per primo!

Nella settimana postuma al bel successo in trasferta contro il Modena, abbiamo contattato il Presidente azzurro, Fabrizio Corsi, per avere le sue impressioni sul momento della squadra che sta piano piano provando ad uscire da una situazione precaria.   Presidente, era importante vincere domenica scorsa, un successo che deve fare da apripista alla risalita della nostra squadra? “ Vincere a Modena è stato sicuramente importante, oltre a battere una diretta concorrente per la lotta salvezza, tra l’altro sorpassata in classifica, abbiamo vinto la prima gara esterna dopo che proprio in trasferta avevamo già fatto alcune buone prestazioni. Ed è certamente la prestazione che la squadra ha espresso che ci ha permesso di portar via tre punti preziosi da un campo mai semplice. Campo inteso come Modenafc, in questo stadio credo di aver vissuto una delle più belle giornate della mia vita, professionale ed umana (finale playoff 95/96 ndr.)”   Lo abbiamo ripetuto fino alla nausea, una vittoria figlia quindi di una giusta mentalità? “ Si, è inevitabile che se vogliamo toglierci dalla posizione in cui siamo dobbiamo metterci in testa di avere un atteggiamento, una mentalità, particolare. Dobbiamo giocare con la giusta rabbia, con una combattività che non deve mai venir meno, pensando che niente ci è dovuto e che se vogliamo riprenderci quanto perso per strada è soltanto con il nostro spirito di sacrificio che questo potrà avvenire. A Modena si è visto questo, abbiamo saputo soffrire e poi con la qualità che abbiamo nei nostri calciatori abbiamo fatto la differenza.”   Chi ha Modena, dove lei era presente, l’ha impressionata di più dei nostri ? “ A Modena c’ero e son contento di essere venuto. Era la prima trasferta stagionale, mi hanno convinto a venire e devo dire che ha portato bene. La squadra mi è piaciuta tutta, ognuno ha fatto ciò che doveva fare, abbiamo sbagliato poco e niente in tutti i reparti del campo. Posso dire, senza far torto a nessuno, che Pelagotti è stato bravissimo ed in tre occasioni ha salvato il risultato da un pari che se fosse arrivato in quel momento arrivato ci avrebbe potuto mettere in difficoltà”   Siamo secondo lei sulla strada giusta? “ Diciamo che il lavoro che tutti stiamo facendo sta iniziando a pagare. Non dobbiamo però permetterci di abbassare la guardia, il campionato di B non fa sconti a nessuno figuriamoci a noi. A Modena abbiamo messo un tassello di quello che sarà un percorso difficile nel quale dovremo lavorare ogni giorno con la stessa abnegazione che stiamo mettendo in questo momento. Poi il pieno recupero di alcuni elementi sarà determinante per il nostro futuro. Pensiamo sempre di avere un organico importante per la categoria, se le due cose, mentalità e tenuta atletica, verranno a consolidarsi penso che potremmo toglierci da una classifica che ancora oggi non è per niente positiva.”   In questo senso importante sarà il recupero di Coralli? “ Claudio non lo scopriamo oggi ed  sotto gli occhi di tutti che ci è mancato per tutta la stagione. Ancora non è al top ma da lui ci aspettiamo molto, un molto che sono certo arriverà. Otre a lui comunque ci sono anche altri giocatori che per un motivo o per un altro non hanno potuto essere al meglio, penso a Ficagna, Coppola lo stesso Buscè. Adesso piano piano stiamo recuperando tutti e questo per noi sarà fondamentale.”   Anche perché sabato al Castellani arriverà un cliente difficile come il Verona: “ Una squadra che vince consecutivamente da quatto gare vuol dire che sta decisamente bene. Onestamente non mi sorprende vedere gli scaligeri in questa condizione ed in questa classifica, hanno allestito un’ottima squadra ed hanno un tecnico molto preparato. Se vogliamo provare a far risultato dovremo sfoderare un’altra prestazione importante aumentando ancora maggiormente l’intensità visto che di fronte avremo un avversario più forte dell’ultimo incontrato.”   Per parlare di mercato di riparazione è pesto? “ Prestissimo, e come ho già avuto modo di dire, anche per riprendere quanto dettoci, i nostri colpi li abbiamo in casa.”   Al. Coc.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy