Fiorentina: parla Mihajlovic

Fiorentina: parla Mihajlovic

Alle 15 in punto, come accade per ogni vigilia di una gara ufficiale, si è tenuta la conferenza stampa dell’allenatore della Fiorentina, Sinisa Mihajlovic. Dopo il successo di sabato scorso, che ha rasserenato l’ambiente viola, si pensa alla partita di domani contro l’Empoli per il

Il tecnico della Fiorentina, Sinisa MihajlovicAlle 15 in punto, come accade per ogni vigilia di una gara ufficiale, si è tenuta la conferenza stampa dell’allenatore della Fiorentina, Sinisa Mihajlovic. Dopo il successo di sabato scorso, che ha rasserenato l’ambiente viola, si pensa alla partita di domani contro l’Empoli per il terzo turno di TIM CUP.

 

“Questo pomeriggio facciamo allenamento – esordisce il tecnico serbo – e domani mattina la rifinitura, non so dire, quindi, quanti e quali saranno i cambiamenti. Di sicuro ce ne saranno ma preferisco aspettare queste ultime due sedute per capire come hanno recuperato i ragazzi”.

 

In una conferenza serena e distesa, tra battute e risate, Mihajlovic ha poi proseguito:

 

“Non sottovaluteremo la gara contro l’Empoli, io voglio arrivare fino in fondo a questa competizione. Di sicuro andranno in campo quelli che hanno avuto meno spazio ma voglio che ognuno dia il massimo, devono mettersi in mostra per giocare anche domenica prossima”.

 

“L’Empoli è un’ottima squadra, so che in Serie B sono gli unici che non hanno ancora perso, ma con tutto il rispetto per l’Empoli noi giochiamo in casa… Montolivo? Non voglio rischiarlo per il problema alla caviglia e non lo porto nemmeno in panchina. Natali oggi è a Londra per un controllo al tendine ma domani sarà a dispozione”.

 

Nessuna novità invece su D’Agostino, Felipe e Zanetti che domani non saranno ovviamente della partita. Mihajlovic, sempre in conferenza stampa, ha poi confermato che tra i pali ci sarà il polacco Boruc e non Frey.

 

Azzardiamo un’ipotetica formazione che affronterà l’Empoli, 4-2-3-1: Boruc in porta; difesa a quattro con De Silvestri a destra e l’ex Gulan a sinistra, i centrali Gamberini e Kroldrup. A centrocampo scelte obbligate con Bolatti e Donadel; sulla tre-quarti gli esterni saranno Cerci e Papa Waigo, il centrale Ljajic. Unico attaccante il giovanissimo Babacar.

 

 

Alessandro Marinai

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy