Marcello Carli: “Non è stato difficile trattenere i big. Il nostro campionato inizia adesso”

Marcello Carli: “Non è stato difficile trattenere i big. Il nostro campionato inizia adesso”

Prima della presentazione di Ariaudo ha parlato alla stampa il Ds Carli che ha chiuso il mercato.   Direttore questo mercato secondo te ha disturbato la squadra? ” C’era il pericolo ma alla fine direi che non è stato cosi. Abbiamo giocato partite di livello, penso al Milan, poi se a Napoli

Commenta per primo!

Prima della presentazione di Ariaudo ha parlato alla stampa il Ds Carli che ha chiuso il mercato.   carli conferenza 1 settembre 2015Direttore questo mercato secondo te ha disturbato la squadra? C’era il pericolo ma alla fine direi che non è stato cosi. Abbiamo giocato partite di livello, penso al Milan, poi se a Napoli non abbiamo fatto una grande partita è anche per merito degli avversi che sono straordinari. Sappiamo qual’è la nostra dimensione e l’Empoli deve essere in grado anche di sopportare alcune botte e non si puo’ per queste dare certo al mercato. Anche ieri ho visto ho una squadra vera che ha fatto una grandissima partita.”   Per quanto riguarda Barba confermi che alla fine è stata una sua volontà quella di andare via?Noi avevamo sempre detto che la situazione di Barba era particolare e che di fronte ad offerte serie potevamo anche ritenere giusto fare delle valutazioni. Si è concretizzata una situazione particolare ed abbiamo perseguito quella strada. Trovando l’alternativa con Ariaudo abbiamo deciso di lasciare partire Federico con il quale prima del prestito è stato raggiunto l’accordo per il prolungamento di altri tre anni del suo contratto. Se farà bene rimarrà a Stoccarda e noi monetizzeremo la cessione altrimenti tornerà da noi e si metterà con la solita professionalità a disposizione.”   Quindi possiamo dire che Barba si è sbloccato in virtù dell’arrivo di Ariaudo?Anche se l’operazione con il nuovo ragazzo si è concretizzata tardi, noi però sapevamo di averlo in mano, di avere quindi un’alternativa che ci piaceva e di conseguenza abbiamo preso la decisione di mandare in prestito Federico monetizzando da subito con un milione.”   Quanto è stato difficile trattenere i super richiesti?Non è stato difficile perchè avevamo una linea e l’abbiamo tenuta. Le idee era chiare e quindi non c’era da fare delle scelte ma semplicemente da rimandare al mittente le varie proposte, fosse stato giugno sarebbe stato un altro discorso ma adesso non si puo’ parlare di difficoltà visto che non c’erano situazioni dubbie. Aggiungo che con il Presidente abbiamo deciso che i calciatori che parleranno di mercato di qui a giugno verranno multati perchè questo calciomercato è diventato troppo mediatico e basta una frase per scatenare una situazione più grande.”   Oltre all’operazione Ariaudo nella tua testa c’era anche qualche altro pensiero magari in ottica giugno?Le idee ce le abbiamo, noi pensiamo al futuro ma per pensare al futuro ci vogliono le risorse. La nostra è una società che adesso sta bene ma non potevamo anticipare certe situazioni. I giocatori comunque non finiscono mai e tutti gli anni ci sono giocatori nuovi interessanti. Adesso pensiamo a queste 15 partite perchè il campionato dell’Empoli inizia adesso.”   Cosa c’è di vero sui discorsi relativi all’interesse della Juve per Saponara?Con la Juve abbiamo buoni rapporti, Riccardo è un giocatore che sta facendo bene e dovrà ancora far bene, la Juve lo segue ma noi non abbiamo impegni con nessuno e siamo liberi di vedere a giugno quello che succederà. Di certo in quel momento sarà difficile trattenerlo e trattenerne altri.”   Alessio Cocchi / Simone Galli

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy