Pareggio a Pisa per gli azzurri, ma sono molte le ombre

Pareggio a Pisa per gli azzurri, ma sono molte le ombre

  PISA 2 EMPOLI 2   27′  Spinazzola; 43′  Tulli; 57′  Pecorini; 77′ Gatto     PISA: Sepe (dal 27’s.t. Pugliesi); Sbraga (dal 27’ s.t. Suagher), Colombini, Sabato (dal 27’ s.t. Rozzio); Buscé (dal 27’ s.t. Simoncini), Rizzo (dal 27’ s.t.

Commenta per primo!

 

PISA 2
EMPOLI 2

  27′  Spinazzola; 43′  Tulli; 57′  Pecorini; 77′ Gatto     PISA: Sepe (dal 27’s.t. Pugliesi); Sbraga (dal 27’ s.t. Suagher), Colombini, Sabato (dal 27’ s.t. Rozzio); Buscé (dal 27’ s.t. Simoncini), Rizzo (dal 27’ s.t. Gatto), Mingazzini (dal 27′ s.t. Barberis), Favasuli (dal 27′ s.t. Fondi), Benedetti (dal 27′ s.t. Carroccio); Perez (dal 27’  s.t. Strizzolo), Tulli (dal 40’ s.t. Lucarelli). Allenatore: Alessandro PANE     EMPOLI: Dossena (dal 1’ s.t. Pelagotti); Laurinì (dal 25’ s.t.  Ferreira), Romeo (dal 31’ s.t. Hisay), Pratali (dal 1’.s.t. Tonelli), Regini; Spinazzola (dal 10’ s.t. Pecorini), Moro (dal 20’ s.t. Signorelli),  Valdifiori (dal 1’ s.t.  Camillucci), Pucciarelli; Guitto (dal 40’ s.t. Frugoli); Shekiladze. A disposizione: Cori; Saccà; Tempesti. Allenatore: Maurizio SARRI    

ARBITRO: Sig. Verdenelli (Foligno)

Collaboratori: Chiocchi (Foligno) e Bottegoni (Terni)

 

 

NOTE: serata afosa e umida (27°C alle 21.30), terreno in buone condizioni. Spettatori 800 circa. Angoli 5-3 per il Pisa. Recupero: pt 0′; st 2′.

 

 

Test degli azzurri contro il Pisa in supplenza alla gara di Coppa Italia che purtroppo l’Empoli non gioca vista la prematura eliminazione. Anche il Pisa è stato eliminato al Primo Turno dal più quotato Padova, ma i nerazzurri hanno costretto i veneti ai calci di rigore.

 

Tornando a noi. E’ un Empoli che va a tratti e se nel primo tempo qualcosa di buono si riesce a vedere, nella seconda frazione la luce si spegne troppo spesso. Finisce 2-2 ma ripetiamo che l’Empoli non ci è piaciuto del tutto e se qualcosa di positivo si era intravisto nel corso del precampionato, questo, complici sicuramente anche le tante assenze a cui da tempo si deve far fronte (da notare i diversi primavera aggregati gioco-forza, ndr), sta iniziando a venir meno facendo preoccupare un po’ tutti, a partire dal tecnico Sarri, in vista dell’inizio del campionato.

 

Da segnalare anche che nella seconda frazione abbiamo assistito ad un episodio molto particolare; ovvero quando dopo pochi minuti Tonelli ha atterrato un calciatore del Pisa in area azzurra facendo decretare il rigore all’arbitro (animi tra l’altro molto surriscaldati in quel momento sia in campo che sulle tribune, ndr), che poi però non è stato concesso su segnalazione del guardalinee Chiocchi.

Sicuramente questo episodio ha contributo a far diventare ancora più vera una partita che di amichevole non ha avuto molto. Lo confermato alcuni rudi interventi dei giocatori in maglia nerazzurra su Regini, Guitto, Moro… Ovvio poi che i ragazzi di Sarri nella testa avessero alla memoria gli infortuni occorsi anche nelle recenti amichevoli come per esempio Croce che nell’amichevole di Carrara ha ricevuto un pestone talmente violento da rimediare la rottura di un piede…

 

Ed è stato soprattutto dietro che l’Empoli ha fatto vedere le cose che ci sono piaciute meno, salvo fatta eccezione per la discreta “prima” del Pampa Pratali. Davanti qualcosa in più si è visto ma la manovra spesso viene costruita in modo troppo macchinoso e prevedibile, anche qui è molto il lavoro che Sarri dovrà fare nei prossimi giorni.

I tanti cambi fatti dai tecnici nel finale hanno fatto poi scadere un match che ha visto come vero vincitore il grande caldo ed una condizione atletica, lato Empoli, ancora migliorabile. A proposito di questo va dato atto che anche in questa settimana la preparazione è stata piuttosto “pesante” e che solo dalla prossima si dovrebbero cominciare ad intravedere carichi più leggeri.

Nel Pisa è piaciuto il giovane Benedetti, che l’Empoli segue a distanza ma con molta attenzione; mentre davvero discreta la gara dell’ex Buscè, tanta corsa e molta sostanza, oltre al tasso tecnico elevato, tutte componenti che gli hanno fatto ricevere gli applausi del pubblico di fede nerazzurra. Buona anche la prova di Tulli autore del gol del momentaneo 1-1 di ottima caratura.

 

Domani sarà online una ricca sintesi del match, oltre alle interviste a Sarri e Pratali. Abbiamo intervistato poi il neo azzurro Andrea Cristiano.

      26′: GOOOOOOOOOLLLLLLLL : bella azione di Laurinì sulla destra che si “beve” la difesa del Pisa, e dal fondo rimette al centro per la deviazione a rete di piatto di Spinazzola. Un rigore in movimento la cui conclusione, deviata leggermente da un difensore del Pisa, mette fuoricausa il portiere dei padroni di casa. Occasione per il raddoppio per l’Empoli anche se il Pisa si è fatto preferire come capacità di giocare in profondità.   43′: pareggio del Pisa con un tiro improvviso dalla distanza di Tulli che insacca sotto l’incrocio dei pali. Un sinistro diabolico dai 25 metri che sorprende Dossena nonostante il portiere azzurro con un colpo di reni provi a raggiungere il pallone.   Tra le curiosità si segnala in Tribuna la presenza del neo acquisto Cristiano, che sta assistendo al match in compagnia del Presidente Corsi.   50′: azione in contropiede del Pisa; Tulli è lanciato a rete, entra in area e cade. Il direttore di gara senza esitazioni comanda la massima punizione. Poi però su segnalazione del primo assistente concede solo una punizione dal limite: forse l’azione fallosa era iniziata fuori dall’area di rigore. Vibranti proteste del Pisa sia in campo che soprattutto sugli spalti.   52′: azione da manuale del calcio dell’Empoli che con quattro passaggi tutti di prima passa dalla propria metà campo all’area di rigore avversaria, l’azione propone Shekiladze solo davanti al portiere pisano… ma il georgiano spreca appoggiando il pallone a fil di palo…   57′ GOOOOOOOOOOLLLL: vantaggio azzurro con Pecorini, appena entrato in campo al posto di Spinazzola. Conclusione dal limite dell’area di Guitto, palla sul palo e Pecorini pronto per il tap in.   77′ – Pareggio del Pisa con Gatto che da due passi trafigge Pelagotti.   92′ – Finisce 2-2, è un test che lascia alcune perplessità. Colpe: difesa che subisce due gol; a tratti iniziativa lasciata agli avversari. Attenuanti: il gran caldo, una preparazione ancora pesante, tante troppe assenze e condizione non ottimale di qualche elemento.  Attenzione però a non dimenticare che il Pisa è comunque la stessa squadra che ha imposto il 2-2 al Padova… quindi come per Sassuolo e per il Vicenza continuiamo a riproporre la solita frase “anche questo è calcio d’agosto”. Però da sabato prossimo, anche se è sempre agosto, si comincia a fare sul serio…    Da Pisa Gabriele Guastella

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy