Ufficiale: Buscè torna un calciatore azzurro

Ufficiale: Buscè torna un calciatore azzurro

Dopo una lunga fase di stallo, il mercato azzurro ha visto in poche ore molti movimenti importanti, iniziati con la cessione di Eder al Cesena e proseguiti con l’acquisto del 50% di Regini ed i prestiti al Gavoranno di Addario (come riportato in precedente articolo), Masini ed Alderotti. Adesso a

Commenta per primo!

Dopo una lunga fase di stallo, il mercato azzurro ha visto in poche ore molti movimenti importanti, iniziati con la cessione di Eder al Cesena e proseguiti con l’acquisto del 50% di Regini ed i prestiti al Gavoranno di Addario (come riportato in precedente articolo), Masini ed Alderotti. Adesso arriva l’ufficialità di un grande ritorno, quello di Antonio Buscè che si lega alla società azzurra per la stagione 2011/12.   E’ il sito ufficiale dell’EmpoliFC che con un “Bentornato Antonio” annuncia che nella giornata di domani le parti si incotreranno per apporre le firme che ratificheranno l’accordo. Un ritorno che come già detto era nel’aria da diverso tempo, con il collega Biuzzi (cosi come fu per Tavano) che per primo aveva fiutato il possile ritorno del giocatore, il quale aveva già deciso di tornare a vivere ad Empoli indipendentente dal suo futuro agonistico. Poi lo stesso Buscè, attreverso PianetaEmpoli.it, aveva fatto intendere che si era vicini all’accordo e che nel corso di questa settimana, indicando proprio mercoledì o giovedì, ci sarebbe stato l’incontro risolutivo.   Domani saranno più chiari i dettagli dell’accordo che ascolteremo dai diretti interessati, curiosi anche di sapere se Buscè si ripenderà il suo amato 24.   Ricordiamo che Antonio Buscè arrivò ad Empoli nel giugno del 2002, quando l’Empoli era in serie A sotto la guida di Silvio Baldini. Con gli azzurri vanta 242 presenze condite da 24 gol. Due anni fa il centrocampista campano fu ceduto alla Reggina che a sua volta, nel mercato di gennaio lo girò al Bologna.   M. dL.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy