emp-napoli (3)Nessun riposo dopo il match contro il Napoli. Essendo programmata per sabato la prossima partita degli azzurri, i ragazzi di Giampaolo saranno in campo già questa mattina per il primo allenamento in vista della trasferta di Udine.

 

Alle 11:00 circa infatti la squadra scenderà in campo per iniziare a preparare una sfida importante e non certo semplice in quello che potremmo definire il primo esame della stagione. L’Udinese è squadra che viene da un’inizio di stagione tutt’altro che felice (ieri sconfitta 2-0 dalla Lazio) e vorrà certamente onorare al meglio il secondo impegno nel “nuovo” stadio dopo aver battezzato questo con una sconfitta. Ma i bianconeri sono una squadra alla portata, ed in questo momento lamentano ancora un assemblaggio che non è definitivo e con diversi problemi soprattutto dalla cintola in su. Ma come detto, e come presumibile, i friulani giocheranno un match importante e sarà quindi per questo una gara che potrà misurare la febbre ai nostri fin qui apprezzabili per il gioco espresso ma con dei risultati che non stanno andando di pari passo alle prestazioni.

 

L’allenamento odierno dovrebbe (poi ve ne daremo conto nel pomeriggio) essere diviso tra coloro che hanno giocato e coloro che invece non hanno preso parte al match. I primi si dovrebbero limitare ad un defaticante in palestra mentre per gli altri sarà seduta vera.

Vedremo domani se la gara con il Napoli ha lasciato qualche strascico fisico, visto che anche ieri alcuni elementi hanno terminato il match con crampo: su tutto emblematico Saponara accasciatosi a terra a pochi minuti dalla fine. Da capire poi anche le condizioni di Cosisc e Buchel non convocati per la sfida di ieri a causa di alcune noie. Chi sicuramente dovrà saltare anche il prossimo match, e sarà quindi anche oggi ai box, è Levan Mchedlidze.

 

Settimana, quella in cui entriamo oggi, che servirà per dare maggiore confidenza ai nuovi arrivati, con soprattutto un Paredes che sembra davvero su trampolino di lancio, anche se, qualora fosse il polacco Zielinski nel suo mirino, dovrà fare davvero bene per convincere il mister, vista la buona prova di Piotr. Meno probabile invece un impiego dal primo minuto di Livaja che sembra ancora indietro di condizione e poi non sarà semplice per il croato scalzare uno tra Maccarone e Pucciarelli. Da valutare anche il ballottaggio tra Laurini e Zambelli.

 

Alessio Cocchi

CONDIVIDI
Articolo precedenteI numeri del match (Empoli/Napoli)
Articolo successivoLorenzo Tonelli: "Dobbiamo difenderci meglio"
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

12 Commenti

  1. Vincere! E’ dieci anni che non lo facciamo al Friuli.Scusate ma dopo dieci anni Who cares about Di Natale? Comunque a me spaventa la scarsa condizione fisica.L’Udinese ora è alla portata.

  2. Spero che si lavori molto sulla condizione fisica , abbiamo un autonomia di 50 minuti …Giampaolo e lo staff se migliorano questo c’ è la giochiamo con tutti

  3. Forse la dico grossa ma secondo me la rosa di quest anno e’ molto piu assortita dello scorso. Dobbiamo salire di condizione perché e’ impossibile reggere solo 50/60minuti. Nel finale si rischia di beccare con tutti. Spero tanto finalmente di portare via punti da Udine e fare marameo a Totò che c ha davvero rotto il ca@@o

    • Condivido. Abbiamo perso Valdifiori ma questo ragazzotto di 17 anni, oltre ad avere un’ottima visione di gioco è giovanissimo e molto molto più dinamico di Mirko, può veramente fare molto meglio. Abbiamo perso Tavano ed è arrivato il mastino che con qualche settimana di preparazione in più ed il clima freddo può davvero esplodere. Abbiamo molti più ricambi nel mezzo e molta più concorrenza che stimola tutti (basti vedere Piotr ieri).
      E’ vero, dietro abbiamo perso Rugani ma i sostituti riusciranno a farsi valere.
      E non dimentichiamo che lo scorso anno eravamo fossilizzati sul modulo mentre quest’anno abbiamo un mister in grado di cambiare all’occorrenza e ieri lo ha dimostrato.
      La condizione mentale c’è alla grande, manca solo quella fisica.
      Io sono MOLTO fiducioso.

  4. Qualcuno mi sa spiegare tutta la fraddezza che c’è stata ieri nei confronti principalmente di Sarri, freddezza che anche Sarri ha contributo ad alimentare. Ecco non me la so spiegare, non che avremmo dovuto osannarlo ma anche un semplice coro di quelli che gli facevamo quando ci faceva vedere il più bel calcio che si ê visto ad Empoli, questo me lo sarei aspettato. Ci sarà stato sicuramente qualche problema che ci è sfuggito x questo ve ne chiedo conto.
    Una cosa che invece non mi è sfuggita è stata il mancato saluto di Valdifiori alla maratona che lo ha applaudito calorosamente alla sua uscita……….una cosa veramente brutta!!!. Chi può dare delucidazione le dia perché ieri più di un tifoso non le ha capite!!

    • Sarri ha avuto un’uscita poco felice quando ad aun allenamento del Napoli, si e’ messo a saltare sul “Chi non salta bianconero e’ “.
      “Mi dispiace” ha riportato, ma ho nel cuore i colori viola e quelli del Napoli.Non mi potevo esimere ..”
      Grazie per esserti ricordato di Noi, “Allenatoreoperaiomandove”

  5. Udine sarà un bel banco di prova ma non facciamoci condizionare dai 3 punti in 3 partite dell’Udinese perché i bianconeri hanno affrontato Juventus, Palermo e Lazio e contro quest’ultime 2 non meritava di perdere. Inoltre e’ una squadra molto fisica con (come sempre) alcune individualità di rilievo come Zapata che ieri ha relegato Di Natale in panchina. Partita tosta quindi ma sarebbe molto importante dare continuità al pareggio di ieri.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here