Di Gabriele Guastella

.

marko-livaja
Marko Livaja

Ieri è stato il giorno dell’ufficializzazione dell’acquisto da parte dell’Empoli di un nuovo attaccante: ecco una particolare curiosità che lega il nuovo attaccante azzurro e l’attuale tecnico. La sera del 12 settembre 2012 l’Inter ospita al Meazza per la prima giornata del Girone Eliminatorio di Europa League i russi del Rubin Kazan. I nerazzurri vogliono partite bene in coppa, e mister Stramaccioni sta pensando di far esordire il giovane croato cresciuto nel settore giovanile Marko Livaja, al posto di Diego Milito. Una scelta che fa storcere il naso a qualche tifoso e a qualche esperto di calcio, ma non a Marco Giampaolo. L’attuale tecnico dell’Empoli, raggiunto da alcuni colleghi è sicuro: “Ho avuto Marko al Cesena la scorsa stagione – la stagione precedente infatti Giampaolo ha allenato per un periodo Livaja nel club romagnolo – e vi dico – prosegue il tecnico – che questo ragazzo è forte, mi ha subito impressionato. Ha temperamento, grande personalità, è forse il classe 1993 più forte che abbia mai allenato. Chi mi ricorda? Io l’ho soprannominato il Piccolo Rooney, lui davanti alla porta è cattivo, proprio come Rooney, per me può crescere tanto e diventare fortissimo“.

.

Per la cronaca: quella sera il “Piccolo Rooney” all’anagrafe Marko Livaja esordisce davvero, dal primo minuto al posto di Diego Milito e l’attaccante croato non smentisce mister Giampaolo, anzi. Il Rubin Kazan sorprende e spaventa i nerazzurri, dimostrandosi squadra ben più forte di quanto fosse stata disegnata alla vigilia, e passa in vantaggio con Ryzazantsev (19′) che ribatte in rete una respinta del portiere interista su rigore. L’Inter trova il pari proprio con Livaja: al 39′ è un suo colpo di testa che infila l’estremo del Rubin sul palo più lontano su assist di Cambiasso. Al 16′ della ripresa il numero 88 dell’Inter esce tra gli applausi del popolo nerazzurro, sostituito da Milito. Il match finirà 2-2 con botta risposta nel finale.

.

Di seguito il gol di Livaja segnato in quel match

23 Commenti

  1. Una rondine non fa primavera… quando gli argomenti sulla bontà di un giocatore non sono le stagioni in doppia cifra ma un goal in Europa League si parte bene..
    più forte di Rooney? Ci sta tutto: se Levan, come sostiene Corsi, è più forte di Ibra…
    quindi con la coppia Rooney-Ibra (scusate, meglio dei due..) rischiamo addirittura di vincere il campionato…

  2. nessuno ha capito il senso dell’articolo… pe voleva dire che non è arrivato Livaja a caso, ci sono arrivati lavorando tra allenatore e dirigenti, lo vedono alla grande sia accanto a Maccarone sia a fianco di Pucciarelli, e probabilmente con uno come Saponara o Zielinski alle spalle… chiaro ora?

  3. Sono scettico ma spero che l’operazione sia legata alla conoscenza allenatore-giocatore che magari abbrevierá i tempi di inserimento. Va da sè che uno fra levan e puccia rischia di doversi trovare un’altra sistemazione a gennaio. Anche a centrocampo ci sono alcuni doppioni…vediamo…per fortuna il prossimo avversario è un napoli finora molto opaco.

  4. Gandalf, scusa ma a sto giro non capisco. Sicuramente di attaccanti nel mondo c’è di meglio ma , tra i nomi che giravano cioè Avenatti, Galano, Falcinelli e Catellani, il giovane Croato , al netto di tutti i gossip e cazzate varie, è quello che tatticamente è più compatibile con il nostro modulo e con i nostri attaccanti (aggiungo anche con il nostro DNA). Si completa meglio con gli attuali attaccanti e parla lo stesso linguaggio tecnico. 1) Avenatti sarebbe stato un lusso tattico. Non puoi permetterti in A un ragazzone di due metri che necessità di una tipologia di gioco che non possediamo. Sarebbe rimasto in panchina pronto ad entrare in quelle situazioni di emergenza che uno non si augura mai. 2) Galano ? Per fare cosa ? E’ un mancino che predilige giocare alto a destra alla Siligardi, Cutolo, Piccolo, ect. quindi sarebbe stato utile in panchina anche come vice Saponara. Ma quella è gente che in panchina fa casino. 3) Falcinelli è bravo. Ma non ho mai pensato che fosse la tipologia di attaccante che servisse a noi. 4) Catellani. Incatalogabile tatticamente. Deve ancora capire qual’è il suo ruolo. In B va benissimo. In A …lascia fare. Con immutata stima, saluti 😉

    • Analisi perfetta come sempre Angelo, complimenti davvero.
      A me Avenatti sarebbe piaciuto se ci fosse stato bisogno di un cambio di modulo (Nel 3-5-2 sono convinto che sarebbe tornato utile!)

      • Caro Angelo, Avenatti non mi piace, Falcinelli andava bene per la panchina, ma entrambi sono prime punte, quindi servivano al posto di Levan…
        Livaja è una seconda punta, e secondo me è peggio di Galano, Catellani o altri che ho indicato nei mesi scorsi. Il campo come sempre darà il responso. I due sopra inoltre (proprio al contrario del casinista Livaja) erano proprio adatti alla filosofia Empoli, vale a dire grandi talenti ancora inespressi che con la nostra maglia esplodono

        • l’ho ribadito sotto Catellani qui sarebbe esploso bene non ne ho dubbi “ma si sà un c’è la riprova…come dicve qualcuno….”

    • Angelo su Catellani ti sbagli può indifferentemente fare la prima e la seconda punta
      ecco perchè era seguito da Carli e dal mister…è che lo Spezia non te lo da gratis….diciamo che si è puntato a Livaja in termini di scommessa vincente ed è conosciuto dal nostro mister e a me va bene questo tipo di scelta…di sicuro davanti porta può far meglio di Pucciarelli…la realtà parla chiaro…

      Comunque sia qua c’e’ qualcosa che non torna a centrocampo
      ci sono tanti doppioni e chi è arrivato è bravo chi metti in panchina come dici tu farà casino addiritura Paredes come gioco potrebbe anche insidiare Saponara

      Insomma o qualcuno se ne va o ci sarà troppa concorrenza a metà campo
      che senso ha scegliere tra Maiello Diusse e Ronaldo? o tra Croce Krunic Buchel Zieliski ….mah….

    • Ricordo a tutti che Pucciarelli ha ancora evidenti limiti quanto a capacità di segnare, ma l’anno scorso e in queste prime due partite con lui davanti si è visto gran gioco, scambi in velocità, assist e occasioni a go-go. Vediamo con Livaja (che tutti date per titolare ma secondo me non giocherà) per non parlare di Levan, il cui ingresso anche a Milano ci è costato il possesso palla, il gioco e la partita. Come dire: game, set, match!!!

  5. Le occasioni le costruiamo esattamente come l’anno scorso. Vediamo se finalmente adesso concretizzeremo di più. Bisogna crederci gente! L’asse Sapnara-Livaja è molto intrigante, via.

  6. Carli a Tuttomercato ha detto che il mercato è stato ottimo e sono stati centrati tutti gli obiettivi prefissi.
    A questo punto ci ha messo la faccia…

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here