Terzo giorno lavorativo della settimana che culminerà con il derby interno contro il Livorno di mister Madonna. Gli azzurri hanno in questa giornata giocato una partitella contro la Primavera di Martino Melis.

 

Come detto quindi oggi si è assistito ad una seduta prettamente tattica che è sfociata in una partitella amichevole contro la formazione Primavera dell’Empoli. Una Primavera a dire il vero un po’ spuntata da alcune assenze anche importanti e due mezzi prestiti alla prima squadra (Mazzanti e Castellani).

E nel primo tempo di questo incontro, mister Aglietti, ha mandato in campo un undici che parrebbe essere quello titolare, visto che ha ricalcato quello che più o meno si è visto nei giorni passati.

Un 4-3-1-2 con il ristabilito Lazzari a fare il trequartista e con Ze Eduardo a destra. Citiamo questi due calciatori perché in queste posizioni, a nostro avviso, ci sono ancora dei ballottaggi aperti con Brugman e Gallozzi protagonisti, ma oggi inseriti nelle seconda frazione con le presunte riserve.

Confermato anche il voler Regini, che non è andato male, come centrale di difesa accanto a Stovini, con Vinci e Gorzegno esterni.

In attacco, accanto a Ciccio Tavano, è partito quest’oggi il georgiano Mchedlidze.

Nella ripresa è scesa in campo, davanti al portiere Dossena, questa formazione: Buscè, Ficagna, Chara, Mazzanti; Gallozzi, Signorelli, Guitto; Brugman; Castellani, Dumitru.

 

E’ stato però un Empoli non brillante come ci si aspettava, soprattutto in termini di rapidità e sviluppo della manovra, una delle cose più richieste dal tecnico Aglietti in questi giorni. Soprattutto l’intesa con le punte è sembrata abbastanza sterile con i due attaccanti spesso in difficoltà. Per capirci, la frazione, terminata con un solo gol a zero, è stata figlia del solito tiro azzeccato da Tavano. Anche in fase difensiva la squadra oggi non è andata come immaginato, la nostra personale sensazione è che a volte c’è troppo timore e poca sicurezza.

Nel secondo tempo si è visto qualcosa in più ma va messo nel calderone l’avversario, una Primavera poco combattiva e stanca alla distanza. Vogliamo segnalare la buona prova di Mazzanti, schierato sulla fascia, non ha fatto assolutamente peggio di chi gli sta davanti nell’organigramma. Da segnalare, per dare a Cesare quel che è di Cesare, un Dumitru molto volitivo, autore anche di un bellissimo gol.

 

Non hanno preso parte all’incontro né Saponara che era con l’Under21, ne gli indisponibili Shekiladze, Valdifiori, Mori, Tonelli e Maccarone. Questi ultimi tre erano però a lavorare sul campo centrale con il preparatore Selmi e per tutti e tre arrivano notizie confortanti, addirittura si potrebbe pensare ad un recupero lampo ed alla convocazione. Anche Maccarone sembra aver riguadagnato tutta la prestanza, adesso c’è solo da capire se il gioco può valere la candela o magari, con un altro incontro alle porte, potrebbe magare essere più prudente non rischiare il giocatore.

 

Gli azzurri torneranno in campo domani, ma come accadrà poi anche venerdi per la rifinitura, la seduta sarà rigorosamente a porte chiuse.

 

Al. Coc.

CONDIVIDI
Articolo precedenteI precedenti tra azzurri e labronici
Articolo successivoFantacalcio | Risultati del 25-26 febbraio 2012
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

7 Commenti

  1. “Anche Maccarone sembra aver riguadagnato tutta la prestanza, adesso c’è solo da capire se il gioco può valere la candela o magari, con un altro incontro alle porte, potrebbe magare essere più prudente non rischiare il giocatore”
    Perbacco, ma l’altro incontro è con la Samp!

  2. Usualemi, poi vedrai che riproverà con la squadra e sentira’ qualcosa, perciò per non rischiare gli faranno saltare la trasferta di Genova !!!!

  3. ma secondo voi e’ giusto in una partita
    del genere lasciare fuori l’esperienza
    ed il carisma di busce’?
    in fin dei conti non mi sembra peggio di ze edoardo..

  4. La frase sotto fa riflettere:
    “E’ stato però un Empoli non brillante come ci si aspettava”
    è un classico dell’Empoli di quest’anno.
    Facciamo caro “Aglio” che ce la giochiamo di contropiede?
    Mi sà che è meglio? visti anche i risultati del Livorno in casa?
    è?
    Ma darmi retta una volta no è?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here