Squadra in campo quest’oggi per il secondo giorno di lavoro in vista del match interno di sabato contro il Varese.

 

allenamento empoliIn programma, come accade quasi sempre al martedì, una doppia seduta, dove al mattino si è badato maggiormente alla parte atletica.

Nel pomeriggio, sul campo “Sussidiario”, mister Sarri ed il suo staff hanno iniziato più intensamente a cucire il prossimo abito che gli azzurri indosseranno.

Un allenamento dove ci si è concentrati maggiormente sulla parte difensiva, andando a rivedere anche alcune situazioni capitate nel corso della partita contro la Reggina.

Una difesa nella quale è tornato quest’oggi a prender posto Daniele Rugani, dopo la parentesi in Under21. Il centrale ex Juve dovrebbe tranquillamente essere tra gli undici che sfideranno i lombardi, anche se sempre dietro ci si aspetta anche il “debutto” di Pratali.

Per un Rugani che torna c’è però un Barba che se ne va, ancora una volta, con l’Under20, anche se il romano tornerà in tempo per la rifinitura.

Guardando sempre alla difesa c’è da segnalare (anch’egli in nazionale) l’assenza di Hysaj. Qui il discorso si fa più interessante perché Mario Rui sta bene e viene da due prove convincenti. L’albanese dovrebbe tornare domani, e saranno fondamentali gli ultimi giorni di allenamento per capire chi andrà ad agire da terzino sinistro.

 

La seduta è terminata con la solita partitella tattica dove la squadra si è mossa con il 4-3-1-2.

Dubbi ce ne sono anche in altre zone del campo, soprattutto a vedere come mister Sarri mischia le carte, ma crediamo che dalla cintola in su, se non ci saranno defezioni fisiche, vedremo gli stessi di Reggio.

Buone notizie per Tavano che ieri era ai box per una botta rimediata in Calabria: Ciccio-gol sta molto meglio ed oggi ha lavorato in gruppo.

A parte si sono mossi invece Accardi e Shekiladze, con il primo che potrebbe però già domani rientrare nei ranghi.

 

Per domani è prevista una seduta a partire dalle 15:30.

 

Alessio Cocchi

CONDIVIDI
Articolo precedenteGiudice Sportivo serie B
Articolo successivoAl via i Mondiali Under 17
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

8 Commenti

  1. Speriamo in partite migliori 4 punti in 4 partite non sonoun segno positivo… perdere con chi e’ in fondo alla classifica non e’ il segno migliore c’e’ poco da scherzare. I limiti del modulo di Sarri sono venuti al pettine, vedremo…

    • Hai ragione “i tifosi dell’Empoli sono altri!!!” difatti su PE se ne leggono molte di opinioni anche molto educate ma i commenti più assidui sono di circa 3 tipi:
      1) Chi dice parole povere nel lessico ma che a volte rasentano l’offensivo;
      2) Chi discute e da opinioni proprie sulla tecnica, strategia e tattica, qualità di giocatori e allenatore;
      3) Chi di tecnica non ci capisce niente e tiferebbe anche sul primo “brodo” che capita;

      Tifare non è solo non vedere o non voler vedere la reale situazione di gioco e io sono liberissimo di dissentire su alcune scelte che fa Sarri, proprio perchè sono tifoso.

  2. …che du’ coglioni ‘sta piega che ha preso il nostro ambiente. Se uno ha qualcosa che un gli torna, e lo fa presente, subito ad essere tacciato di gufo o tifoso di altre squadre. Ma dove è scritto che chi un dice mai nulla è più tifoso di quello che si scazza continuamente? Io, sinceramente, posso fare anche dieci partite senza perdere, quando arriva la sconfitta però e mi gira le palle per almeno due tre gg boni, non è che perché ne ho vinta/pareggiate 10 rido e son sereno.

    • ..perfettamente d’accordo…..infatti riguardo lo scorso anno mi girano ancora le paxxe per in punti buttati con il verona in casa e con la ternana (2 rigori sbagliati) nonostante si sia fatto un grande campionato :-))))

  3. La critica, se educata ed intelligente aiuta a migliorare, opporsi alla critica ed accettare qualunque situazione per punto preso è sintomo di appartenenza al gregge

  4. Io proverei Hysaj a destra (suo ruolo naturale) e Mario Rui a sinistra: Vincent Laurini non è quello dell’anno scorso. Anche Croce deve ancora raggiungere i livelli del 2012/2013 e sarei curioso di vedere Castiglia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here