ph empolifc
ph empolifc

Dopo aver goduto ieri di un giorno di riposo, quest’oggi la squadra azzurra è tornata al lavoro per iniziare a preparare la prossima sfida di campionato: quella con la Samp.

La gara contro i blucerchiati chiuderà di fatto la stagione 2014/15 al Castellani. Ricordiamo che si giocherà alle ore 12:30.

 

Allenamento diviso per i ragazzi di Sarri. Da una parte coloro che hanno giocato a Verona, che si sono limitati ad un defaticante, mentre dall’altra tutti gli altri che hanno sostenuto una seduta più tradizionale.

Ovviamente l’allenamento di oggi non ha fornito assolutamente indicazioni per quelle che potranno essere le scelte di Sarri, stavolta però la sensazione è che mister Sarri possa optare per un massiccio turn over, dando cosi spazio a chi ne ha avuto meno nel corso di questa stagione.

Intanto possiamo dire che tutti gli effettivi sono a disposizione, eccezion fatta per il solito Guarente.

Anche Mario Rui, che con la schiena non è apposto al 100%, cercherà di stringere i denti dando la sua piena disponibilità per questa appendice di campionato. Capiremo poi meglio, nel corso della settimana, quelle che potrebbero essere le indicazioni e le eventuali “variazioni”.

 

La squadra tornerà in campo domani con una doppia seduta di lavoro.

 

Alessio Cocchi

CONDIVIDI
Articolo precedenteDa Genova…parla l'ex Regini
Articolo successivoPremio della Critica "LdA 2015" a Daniele Croce
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

7 Commenti

  1. “Anche Mario Rui, che con la schiena non è apposto al 100%”……….

    Tanto per chiarire:

    Se dobbiamo usare a posto in frasi come “mettere a posto” o “tutto a posto”, si dovrà scrivere a posto, staccato e senza raddoppiare la p.

    La forma apposto, infatti, è il participio passato del verbo apporre.

    Es.: Ho apposto la mia firma sul documento.

    Non fatevi ingannare dalla lingua parlata, in cui è frequente il raddoppiamento fonosintattico (= il raddoppiamento subìto nella pronuncia della consonante iniziale di una parola legata alla precedente), fenomeno caratteristico soprattutto del toscano e dei dialetti meridionali. Anche a posto può subire il raddoppiamento fonosintattico nella lingua parlata, ma questo non consente eccezioni alla regola: si scrive a posto. La locuzione non ha subito il fenomeno dell’univerbazione che ha caratterizzato, invece, parole come soprattutto, contraccolpo, cosiddetto.

    Non fatevi ingannare, dunque, dal titolo della canzone “Tutto apposto a Ferragosto”!

    • Ti rispondo come farebbe il GRANDE AUGUSTO dei Nomadi:

      “Tutto è a posto, lo so

      tutto è a posto, perché

      tutto è come quando me ne andai

      tranne lei…

      Ma tutto è a posto oramai

      anche se ho capito che

      il mio posto nel suo mondo più non c’è…

      Ma tutto è a posto oramai

      anche se ho capito che

      il mio posto nel suo mondo più non c’è….”

  2. Di certo Mihajlovic nei 2 giorni passati a vedere gli allenamenti dell’Empoli, saprà ormai tutto dei nostri schemi. Che si fa? Come ovviare? Cosa inventarsi?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here