Ancora incerto il futuro di mister Giampaolo

Ancora incerto il futuro di mister Giampaolo

È vero la salvezza aritmetica ancora non è arrivata e forse sarà soltanto in quel momento che veramente le parti potranno mettersi a sedere e valutare il da farsi per un eventuale prosecuzione del rapporto o meno. Che qualcosa però non sia totalmente chiaro sembra abbastanza scontato. Il futuro

Commenta per primo!

samp-empoli (3)È vero la salvezza aritmetica ancora non è arrivata e forse sarà soltanto in quel momento che veramente le parti potranno mettersi a sedere e valutare il da farsi per un eventuale prosecuzione del rapporto o meno. Che qualcosa però non sia totalmente chiaro sembra abbastanza scontato. Il futuro di Marco Giampaolo non lo vogliamo assolutamente dipingere come un giallo, sarebbe anche ingeneroso verso il lavoro che lo stesso tecnico ha fatto fin qui compiendo proprio ieri una sorta di miracolo sportivo che, unita alla ormai quasi certa salvezza, lo mette di diritto tra gli allenatori più importanti della storia azzurra. Ma proprio per questo stranisce il fatto che ancora non ci siano state le basi per poter valutare quello che dovrà essere il futuro della panchina azzurra.   Inizialmente ci hanno raccontato che l’andamento positivo della squadra non implicava particolari decisioni da parte della società, anzi che queste sarebbero state prese proprio in un eventuale momento di difficoltà. Il suo momento difficile l’Empoli lo ha vissuto e credendo di non sbagliare potremmo dire che ieri questo è stato superato. Dunque quale miglior occasione se non questa per sancire l’unione futura tra le parti chiudendo anche a tanti discorsi che si leggono accostando il nome dell’attuale tecnico azzurro ad altre squadre? Quale miglior momento… se la cosa si vuole?   Nel dopo gara di ieri vista anche la serenità e la felicità che aleggiava nella sala stampa del Castellani abbiamo volutamente interrogato sia il Presidente Corsi che lo stesso tecnico sul tema del rinnovo.  Le parole le avete sentite o se non le avete ancora ascoltate lo potete fare attraverso le interviste del dopo gara. Parole che di fatto non dicono niente di preciso e che non possono assolutamente far sbilanciare un discorso da una parte o da un’altra, parole per certi versi criptiche, parole che cercavano in qualche modo di allontanare la boccia dal boccino. Almeno questa la personale interpretazione di chi scrive. Il prendere tempo, il portare la cosa ancora un po più in la, sembrerebbe essere la strategia delle parti in causa, provando magari a rimandare veramente  al giorno della salvezza aritmetica ogni discorso. L’importante è non commettere l’errore fatto con e da Sarri, mettendo la trasparenza davanti a tutto e parlando chiaro sul cosa si vuole e cosa non si vuole, situazione che non pretendiamo certo venga sbandierata a noi ma che almeno nella stanza dei bottoni venga fatta, cosi da poter ripartire già il 16 maggio con la certezza della  guida tecnica per la prossima stagione per al quale ancora più che per questa la programmazione sarà fondamentale.   Alessio Cocchi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy