Daniele Rugani a PE: ” Torno per ritagliarmi i miei spazi”

Daniele Rugani a PE: ” Torno per ritagliarmi i miei spazi”

Lo possiamo considerare il primo acquisto della stagione 2013/14, anche se di acquisto vero e proprio non si tratta. Torna ad Empoli, per giocarsela tra i grandi, dopo l’esperienza nella primavera della Juventus. Parliamo di Daniele Rugani. Lo abbiamo sentito per ascoltare le sue prime sensazioni

Commenta per primo!

Lo possiamo considerare il primo acquisto della stagione 2013/14, anche se di acquisto vero e proprio non si tratta. Torna ad Empoli, per giocarsela tra i grandi, dopo l’esperienza nella primavera della Juventus. Parliamo di Daniele Rugani. Lo abbiamo sentito per ascoltare le sue prime sensazioni alla vigilia di una stagione per lui importantissima.   Ciao Daniele. Allora adesso è ufficiale, il prossimo anno torni ad Empoli e torni per giocartela con la prima squadra… Eh si, e sono contento perché anche lo scorso anno, quando ci fu il passaggio alla Juve, per me fu importante che l’Empoli rimanesse comproprietario del mio cartellino. Sono affezionato a questa società ed a questa maglia, dove, salvo fatta eccezione per la scorsa stagione, gioco da 8 anni.”   Pero’ insomma, eri alla Juve, niente male… Assolutamente, ci mancherebbe. Quella in bianconero è stata un’esperienza pazzesca, ho giocato in tornei importanti come la “Champions dei giovani”, vinto la Coppa Italia, fatto un campionato ad alti livelli ed ho avuto la fortuna di allenarmi diverse volte con la prima squadra. Come hai detto te, niente male (ride, ndr.)   Senti, toglici una curiosità, chi ti è stato più vicino tra quei grandi campioni e come è stato vivere accanto a loro? E’ stata un’emozione grande. Pensare che c’era gente che ha vinto la Coppa del Mondo, calciatori visti solo in tv e sulle figurine che invece erano a scambiare la palla con me ed a parlare come se fossi un normale amico. Ti posso dire che sono tutti ragazzi molto alla mano, nessuno che se la tiri, e questa è stata la sorpresa più bella. Mah, più vicini a me, ti potrei fare due nomi: Pirlo e Bonucci.”   Daniele veniamo al futuro. La prossima stagione, in azzurro, ti confronterai tra i grandi, in una serie B che è un campionato ovviamente diverso da quello giovanile… Si, questa sarà infatti una stagione molto sfidante e che mi servirà per crescere. Sono consapevole delle enormi differenze che ci sono tra i Professionisti ed i settori giovanili, nonostante io abbia avuto la fortuna di giocare in due tra i migliori d’Italia.”   Quali sono le tue aspirazioni per il prossimo anno? Io darò il 110% in ogni singolo giorno, cercando di mettermi in mostra e sperando di potermi ritagliare i miei spazi. So che non sarà facile, che c’è una concorrenza molto forte data da bravissimi calciatori che già da anni giocano in queste categorie. Posso promettere che darò il massimo.”   Hai già sentito mister Sarri? Non ho avuto ancora il piacere, ormai credo che succederà il primo giorno di ritiro per il quale già mi sto concentrando.”   Allora l’appuntamento è per il raduno, per adesso buone vacanze.. Grazie, si ci vedremo li, ma quest’anno niente vacanze, solo un po’ di relax a casa.”   Alessio Cocchi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy