Il Perugia piomba su Coralli

Il Perugia piomba su Coralli

Potrebbe esserci uno sviluppo nuovo per quanto riguarda la situazione del “Cobra”, Claudio Coralli.   Il giocatore, mandato in prestito a gennaio alla Cremonese, sta attendendo di capire se il club grigiorosso eserciterà o meno il diritto di riscatto sull’intero cartellino, facendo quindi di

Commenta per primo!

Potrebbe esserci uno sviluppo nuovo per quanto riguarda la situazione del “Cobra”, Claudio Coralli.   Il giocatore, mandato in prestito a gennaio alla Cremonese, sta attendendo di capire se il club grigiorosso eserciterà o meno il diritto di riscatto sull’intero cartellino, facendo quindi di Coralli un giocatore di sua proprietà per il futuro a partire dalla ventura stagione. Situazione ovviamente che interessa anche agli azzurri perchè da qui potrebbero valutare se inserire l’esperto attaccante nel progetto del prossimo Empoli o  gestirlo commercialmente verso un altro club, perchè le sensazioni, nonostante le dichiarazioni di Coralli, sono quelle di non rivedere in azzurro il bomber di Borgo, anche se l’ultima parola, dovesse essere di ritorno, spetterebe al futuro allenatore empolese.   Ed in queste ultime ore su di lui è piombata come un falco, meglio come un grifone, il Perugia, club ambizioso che sta tentando la risalita verso la B e che sta allestendo una squadra di prim’ordine per affrontare al meglio il campionato di Prima Divisione della prossima stagione. Direttamente dall’ATA hotel di Milan, il direttore sportivo umbro, Arcipreti, avrebbe dichiarato ai microfoni di tutti i siti specializzati in calcio mercato, del desiderio di portare alla corte del presidente Moneti, un attaccante del calibro di Claudio Coralli, definendolo l’oggetto del desiderio.   E sembra davvero volere far sul serio la società biancorossa che nella giornata di oggi potrebbe interfacciarsi sia con la Cremonese che con i dirigenti azzurri per capire quale strada percorrere e quali costi eventualmente dover sopportare per arrivare alle prestazioni del giocatore.   To. Che.

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy