Potrebbe esserci uno sviluppo nuovo per quanto riguarda la situazione del “Cobra”, Claudio Coralli.

 

Il giocatore, mandato in prestito a gennaio alla Cremonese, sta attendendo di capire se il club grigiorosso eserciterà o meno il diritto di riscatto sull’intero cartellino, facendo quindi di Coralli un giocatore di sua proprietà per il futuro a partire dalla ventura stagione.

Situazione ovviamente che interessa anche agli azzurri perchè da qui potrebbero valutare se inserire l’esperto attaccante nel progetto del prossimo Empoli o  gestirlo commercialmente verso un altro club, perchè le sensazioni, nonostante le dichiarazioni di Coralli, sono quelle di non rivedere in azzurro il bomber di Borgo, anche se l’ultima parola, dovesse essere di ritorno, spetterebe al futuro allenatore empolese.

 

Ed in queste ultime ore su di lui è piombata come un falco, meglio come un grifone, il Perugia, club ambizioso che sta tentando la risalita verso la B e che sta allestendo una squadra di prim’ordine per affrontare al meglio il campionato di Prima Divisione della prossima stagione.

Direttamente dall’ATA hotel di Milan, il direttore sportivo umbro, Arcipreti, avrebbe dichiarato ai microfoni di tutti i siti specializzati in calcio mercato, del desiderio di portare alla corte del presidente Moneti, un attaccante del calibro di Claudio Coralli, definendolo l’oggetto del desiderio.

 

E sembra davvero volere far sul serio la società biancorossa che nella giornata di oggi potrebbe interfacciarsi sia con la Cremonese che con i dirigenti azzurri per capire quale strada percorrere e quali costi eventualmente dover sopportare per arrivare alle prestazioni del giocatore.

 

To. Che.

CONDIVIDI
Articolo precedenteNews mercato serie B
Articolo successivoSpezia conferma: " Vorremmo Tavano"
Giornalista pubblicista, da sempre tifoso azzurro è tra i fondatori di Pianetaempoli.it sul quale scrive ininterrottamente dal 2008. Per PE, oltre all'attività quotidiana, si occupa principalmente delle interviste post gara da tutta Italia. E' stato speaker ufficiale dell'Empoli FC per 5 stagioni.

15 Commenti

  1. Primo commento di Coralli, fatto al telefono al suo procuratore, appena appresa la notizia dell’interessamento del Perugia:
    «aspetta, aspetta un attimo che controllo… aspetta… si, si… digli pure di si, che va bene… ho controllato nell’armadio ed ho la maglia degli ultras del Grifone. Per me va bene, so già cosa indossare sotto la maglia della squadra e sopra la pancera!»
    😉

  2. Ahahaha!!
    ATTENZIONE!!
    CLAUDIO CORALLI VICINO AL CERTALDO,SEMBRA CHE L’ACCORDO CI SIA’!!
    ahaahaahah!!! Poerino..!!
    Ciao claudione 🙂

  3. “…e quali costi eventualmente dover sopportare per arrivare alle prestazioni del giocatore.”
    Perugini preparate il cash perchè ve lo facciamo pagare al chilo 🙂

  4. Ma poverino di cosa scusate guadagna 200 volte quello che guadagnate voi poveracci che scrivete sempre male degli ex giocatori dell’Empoli !!!

  5. Bè….ADESSO TUTTI LO ODIANO PER IL COMPORTAMENTO AVUTO QUEST’ANNO ALL’ARRIVO DI MACCARONE E SE DAVVERO E’ VERO COME NON DARVI RAGIONE(mai sentite però conferme o smentite da parte del giocatore o della società.).Comunque non sminuirei tanto la bravura di Coralli,che a parte quest’annata piena di infortuni,il gollettino in B CE L’HA PIUTTOSTO FACILE,visto quante volte l’ha buttata dentro!

    • Nessuno mi sembra sminuisca la sua bravura.
      Chi ce l’ha con lui (me compreso) non lo giudica come giocatore, ma come uomo.
      Come lo definiresti Tu uno che è stato spesso anche il capitano dell’empoli e che nel momento più delicato della storia (recente) degli azzurri, dopo aver inanellato solo infortuni e partite mediocri, abbandona la nave per “evitare la concorrenza” (3 soli giocatori per 2 ruoli, si badi bene…) e chi s’è visto s’è visto???

        • O Alberto, via, non dire bischerate!
          Se uno sceglie di fare il calciatore, alla luce dei soldi che prende e della vita agiata che può permettersi (anche se gioca “solo” nell’Empoli) deve mettere in conto di essere giudicato ANCHE come uomo.
          Altrimenti, se valesse quello che dici tu, tutti i discorsi fatti sull’etica dei calciatori, che devono essere d’esempio per i giovani, con il loro comportamento in campo e fuori (come uomini), verrebbero cancellati con un colpo di spugna.
          No, Alberto, non sono affatto d’accordo con quello che dici!

  6. Non comprendo l’ironia. Il Perugia è in C1 ed è una piazza ambiziosa. L’Empoli è in B ma come pubblico e ambizioni è al minimo. Non mi sembra un declassamento.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here