“Il Punto”, con Alessandro Marinai…

“Il Punto”, con Alessandro Marinai…

Torniamo, come ogni settimana, in compagnia del collega Alessandro Marinai per la consueta rubrica di approfondimento “Il Punto”. Con Alessandro proveremo ad analizzare il momento della squadra azzurra.   Alessandro ben trovato. Siamo tornati a Roma ed ancora, in quello stadio, contro i giall

Commenta per primo!

Torniamo, come ogni settimana, in compagnia del collega Alessandro Marinai per la consueta rubrica di approfondimento “Il Punto”. Con Alessandro proveremo ad analizzare il momento della squadra azzurra.   Alessandro MarinaiAlessandro ben trovato. Siamo tornati a Roma ed ancora, in quello stadio, contro i giallorossi abbiamo disputato una grande gara mettendo seriamente in difficoltà i più blasonati avversari…Non avevo grossi dubbi circa la prestazione positiva che avrebbe fatto l’Empoli per una serie di motivi. Non ultimo la voglia di riscattare l’eliminazione dalla Coppa Italia, soprattutto per il modo in cui è arrivata. E’ vero che la Roma non sta attraversando un bel periodo, ma è altrettanto vero che non era assolutamente facile andare a fare risultato su un campo storicamente difficile per gli azzurri. Una bella e pronta reazione alla sconfitta contro l’Udinese“.   A PEnAlty Sprint abbiamo il momento X, che voglio ripescare anche qui oggi. Momento che sicuramente è coinciso con l’espulsione di Saponara… “Sì, sono d’accordo e lo dissi anche sabato sera in trasmissione. L’espulsione di Riccardo è stato un momento cruciale perchè ha cambiato il tema della gara anche per il momento in cui è arrivata. Andare al riposo sull’1-0 e in superiorità numerica sarebbe stato un vantaggio anche psicologico non indifferente. Puntare a sfruttare le ripartenze con un giocatore come Saponara in campo sarebbe stato importante, ma purtroppo non è andata così”.   Ancora una volta però, per Roma-Empoli, dobbiamo parlare di arbitri. Per certi versi è stata una comica, con un direttore di gara che forse non era in malafede ma sicuramente era molto scarso… “E’ stato anche mal assistito, diciamolo. Sull’episodio di Saponara però sono sincero: rivedendo il replay più volte non sono riuscito a capire dove sia battuta la palla, questo per dire che stavolta non sono d’accordo nell’accanirsi contro l’arbitro per questo episodio. Forse l’ha presa di spalla, ma il movimento del braccio verso il pallone poteva trarre in inganno. Trovo molto più sconcertante l’ammonizione di Croce avvenuta a due passi dall’assistente. In generale una gara non sufficiente ma non in malafede, semplicemente  non era nella sua giornata migliore e comunque la qualità arbitrale è quella che è, ma secondo me è destinata a peggiorare”.   Tanti tanti pareggi. Vero che a Roma si deve parlare per forza di cose di punto guadagnato e di impresa, ma alla lunga il non vincere… “E’ fondamentale tornare alla vittoria perchè con tutte queste mezze sconfitte la classifica si muove troppo lentamente. Il punto di Roma lo prendo e lo tengo stretto perchè è un punto guadagnato. Non sono molto d’accordo con quelli che sostengono che l’Empoli meritava tre punti, per quanto visto in campo il pareggio è un risultato giusto… Diciamo che gli azzurri avevano creato i presupposti per ottenere la vittoria, ma questi son venuti meno dall’espulsione di Saponara e il secondo tempo è stato di comprensibile sofferenza anche se alla fine è stato un predominio decisamente sterile da parte dei giallorossi”.    Ed infatti domenica arriva il Cesena ad Empoli. Gara che non puo’ avere mezze misure… “L’appuntamento con la vittoria non è più rimandabile e questa partita presenta ulteriori risvolti positivi da cogliere perchè è un avversario diretto per non retrocedere. Non sarà semplice perchè loro vengono da un buon periodo, i sei punti delle ultime due gare hanno donato loro entusiasmo e vitalità oltre ad una classifica migliore. Credo che verranno comunque a giocarsela, a meno che non decidano di giocarsi il tutto per tutto in casa e in trasferta vadano a cercare il punticino”.   Gara nella quale mancheranno Croce e Saponara… “Due assenze importanti, ma chi sarà chiamato a sostituirli saprà esattamente cosa deve fare. Dispiace perchè la squalifica di Croce è giunta per un errore marchiano dell’arbitro, mentre a Saponara sarebbe servita continuità per trovare lo stato di forma ideale. Peccato”.   E’ finito il mercato. Il bilancio di Alessandro Marinai… “E’ finito? Era l’ora! Il mercato di riparazione dovrebbe durare tre giorni, al massimo cinque, e dovrebbe essere concentrato nel periodo di pausa. Sarebbe perfetto, ma di difficile realizzazione, se coincidesse pure con la fine del girone d’andata. Sembrava che l’Empoli dovesse fare poco e invece qualcosa ha fatto. Io, lo sapete, ero tra quelli che sostenevano di non fare nulla, al massimo qualche cessione su espressa richiesta. Alla fine ne sono partiti sette e per riequilibrare ne sono arrivati tre. Partito Moro arrivato Brillante, partito Laxalt arrivato Saponara, partiti due difensori arrivato Somma, gli altri erano già in più visto che non avevano mai giocato, come i due difensori del resto. La punta? Va bene così, ho già espresso il mio parere in più occasioni ed ho sempre sostenuto che non ce ne fosse bisogno”.   E tra le concorrenti alla lotta salvezza chi si è mosso meglio? “Mah… Non mi pare di aver visto grossi colpi in questo mercato. Correggere le squadre a gennaio è possibile, ma molto rischioso e difficile”.   Per chiudere, come sempre, promossi e bocciati dell’ultimo turno di serie A… “Torino sul podio perchè una squadra in crisi di risultati che riesce a rifilare cinque gol a una delle sorprese del campionato come la Sampdoria  significa tanto sotto tutti i punti di vista. Sul podio anche il Cesena, non era facilmente pronosticabile una vittoria contro la Lazio. Tra i bocciati sicuramente l’Inter (e Icardi) uscita di nuovo sconfitta per 3-1 contro il Sassuolo. Bocciato anche il giudice sportivo, la mancata squalifica di Pjanic è un’offerta per chi in passato ha pagato per queste situazioni. È chiaramente sottinteso che pure il giocatore della Roma finisce dietro la lavagna”.   Alessio Cocchi

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy